Pietro II (vescovo di Asti)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pietro II
vescovo della Chiesa cattolica
BishopCoA PioM.svg
Consacrato vescovo 1040
Deceduto 1054

Pietro II (Asti, ... – 1054) fu vescovo di Asti dal 1040 al 1054.

Pietro II, eletto con l'appoggio imperiale, collaborava già con Corrado II sotto l'episcopato di Oberto.
Nel 1041, un diploma di Enrico III, gli concedette ampie facoltà giurisdizionale e beni patrimoniali, a sottolineare la volontà dell'imperatore di avere una forte figura episcopale di appoggio.
Durante il governo di Pietro, si assistette ad un ritorno di centralizzazione dei poteri, che generò un crescente clima di ostilità tra i cittadini astesi.
I punti principali della politica episcopale furono:

  • supremazia politica della Chiesa di Asti
  • disconosimento dei privilegi acquisiti dai cittadini, che erano stati concessi nei precedenti episcopati
  • controllo diretto degli enti ecclesiastici

Pietro però, per poter attuare i propri propositi, dovette ricorrere all'aiuto dell'imperatore.
Questo creò un profondo distacco tra la Chiesa astese ed i cittadini, che nell'arco di vent'anni, inevitabilmente sfociarono nei disordini del 1066, in seguito all'imposizione della marchesa Adelaide del nuovo vescovo Ingone.[1]

Predecessore Vescovo di Asti Successore Capitolo di Asti.PNG
Oberto I 1040-1054 Girelmo

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bordone Renato, Città e territorio nell'alto medioevo. La società astigiana dal dominio dei Franchi all'affermazione comunale.Biblioteca Storica Subalpina, Torino 1980,

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Assandria G., Il libro verde della Chiesa di Asti.
  • Pietro Giovanni Boatteri,Serie cronologica-storica de'Vescovi della Chiesa d'Asti, Asti 1807
  • Bianco A., Asti Medievale, Ed CRA 1960
  • Bordone R., Città e territorio nell'alto medioevo. La società astigiana dal dominio dei Franchi all'affermazione comunale.Biblioteca Storica Subalpina, Torino 1980
  • Bosio Gaspare, Storia della Chiesa di Asti, Asti 1894
  • Cipolla Carlo, Appunti per la storia di Asti, 1891
  • De Canis G.S., Proposta per una lettura della corografia astigiana ,C.R.A 1977
  • Lorenzo Gentile Storia della Chiesa di Asti, Asti 1934
  • Ferro, Arleri, Campassi, Antichi Cronisti Astesi, ed. dell'Orso 1990 ISBN 88-7649-061-2
  • Gabiani Nicola, Asti nei principali suoi ricordi storici vol 1, 2,3. Tip.Vinassa 1927-1934
  • Gabotto F., Le più antiche carte dell'archivio capitolare di Asti (Corpus Chart. Italiae XIX). Pinerolo Chiantore-Mascarelli 1904
  • Gorrini G., Il comune astigiano e la sua storiografia . Firenze Ademollo & c. 1884
  • Grassi S., Storia della Città di Asti vol I ,II. Atesa ed. 1987
  • Sella Q., Codex Astensis, Roma tip. dei Lincei 1887
  • Ughelli,in Italia Sacra, Astenses Episcopi, Venezia 1719
  • Vergano L., Storia di Asti Vol. 1,2,3 Tip.S.Giuseppe Asti, 1953, 1957

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]