Pietro Peregrossi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pietro Peregrossi
cardinale di Santa Romana Chiesa
CardinalnobishopCOAPioM.svg
 
Incarichi ricopertiCardinale diacono di San Giorgio in Velabro
Cardinale presbitero di San Marco
Cardinale protopresbitero
Camerlengo del Sacro Collegio
 
Nato1225 circa a Milano
Creato cardinale16 maggio 1288 da papa Niccolò IV
Decedutotra il 23 luglio ed il 1º agosto 1295 a Roma o ad Anagni
 

Pietro Peregrossi, o anche Peregrosso, detto Il Milanese (Milano, 1225 circa – Roma od Alatri, 1295, tra il 23 luglio ed il 1º agosto), è stato un cardinale italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studiò presso le Università di Bologna e di Orléans, conseguendo la laurea in utroque iure.

Fu canonico del capitolo della cattedrale di Parigi. Risiedette a Lione durante il Concilio di Lione del 1274.

Dal 1276 al 1288 fu vice-cancelliere di Santa Romana Chiesa, controfirmando numerose bolle papali.

Partecipò alla stesura della bolla pontificia Exiit qui seminat relativa alla riforma dell'Ordine dei Frati Minori e promulgata nel 1279 da papa Niccolò III.

Fu creato cardinale da papa Nicola IV nel concistoro del 16 maggio 1288; ricevette la diaconia di San Giorgio in Velabro. Divenne quindi camerlengo del Sacro Collegio, carica che mantenne fino alla morte, avvenuta fra il 23 luglio ed il 1º agosto 1295 a Roma o ad Anagni. Nella primavera del 1289 fu incaricato, insieme ai cardinali Latino Malabranca Orsini, Benedetto Caetani, di comporre la vertenza con il re del Portogallo Dionigi, che aveva portato, nel periodo di regno del padre di quest'ultimo, Alfonso III il Restauratore, all'interdetto nei confronti del regno; il compito dei tre venne svolto con pieno successo. La sua salma venne inumata nella Basilica di Santa Maria in Aracoeli.

Conclavi[modifica | modifica wikitesto]

Durante il suo periodo di cardinalato, Pietro Peregrossi partecipò ai seguenti conclavi:

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN58990473 · ISNI (EN0000 0000 9649 990X · LCCN (ENnr97040015 · GND (DE119525429 · BNF (FRcb14496201m (data) · CERL cnp00558255 · WorldCat Identities (ENnr97-040015