Pietro Befulco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Pietro Befulco (anche Bofulco) (... – ...) è stato un pittore italiano, documentato tra il 1471 e il 1503.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Da alcuni atti notarili si sa che, presente a Napoli fin dal 1471, nel 1487 si impegnava a costruire un tabernacolo per la pala dell'altar maggiore di Santa Marta; nel 1503 prometteva invece a Galeazzo Caracciolo di dipingere una icona mai ritrovata, rappresentante la Vergine, l'Assunzione e Santi.

Andata al Calvario, Museo nazionale di Capodimonte, Napoli

Con queste premesse la fisionomia artistica di questo pittore salernitano è testimoniata unicamente dalla Madonna con Bambino e cinque Santi dei depositi del Museo nazionale di Capodimonte a Napoli, firmata e datata 1490. Da quest'opera emerge una cultura derivata soprattutto dal Maestro del Polittico di San Severino Noricense, mescolata alla conoscenza di Jacomart Baço e di Colantonio.

Al Befulco è stato inoltre proposto di assegnare un gruppo di dipinti, stilisticamente a lui assai prossimo, contrassegnato dal monogramma PETR[us]. Di questo gruppo fanno parte, fra l'altro:

  • trittico dell'Incoronazione della Vergine, 1488, Altenburg;
  • Deposizione della Disciplina della Croce di Napoli;
  • trittico con Madonna col Bambino e Santi della chiesa di San Teodoro a Laino Castello, del 1500.

In alcune di queste opere è presente una solennità, che richiama modelli fiamminghi tipici di Rogier van der Weyden.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ernst Gombrich, Dizionario della Pittura e dei Pittori, Einaudi Editore, 1997.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]