Pinacoteca comunale di Città di Castello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pinacoteca comunale di Città di Castello
Città di Castello Pinacothèque La Cannoniera.jpg
L'ingresso al museo
Tipo Arte, pinacoteca
Data fondazione 1912
Indirizzo via della Cannoniera 22/a, Città di Castello
Sito Pinacoteca comunale di Città di Castello

Coordinate: 43°27′15.5″N 12°14′18.6″E / 43.454306°N 12.2385°E43.454306; 12.2385

La Pinacoteca comunale di Città di Castello è situata nel palazzo Vitelli alla Cannoniera, eretto dalla famiglia Vitelli nella seconda metà del Cinquecento. Il palazzo è sede del museo dal 1912, in seguito alla restaurazione operata da Elia Volpi.

Struttura del museo[modifica | modifica wikitesto]

Le opere sono esposte in 21 sale[1] disposte nei diversi piani e corridoi che compongo il palazzo. Una nuova ala contiene diversi gessi di Elmo Palazzi, una collezione di bronzi di Bruno Bartoccini e 23 opere donate da Ettore Ruggieri. L'ala nuova della struttura, inaugurata nel 2006, è riservata alle contaminazioni con le arti contemporanee, in dialogo ideale con il patrimonio lasciato alla città dal grande Maestro, Alberto Burri.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Porzione dello Stendardo della SS. Trinità

La pinacoteca accoglie:

Collezioni[modifica | modifica wikitesto]

Gipsoteca di Elmo Palazzi[modifica | modifica wikitesto]

La gipsoteca comprende i calchi in gesso di numerose opere di Elmo Palazzi, scultore italiano nato a Città di Castello. In questa collezione sono raccolte l'allegoria dell'Umbria e due allegorie della Previdenza.

Collezione di bronzi di Bruno Bartoccini[modifica | modifica wikitesto]

La collezione è composta da 35 opere donate dallo stesso artista alla città. Le opere, composte dagli anni sessanta in poi, rappresentano le forme e il movimento dell'uomo nel contesto della semplice quotidianità.

Collezione Ettore Ruggieri[modifica | modifica wikitesto]

È composta da 23 opere donate da Ettore Ruggieri, medico-chirurgo morto nel 1978. La donazione testimonia il legame con Città di Castello, città natale della madre. Nella collezione sono presenti dipinti di Ottone Rosai, Gerardo Dottori e Giorgio De Chirico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Le sale della pinacoteca

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]