Pieve di San Giovanni in Campo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pieve di San Giovanni in Campo
Campo nell'Elba-Pieve di San Giovanni in Campo.jpg
StatoItalia Italia
RegioneToscana
LocalitàCampo nell'Elba
ReligioneCattolica
Diocesi Massa Marittima-Piombino
Inizio costruzione1150 circa

Coordinate: 42°45′40.94″N 10°11′54.75″E / 42.761372°N 10.198542°E42.761372; 10.198542

La pieve di San Giovanni in Campo è un edificio sacro in stile romanico pisano che si trova in località Morota nel territorio comunale di Campo nell'Elba.

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio, ricordato nelle Rationes decimarum del 1298, presenta una pianta a navata unica con abside semicircolare. Al vertice della facciata, al di sopra della finestra cruciforme, è il campanile a vela ad una sola luce. La costruzione della pieve risale alla metà del XII secolo. Priva della copertura a causa dell'assalto di Dragut (1553) alleato con Francesco I, fu in parte officiata sino al 1837 grazie ad una copertura provvisoria che riparava il solo settore presbiteriale. La pieve venne verosimilmente edificata con materiale lapideo proveniente dalla soprastante cava medievale di San Piero in Campo.

La pieve è stata restaurata nel 1973. Nei pressi si trova la torre di San Giovanni, anch'essa di proprietà della famiglia svizzera Singer. A poca distanza dall'abside della Pieve sorge la Chiusa dei Colombi, un recinto in pietra per capre appartenente, durante il XVIII secolo, alla locale famiglia Colombi.

Altre immagini[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Archivio di Stato di Pisa, Atti di Andrea Pupi notaro, 1343
  • Giuseppe Ninci, Storia dell'Isola dell'Elba, Portoferraio 1815
  • Italo Moretti e Renato Stopani, Chiese romaniche dell'isola d'Elba, Firenze 1972
  • Paolo Ferruzzi, Testimonianze dell'edificazione religiosa dopo il Mille, in Quaderni di Italia Nostra, Roma 1985
  • Silvestre Ferruzzi, Pedemonte e Montemarsale, Pontedera 2013
  • Silvestre Ferruzzi e Fausto Carpinacci, Caprili dell'Elba, Capoliveri 2018

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]