Pietro Migliaccio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Pietro Antonio Migliaccio (Catanzaro, 17 Maggio 1934Roma, 16 gennaio 2020) è stato un medico e accademico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Catanzaro, si laureò in Medicina e Chirurgia presso l'Università La Sapienza di Roma[1]. Sposò Maria Teresa Strumendo[2].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Ricercatore dell’Istituto Nazionale della Nutrizione - attualmente Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) - svolse a Roma, per oltre 25 anni, sia la professione di nutrizionista e dietologo clinico sia l'attività didattica come docente di scienza dell’alimentazione e specialista in gastroenterologia presso alcune università italiane[1]. Il 12 marzo 2010 fu nominato all'unanimità presidente della Società italiana di Scienza dell'alimentazione (SISA), dove negli ultimi tempi rivestiva la carica di presidente emerito[3].

Su nomina di Rosy Bindi, la Ministra della salute di allora, a marzo 1999 fece parte del Comitato scientifico per il supporto e il controllo della campagna per la sicurezza alimentare nella Comunità europea[4]. Autore di varie pubblicazioni scientifiche in ambito biochimico e della nutrizione, tra cui il Manuale di Nutrizione Umana tra presente e futuro, giunto alla sua XIV edizione e L'alimentazione del bambino con patologia oncologica, diede il nome a numerosi regimi dietetici, tra i quali la "dieta del gelato"[5]. Pioniere della divulgazione scientifica sul tema di un'alimentazione sana, divenne un volto noto della televisione come ospite ricorrente della trasmissione I fatti vostri in onda su Rai Due, dove dal 21 settembre 2009 aveva una sua rubrica fissa[4].

È morto a Roma il 16 gennaio 2020 in seguito ad un malore improvviso.[6].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Manuale di Nutrizione Umana tra presente e futuro (2010)[7]
  • L'alimentazione del bambino con patologia oncologica (2008)[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]