Pietro Rampulla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Pietro Rampulla soprannominato l'artificiere per la sua esperienza con gli esplosivi (Mistretta, 3 giugno 1952) è un mafioso italiano, capomafia della Famiglia di Mistretta, legato in particolare ai boss Nitto Santapaola e Giuseppe Farinella[1].

Ha avuto un ruolo importante nella strage di Capaci[2], nella quale persero la vita il giudice antimafia Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti di scorta: è stato infatti identificato come l'uomo che ha confezionato l'ordigno che venne poi collocato nel tunnel sotto l'autostrada[3].

In relazione a questa circostanza, Rampulla è stato condannato all'ergastolo nel 1997[4], sentenza confermata in Cassazione nel 2002[5].
In seguito alla condanna, il ruolo di capo della famiglia di Mistretta sarebbe stato affidato al fratello Sebastiano.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie