Pietro Giacomo Nonis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Pietro Nonis)
Jump to navigation Jump to search
Pietro Giacomo Nonis
vescovo della Chiesa cattolica
Coat of arms of Pietro Giacomo Nonis.svg
Sub Tuum Praesidium
 
Incarichi ricopertiVescovo di Vicenza (1988-2003)
 
Nato24 aprile 1927 a Fossalta di Portogruaro
Ordinato presbitero2 luglio 1950
Nominato vescovo20 febbraio 1988 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato vescovo9 aprile 1988 dal cardinale Marco Cé
Deceduto15 luglio 2014 a Vicenza
 

Pietro Giacomo Nonis (Fossalta di Portogruaro, 24 aprile 1927Vicenza, 15 luglio 2014) è stato un vescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce il 24 aprile 1927 a Fossalta di Portogruaro, in provincia di Venezia e diocesi di Concordia.

Si laurea in Filosofia all'Università Cattolica del Sacro Cuore, trascorrendovi gli anni nel Collegio Augustinianum.

È ordinato sacerdote il 2 luglio 1950.

È stato prorettore dell'Università di Padova, dove ha insegnato filosofia presso la Facoltà di Magistero (ora Scienze della Formazione).

Vescovo di Vicenza[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 febbraio 1988 è eletto vescovo di Vicenza. Riceve la consacrazione episcopale nella cattedrale di Concordia Sagittaria il 9 aprile per l'imposizione delle mani del cardinale patriarca di Venezia Marco Cé, conconsacranti i vescovi Abramo Freschi e Arnoldo Onisto.

Prende possesso della diocesi berica l'8 maggio.

Il suo episcopato viene ricordato per la visita di papa Giovanni Paolo II del 1991, per la completa ristrutturazione della cattedrale di Vicenza, per l'apertura del processo diocesano per la beatificazione di Giovanna Meneghini delle suore Orsoline nel 1997, per aver seguito l'intera fase diocesana della causa di beatificazione del vescovo Giovanni Antonio Farina (fondatore delle Suore Dorotee), oltre che quella di Gaetana Sterni, fondatrice delle Suore della Divina Volontà; entrambi sono stati proclamati beati da papa Giovanni Paolo II il 4 novembre 2001. È riuscito ad effettuare la visita pastorale a tutte le 354 parrocchie della diocesi.

Nei primi anni di episcopato è accusato di essere un massone. Sarà lo stesso Giovanni Paolo II, durante la sua visita in città, a difenderlo pubblicamente, smentendo ogni infondata accusa.

Nel 1988, appena arrivato nella diocesi, interviene sulla vicenda del rapimento di Carlo Celadon[1], diciottenne figlio di un imprenditore di Arzignano, rapito nel gennaio del 1988 e tenuto sotto sequestro in Calabria per 831 giorni (ad oggi uno tra i sequestri più lunghi nella storia d'Italia); dà la sua disponibilità a trattare con i sequestratori anche offrendosi come ostaggio e, una volta liberato userà parole dure contro i responsabili di tale atto:

« È necessario che i malfattori siano puniti con il massimo della pena per controbilanciare l'oltraggio arrecato ad una giovane vita e dissuadere i potenziali, futuri autori di altri sequestri. »

Nel 1991 si trova ad affrontare anche la vicenda di Pietro Maso, il giovane di Montecchia di Crosara (provincia di Verona ma diocesi di Vicenza) che aveva ucciso entrambi i genitori per intascare l'eredità. Officerà i funerali dei coniugi e intratterrà personalmente uno scambio epistolare con il giovane omicida al fine di farlo pentire.

Si dimette, per raggiunti limiti di età, il 6 ottobre 2003, e diviene vescovo emerito della diocesi. Si trasferisce a Brendola, a Villa Giuriolo-Veronese, di proprietà della diocesi.

Da vescovo emerito inaugura, nel 2005, insieme al suo successore Cesare Nosiglia, il Museo Diocesano da lui fortemente voluto, museo che, nel 2013, è stato a lui intitolato dal vescovo Beniamino Pizziol[2]. Inoltre continua a prestare il suo servizio per la diocesi amministrando le cresime e officiando alcune celebrazioni di rilievo.

Per lungo tempo, inoltre, scrive articoli di commento all'attualità per Il Giornale di Vicenza e L'Arena, quotidiano di Verona.

Muore il 15 luglio 2014 all'età di 87 anni all'Ospedale San Bortolo a seguito di un aggravamento delle sue condizioni di salute[3]. Dopo l'esposizione del feretro prima all'interno della chiesa di San Bartolomeo (nel chiostro antico dell'ospedale di Vicenza) e poi all'oratorio del Gonfalone (in piazza Duomo), i funerali solenni si tengono il 19 luglio nella cattedrale di Vicenza. Per volere dell'estinto sono presieduti dall'attuale vescovo di Vicenza (e non dal patriarca di Venezia, come solitamente avviene) e concelebrati da altri 16 vescovi (tra cui l'arcivescovo di Torino Cesare Nosiglia, che era stato il suo primo successore a Vicenza nel 2003). Al termine della celebrazione il feretro è tumulato nella cripta della cattedrale dove riposano altri vescovi vicentini suoi predecessori.

Donazioni[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 1991 e il 1998 effettua diverse donazioni alla Biblioteca Civica Bertoliana di Vicenza, 477 opere e 14 carte geografiche, un manoscritto di A. Cardillo: Memorie 1758-1806. È stato il primo vescovo di Vicenza ad effettuare una visita alla Bertoliana nel 1992.

Al seminario vescovile ha donato una collezione di fossili, ospitati nella quinta sala a lui dedicata.

Incarichi[modifica | modifica wikitesto]

È stato presidente della Commissione ecclesiale Giustizia e pace della CEI e delegato nazionale CEI per la scuola.

In riferimento alla guerra in Iraq del 2003, assieme a 147 presbiteri della diocesi, lancia l'iniziativa "Campane contro la guerra" e indirizza all'organo di stampa della diocesi La Voce dei Berici una lettera[4], in riferimento alla figura di Saddam Hussein i cui atti, secondo il governo degli Stati Uniti avrebbero giustificato la guerra, la lettera concludeva:

« Non giustificano l'attacco unilaterale, semmai rischiano di consacrarlo per il futuro - vivo o morto, esule o no - disperato mito o delirante leader della frustrazione di tanti, di troppi poveri affamati, umiliati ed incattiviti dell'area Medio orientale, ... chiediamo di intensificare la preghiera e, unitamente ad ogni uomo e donna operatori di pace, di spendersi attivamente perché rifiorisca una cultura di pace, dove la fame e la sete di giustizia diventino la fonte e insieme il traguardo di un'umanità mai stanca di camminare per un mondo più giusto »

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Vescovo di Vicenza si offre in cambio di un ostaggio, La Repubblica, 31 dicembre 1988. URL consultato il 15 luglio 2014.
  2. ^ Chiara Roverotto, Museo diocesano, il vescovo Pizziol lo intitola a monsignor Nonis, Il Giornale di Vicenza, 23 marzo 2013. URL consultato il 15 luglio 2014.
  3. ^ Il Signore ha chiamato a sé mons. Pietro Giacomo Nonis, Vescovo emerito di Vicenza, Diocesi di Vicenza, 15 luglio 2014. URL consultato il 15 luglio 2014.
  4. ^ Campane contro la guerra Archiviato il 21 novembre 2008 in Internet Archive.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pietro Nonis. La scepsi etica di Giuseppe Rensi, Roma, Studium, 1957, pp. 267
  • Giancarlo Pauletto, Pietro Nonis, Marcello De Stefano. Schuldhess, Pordenone, Centro Iniziative Culturali, 1974, pp. 48.
  • A pensarci bene, Neri Pozza, Vicenza, 1995, pp. 219
  • Pietro Nonis. Parole nel tempo: fede, vita quotidiana, etica del presente, Venezia, Marsilio, 1996, pp. 253
  • Giuseppe Cannavo, Pietro Nonis. Regnum Celorum Violenza Pate: Dante e la salvezza dell'umanità letture dantesche giubilare, Vicenza, Accademia Vivarum noum, ottobre 1999-giugno 2000. ISBN 8887637105

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN84498723 · ISNI (EN0000 0000 7884 8643 · GND (DE137157215