Pierre Benoît

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Pierre Benoit)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Pierre Benoit" rimanda qui. Se stai cercando altre persone omonime, vedi Pierre Benoit (disambigua).
Monumento a Pierre Benoît eretto a Ciboure, Francia

Pierre Benoît (Albi, 16 luglio 1886Ciboure, 3 marzo 1962) è stato un romanziere francese, membro dell'Académie française dal 1931.

Poster (litografia) di Manuel Orazi del film francese L'Atlantide del 1921 di Jacques Feyder tratto dal romanzo di Benoit. Con Stacia Napierkowska (la regina Antinea)

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato ad Albi, nella regione Midi-Pirenei (Francia meridionale), era il figlio di un soldato. Benoît spese i suoi primi anni e il servizio militare nell'Africa settentrionale, prima di diventare un funzionario. Il suo primo romanzo, Koenigsmark, fu pubblicato nel 1918; L'Atlantide seguì l'anno successivo e fu insignito del Gran premio dell'Académie française.

L'anno successivo alla pubblicazione il romanzo fu accusato dal critico letterario Harry Magden di essere un plagio de La donna eterna (She) di H. Rider Haggard del 1886-1887. In realtà entrambe le storie - che hanno somiglianze superficiali - sembrano ispirarsi all'antica leggenda di Tin Hinan dei Tuareg. Benoît promosse una causa per diffamazione, perdendola.

Nonostante una parte della critica lo ritenesse mediocre, il libro diventò subito un best seller tradotto in quindici lingue, grazie alla sua trama avvincente, e fu uno dei maggiori successi della letteratura avventurosa della prima metà del Novecento. Ad esso sono ispirati numerosi film sul tema di Atlantide.

Benoît stesso divenne membro dell'Académie française nel 1931.

Si spense nel marzo del 1962 a Ciboure.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Con l'eccezione di Kœnigsmark, pubblicato inizialmente presso Émile-Paul Frères, tutti gli altri romanzi di Pierre Benoit sono stati pubblicati da éditions Albin Michel (alcuni di essi furono pre pubblicati su giornali e riviste).

  • Kœnigsmark (1918)
  • L'Atlantide (1919), Sonzogno, Milano, 1920
  • Per don Carlos (Pour don Carlos, 1920), romanzo storico, Ed. Bemporad & Figlio, Firenze 1930[1]
  • Le Lac salé (1921)
  • La Chaussée des géants (1922)
  • Mademoiselle de La Ferté (1923)
  • Michelina e l'amore (Le roman des quatre, 1923), in collaborazione con Paul Bourget, Henri Duvernois e Gérard d'Houville.
  • La Châtelaine du Liban (1924)
  • Le Puits de Jacob (1925)
  • Alberte (1926)
  • Il re lebbroso (Le Roi lépreux, 1927), Sonzogno, Milano, 1930
  • Axelle (1928)
  • Erromango (1929)
  • Le Soleil de minuit (1930)
  • Le Déjeuner de Sousceyrac (1931)
  • L'Île verte (1932)
  • Fort-de-France (1933)
  • Cavalier 6 (1933) (seguito da L'Oublié, scritto nel 1922)
  • Monsieur de la Ferté (1934)
  • Boissière (1935)
  • La Dame de l'Ouest (1936)
  • Saint-Jean d'Acre (1936) (seguito da La Ronde de nuit)
  • L'Homme qui était trop grand (1936), in collaborazione con Claude Farrère
  • Les Compagnons d'Ulysse (1937)
  • Bethsabée (1938)
  • Notre-Dame-de-Tortose (1939)
  • Les Environs d'Aden (1940)
  • Le Désert de Gobi (1941)
  • Lunegarde (1942)
  • Seigneur, j'ai tout prévu... (1943)
  • L'Oiseau des ruines (1947)
  • Jamrose (1948)
  • Aïno (1948)
  • Le Casino de Barbazan (1949)
  • Les Plaisirs du voyage (1950)
  • Les Agriates (1950)
  • Le Prêtre Jean (1952)
  • La Toison d'or (1953)
  • Villeperdue (1954)
  • Feux d'artifice à Zanzibar (1955)
  • Fabrice (1956)
  • Montsalvat (1957)
  • La Sainte Vehme (1958)
  • Flamarens (1959)
  • Le Commandeur (1960)
  • Les Amours mortes (1961)
  • Aréthuse, (1963), romanzo postumo e incompiuto

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Elenco parziale di pellicole tratte da opere dello scrittore.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bemporad breve storia

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Membro dell'Académie française
Seggio 6
Successore
Georges de Porto-Riche 1931–1962 Jean Paulhan
Controllo di autorità VIAF: (EN41850094 · LCCN: (ENn87901638 · ISNI: (EN0000 0001 0891 0162 · GND: (DE118658255 · BNF: (FRcb12004594z (data) · NLA: (EN49784161 · BAV: ADV10129216