Pietro Brollo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pietro Brollo
arcivescovo della Chiesa cattolica
Coat of arms of Pietro Brollo.svg
In verbo tuo laxabo rete
 
TitoloUdine
Incarichi attualiArcivescovo emerito di Udine (dal 2009)
Incarichi ricoperti
 
Nato1º dicembre 1933 (85 anni) a Tolmezzo
Ordinato presbitero17 marzo 1957 dall'arcivescovo Giuseppe Zaffonato
Nominato vescovo21 ottobre 1985 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato vescovo4 gennaio 1986 dall'arcivescovo Alfredo Battisti
Elevato arcivescovo28 ottobre 2000 da papa Giovanni Paolo II
 

Pietro Brollo (Tolmezzo, 1º dicembre 1933) è un arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Tolmezzo il 1º dicembre 1933, nel 1949 è entrato nel seminario arcivescovile di Udine, ove ha frequentato il liceo classico e la propedeutica. Nel 1953 si è trasferito a Roma per proseguire gli studi, conseguendo la laurea in teologia presso la Pontificia Università Lateranense.

Il 17 marzo 1957 è stato ordinato sacerdote dall'arcivescovo di Udine Giuseppe Zaffonato.

È stato viceassistente diocesano della FUCI e cappellano festivo di Passons e di Rizzi.

Rettore del seminario arcivescovile di Udine dal 1972 al 1976 e successivamente arciprete di Ampezzo, il 22 luglio 1981 viene nominato arciprete di Gemona del Friuli.

Nominato vescovo ausiliare di Udine, titolare di Zuglio Carnico, il 21 ottobre 1985, il 4 gennaio 1986 ha ricevuto l'ordinazione episcopale nel duomo di Gemona del Friuli dalle mani dell'arcivescovo Alfredo Battisti, coconsacranti i vescovi Domenico Pecile ed Emilio Pizzoni.

Il 2 gennaio 1996 è stato nominato vescovo di Belluno-Feltre.

Il 28 ottobre 2000 è stato promosso arcivescovo metropolita di Udine.

L'11 luglio 2004 ha conferito l'ordinazione episcopale a Lucio Soravito De Franceschi.

È membro della Commissione Episcopale per la cultura e le comunicazioni sociali della Conferenza Episcopale Italiana.

Il 20 agosto 2009, in accoglimento alla sua rinuncia all'ufficio pastorale per raggiunti limiti d'età, e a seguito della nomina del suo successore, è stato nominato amministratore apostolico di Udine. Il 18 ottobre 2009 ha assunto il titolo di arcivescovo emerito di Udine.[1]

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN90400450 · ISNI (EN0000 0004 1962 2336 · SBN IT\ICCU\VIAV\103822