Pierre et Gilles

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Pierre et Gilles è la firma collettiva usata dalla coppia di artisti francesi formata dal fotografo Pierre Commoy (La Roche-sur-Yon, 1950) e dal pittore Gilles Blanchard (Le Havre, 1953)  .

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo che Gilles completò i suoi studi artistici a Le Havre, i due si trasferirono a Parigi nello stesso anno, il 1973. Pierre lavorò per qualche giornale, ma fu solo dal 1976, anno del loro incontro, che cominciarono una vita comune.

Sono famosi per le loro fotografie ritoccate con la pittura, che realizzano assieme fin dal loro incontro. Queste opere affrontano i temi della cultura pop, gay (compresa la pornografia) e temi religiosi (con una rappresentazione di San Sebastiano), e fanno l'uso deliberato e cosciente del kitsch che è tipico dell'estetica camp. Pierre e Gilles definiscono così la loro ricerca artistica:

« Ci piace idealizzare, ma parliamo anche di morte, mistero ed estraneità della vita. Nelle nostre immagini c'è tanta dolcezza quanta violenza... »

Pierre e Gilles hanno fotografato: Marc Almond, Lio, Cheb Khaled, Catherine Deneuve, Serge Gainsbourg, Étienne Daho, Jean-Paul Gaultier, Nina Hagen, Madonna, Salim Kéchiouche, Jérémie Renier, Amélie Nothomb.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Serie[modifica | modifica wikitesto]

  • Grimaces (Smorfie), 1977.
  • Palace, manifesti e cartoline d'invito, 1978.
  • Adam et Ève (Adamo ed Eva), 1982.
  • Les Enfants des voyages (I bambini dei viaggi), 1982.
  • Garçons de Paris (Ragazzi di Parigi), 1983.
  • Paradis (Paradiso), 1983.
  • Naufragés (Naufraghi), 1986.
  • Pleureuses (Le addolorate), 1986.
  • Au bord du Mékong (Sulla riva del Mekong), 1994.
  • Boxeurs thaï (Boxeurs tailandesi), 1994.
  • Jolis Voyoux (Bei teppisti), 1995.
  • Plaisirs de la forêt (I piaceri della foresta), 1995.

Esposizioni[modifica | modifica wikitesto]

Lista delle mostre principali:

  • Paradis e Garçons de Paris, galleria Texbraun, Parigi, 1983.
  • Naufragés e Pleureuses, galleria Samia Saouma, Parigi, 1986.
  • Première rétrospective, Maison européenne de la photographie, Parigi, 1996.
  • Douce Violence, galleria Jérôme de Noirmont, Parigi, 2000.
  • Arrache mon cœur, galleria Jérôme de Noirmont, Parigi, 2001.
  • Beautiful Dragon, retrospettiva sul tema dell'Asia, Museo d'arte di Seul, 2004.
  • Le Grand Amour, galleria Jérôme de Noirmont, Parigi, 2004.
  • Rétrospective, inaugurazione del Museo d'arte contemporanea di Shanghai, 2005.

A stampa[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN121146526 · ISNI: (EN0000 0001 2149 3615 · BNF: (FRcb149649824 (data) · ULAN: (EN500247139