Pietro Bonilli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Beato Pietro Bonilli
Ritratto di Pietro Bonilli conservato nella sagrestia del Santuario della Madonna di Loreto a Spoleto
Ritratto di Pietro Bonilli conservato nella sagrestia del Santuario della Madonna di Loreto a Spoleto
Nascita San Lorenzo, 15 marzo 1841
Morte Spoleto, 5 gennaio 1935
Venerato da Chiesa cattolica
Beatificazione Roma, 24 aprile 1988
Ricorrenza 24 aprile

Pietro Bonilli (San Lorenzo di Trevi, 15 marzo 1841Spoleto, 5 gennaio 1935) è stato un presbitero italiano, fondatore delle Suore della Sacra Famiglia di Spoleto: è stato proclamato beato da papa Giovanni Paolo II nel 1988.

Il culto[modifica | modifica wikitesto]

La causa del beato Pietro Bonilli fu introdotta il 1º luglio 1964; il 30 giugno 1986 papa Giovanni Paolo II ha autorizzato la Congregazione delle Cause dei Santi a promulgare il decreto sulle virtù eroiche del sacerdote, riconoscendogli il titolo di venerabile.

È stato beatificato da Giovanni Paolo II il 24 aprile 1988 in Piazza San Pietro a Roma[1]; nella stessa cerimonia sono stati proclamati beati i venerabili Francisco Palau y Quer, Kaspar Stanggassinger e Savina Petrilli.

Il suo elogio si legge nel Martirologio romano al 5 gennaio, giorno della sua morte.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Omelia di Giovanni Paolo II, w2.vatican.va.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luigi Fausti, Vita del canonico don Pietro Bonilli: fondatore dell'Istituto Nazareno e dell'Istituto delle Suore della S. Famiglia di Spoleto, Spoleto, Unione tipografica nazzarena Fasano & Neri, 1936.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN40175677 · SBN: IT\ICCU\SBLV\228033