Pietro Selvatico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pietro Selvatico Estense

Pietro Selvatico Estense (Padova, 27 aprile 1803Padova, 26 febbraio 1880) è stato un architetto, critico d'arte e storico dell'arte italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Pietro nacque dal marchese Benedetto Bartolomeo - appartenente ad una nobile famiglia padovana, insignita nel 1758 del titolo marchionale dal duca di Modena Francesco III d'Este con facoltà di aggiungere il cognome Estense - e della nobil donna Maria Bolgeni [1]. Studiò a Padova giurisprudenza, per poi dedicarsi all'architettura, sotto la guida di Giuseppe Jappelli.

Ha progettato chiese e restauri di chiese in Veneto e nel Trentino, ma è noto soprattutto per la critica e storia dell'arte, la storia e teoria del restauro, la ricognizione dei beni artistici.

Dal 1849 insegnò estetica e storia dell'architettura all'Accademia di Belle Arti di Venezia. Presiedette la commissione imperiale per la conservazione dei Monumenti artistici e storici delle provincie venete e spese ogni energia per la conservazione degli affreschi giotteschi nella cappella degli Scrovegni e per la valorizzazione dei beni artistici della sua città. Nel 1867 fondò l'Istituto d'Arte di Padova.

Ebbe un ruolo di primo piano nel dibattito che fece da sfondo al concorso per la facciata di Santa Maria del Fiore, a Firenze; in proposito, contribuì in maniera determinante all'affermazione del disegno tricuspidale di Emilio De Fabris e influenzò notevolmente la genesi del progetto definitivo.[2]

La cappella funeraria di Villa Pisani a Vescovana, in provincia di Padova

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Grande sostenitore dello stile neogotico applicato alle architetture religiose, fra le sue opere si ricordano la nuova facciata della chiesa di San Pietro a Trento e la cappella funeraria di Villa Pisani Bolognesi Scalabrin a Vescovana, in provincia di Padova.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Francesco Schröder, Repertorio genealogico delle famiglie confermate nobili e dei titolati nobili delle provincie venete, Venezia 1830, pp. 268-269
  2. ^ C. Cresti, M. Cozzi, G. Carapelli, Il Duomo di Firenze 1822-1887. L'avventura della facciata, Firenze 1987.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN52468276 · ISNI (EN0000 0000 6142 9450 · SBN IT\ICCU\RAVV\077559 · LCCN (ENnr99000484 · GND (DE117479659 · BNF (FRcb127641155 (data) · ULAN (EN500325830 · BAV ADV11196314