Pedro Sernagiotto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Pietro Sernagiotto)
Jump to navigation Jump to search
Pedro Sernagiotto
Pedro Sernagiotto - FBC Juventus.jpg
Sernagiotto alla Juventus nei primi anni 1930
Nazionalità Brasile Brasile
Italia Italia
Altezza 153[1] cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Ritirato 1943
Carriera
Squadre di club1
1927-1930 Palestra Itália 54 (20)
1931-1934 Juventus 50 (14)
1934-1935 Palestra Itália 2 (0)
1936-1938 San Paolo 66 (13)
1939-1940 Portuguesa ? (?)
1941-1943 Palmeiras[2] 88 (24)
Nazionale
1930 Brasile Brasile 3 (0)
1934 Italia Italia B 1 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Pedro Sernagiotto (San Paolo, 17 novembre 1908San Paolo, 5 aprile 1965) è stato un calciatore brasiliano naturalizzato italiano, di ruolo centrocampista.

È noto anche con il nome italianizzato di Pietro Sernagiotto, o con il soprannome brasiliano di Ministrinho[3], ossia "Piccolo Ministro".

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Crebbe calcisticamente nella Palestra Itália. Qui venne notato, sul finire del 1930, dai dirigenti della Juventus,[4] in cerca di una giovane ala con cui rimpiazzare il declinante Federico Munerati.[5]

Acquistato dalla società torinese, tuttavia a bordo del transatlantico che lo stava portando dal Sudamerica all'Europa, venne avvicinato da due emissari del Genoa e convinto a firmare,[1][4] in buona fede,[1] per la squadra ligure;[1][4] allo sbarco a Genova, la scoperta della doppia firma costò al brasiliano un anno di squalifica da parte della Federcalcio.[1][4]

Durante i successivi dodici mesi la Juventus poté schierare il neoacquisto solo nelle amichevoli,[1] prima che Sernagiotto tornasse ufficialmente nei ranghi con la stagione 1931-1932, in cui contribuì subito alla vittoria dello scudetto. Con il club torinese vinse consecutivamente altri due campionati, nelle edizioni 1932-1933 e 1933-1934, partecipando alla fase centrale del cosiddetto Quinquennio d'oro.[1]

Nel 1934 fece rientro in Brasile dove proseguì la sua carriera con il Palestra Itália, poi divenuto Palmeiras, fino al 1943, vestendo nel frattempo anche le maglie del San Paolo e del Portuguesa.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver ottenuto la cittadinanza italiana, disputò anche una partita con l'Italia B, il 22 ottobre 1933 a Vercelli contro l'Ungheria, conclusasi con un pareggio per 4-4.[1]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Juventus: 1931-1932, 1932-1933, 1933-1934
Palmeiras: 1942

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h Stefano Bedeschi, Gli eroi in bianconero: Pietro SERNAGIOTTO, su tuttojuve.com, 17 novembre 2009.
  2. ^ Dal 1941 al 1942 «Palestra Itália».
  3. ^ (PT) Ministrinho, su palmeiras.com.br.
  4. ^ a b c d Andrea Schianchi, Il pazzo mondo del calciomercato, in SportWeek (Milano, La Gazzetta dello Sport), nº 28 (945), 13 luglio 2019, pp. 30-35.
  5. ^ Stefano Bedeschi, Gli eroi in bianconero: Federico MUNERATI, su tuttojuve.com, 3 dicembre 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]