Pierpaolo Sileri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pierpaolo Sileri
Pierpaolo Sileri datisenato 2018.jpg

Viceministro della salute
In carica
Inizio mandato 16 settembre 2019
Vice di Roberto Speranza
Presidente Giuseppe Conte

Presidente della 12ª Commissione Igiene e Sanità del Senato della Repubblica
Durata mandato 21 giugno 2018 –
12 settembre 2019
Predecessore Emilia Grazia De Biasi
Successore Stefano Collina

Senatore della Repubblica Italiana
In carica
Inizio mandato 23 marzo 2018
Legislature XVIII
Gruppo
parlamentare
Movimento 5 Stelle
Circoscrizione Lazio
Collegio 4 (Roma-Collatino)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Movimento 5 Stelle
Titolo di studio Laurea in medicina e chirurgia, Dottorato di Ricerca
Università Università degli Studi di Roma Tor Vergata
Professione Docente universitario; Chirurgo

Pierpaolo Sileri (Roma, 25 agosto 1972) è un politico, chirurgo e accademico italiano, dal 13 settembre 2019 viceministro della salute nel Governo Conte II.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si laurea con lode in Medicina e Chirurgia nel 1998 presso l'Università degli Studi di Roma Tor Vergata, dove consegue la specializzazione in Chirurgia dell'apparato digerente nel 2004 ed il dottorato di ricerca in Robotica e scienze informatiche applicate alla chirurgia (2005).[1] Fellow dal 1999 al 2002 presso l’Università dell'Illinois a Chicago dove consegue il master in Scienze chirurgiche, e dove dal 2017 consegue il titolo di Adjunct Clinical Assistant Professor of Surgery.[1] Dal 2019 è professore associato presso Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. [1] Ha contribuito a più di 167 pubblicazioni scientifiche. [2]

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni politiche del 2018 viene eletto al Senato della Repubblica nel collegio uninominale di Roma-Collatino, sostenuto dal Movimento 5 Stelle, sconfiggendo di stretta misura la candidata del centro-destra Lavinia Mennuni.[3] Il 21 giugno 2018 viene eletto Presidente della 12ª Commissione permanente Igiene e Sanità del Senato.[4] Il 31 ottobre 2018 è nominato membro della Commissione parlamentare per l'infanzia e l'adolescenza del Senato. [5]

Nel corso della XVIII legislatura ha presentato come primo firmatario un insieme di DDL inerenti: l'insegnamento dell'educazione sanitaria nella scuola, la donazione del corpo a fini di ricerca, la cura dell'endometriosi e la modifica dell'articolo 117 della Costituzione.[6] Ha inoltre promosso l'istituzione della giornata nazionale della salute dell'uomo e quella per l'aderenza alla terapia, infine si è occupato provvedimenti sull'autismo e della tutela dei pazienti stomizzati ed incontinenti.[7]

Il 2 febbraio 2020 parte per Wuhan come coordinatore di un team di medici e infermieri nella missione che consentirà il rimpatrio di 56 connazionali italiani presenti nella città cinese colpita dal Coronavirus.[8] Tuttavia, per problemi di salute, non è possibile consentire il rimpatrio di un cittadino italiano, Niccolò, che farà ritorno in Italia il 15 febbraio 2020 con un volo dell'Aeronautica Militare a cui Sileri ha preso nuovamente parte. [9]

Il 3 febbraio 2020 la Camera dei Deputati approva, in via definitiva, il DDL AS733 a sua prima firma [10] concernente "Norme in materia di disposizione del proprio corpo e dei tessuti post mortem a fini di studio, di formazione e di ricerca scientifica" definita dalla stampa "Legge Sileri".[11][12][13]

Il 26 maggio 2020, a seguito di pressioni per tentativi di corruzione e minacce ricevute rispetto alla sua attività politica in particolare riguardo alla destinazione dei fondi pubblici per l'emergenza Coronavirus, viene posto sotto tutela accompagnato da un agente della pubblica sicurezza.[14]

Altre informazioni[modifica | modifica wikitesto]

L'esperienza nella gestione commissariale di Roma[modifica | modifica wikitesto]

Durante la gestione commissariale del Comune di Roma, nel 2016, fa parte assieme a rappresentanti di Esercito, Guardia di finanza, Carabinieri, Polizia di Stato, docenti universitari e magistrati, della «segreteria tecnica» del commissario Francesco Paolo Tronca.[15] [16]

Il ricorso al TAR contro le nomine a Tor Vergata[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2015 presenta un ricorso al TAR del Lazio per bloccare una procedura di nomina a chiamata diretta.[17][18] Nel marzo 2017 il TAR riconosce i vizi della procedura ed il Consiglio di Stato nel 2018 conferma l'annullamento della procedura.[19] Questi eventi sono anche oggetto di un'inchiesta della Procura di Roma[20][21] che ha portato al rinvio a giudizio ed al processo del Rettore.[22] In seguito a questi eventi fonda, assieme ad altri ricercatori ed appartenenti al mondo accademico italiano, l'associazione "Trasparenza e Merito. L’Università che vogliamo".[23]

Onorificenze e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Su proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri»
— 27 dicembre 2013[24]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Sileri Pierpaolo, su www.unisr.it. URL consultato il 28 febbraio 2020.
  2. ^ (EN) pubmeddev, sileri p - PubMed - NCBI, su www.ncbi.nlm.nih.gov. URL consultato il 28 febbraio 2020.
  3. ^ Risultati del collegio Collegio uninominale 04 - ROMA - QUARTIERE COLLATINO, 5 marzo 2018. URL consultato il 5 marzo 2018.
  4. ^ http://www.senato.it/leg/18/BGT/Schede/Commissioni/0-00012.htm, Composizione della 12ª Commissione permanente Igiene e Sanità del Senato, 21 giugno 2018.
  5. ^ http://www.parlamento.it/leg/18/BGT/Schede/Bicamerali/v3/4-00027.htm, Commissione parlamentare per l'infanzia e l'adolescenza, 21 giugno 2018.
  6. ^ Attività legislativa, su Senato. URL consultato il 25 agosto 2019.
  7. ^ Attività in qualità di relatore, su Senato. URL consultato il 25 agosto 2019.
  8. ^ Virus cinese, Sileri in partenza per Wuhan: Team medico è pronto, su LaPresse. URL consultato il 20 febbraio 2020.
  9. ^ Covid-19, rientrato in Italia da Wuhan Niccolò, il ragazzo italiano di Grado, su Ministero della Salute. URL consultato il 20 febbraio 2020.
  10. ^ Attività legislativa (PDF), su Senato. URL consultato il 20 febbraio 2020.
  11. ^ Legge Sileri, ora si può donare il proprio corpo alla scienza., su Fulldassi. URL consultato il 20 febbraio 2020.
  12. ^ Legge post-mortem, via libera definitivo: da oggi si può donare il proprio corpo alla ricerca, su Il Fatto Quotidiano. URL consultato il 20 febbraio 2020.
  13. ^ Legge Sileri approvata in commissione Camera in sede legislativa, su Ansa. URL consultato il 20 febbraio 2020.
  14. ^ Sileri minacciato, il viceministro della Salute sotto scorta, su La Repubblica. URL consultato il 7 giugno 2020.
  15. ^ Undici «tecnici» per il nuovo Piano Anticorruzione, su Repubblica. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  16. ^ Campidoglio, Tronca sceglie 11 tecnici In segreteria magistrati e medici, su Corriere della sera. URL consultato il 29 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 25 agosto 2019).
  17. ^ Chiarimenti in ordine alla sussistenza dei presupposti per la revoca del rettore dell'Università degli Studi di Roma «Tor Vergata», anche alla luce di recenti vicende giudiziarie – 2-01842, su parlamento17.openpolis.it, 7 luglio 2017. URL consultato il 5 marzo 2018.
  18. ^ XVII LEGISLATURA Allegato A Seduta di Venerdì 7 luglio 2017, su camera.it, 7 luglio 2017. URL consultato il 5 marzo 2018.
  19. ^ Concorsi su misura, le università ignorano le sentenze che ordinano di rifarli daccapo, in La Repubblica. URL consultato il 7 maggio 2018.
  20. ^ Roma Tor Vergata, cattedre e minacce ai ricercatori: il rettore è nei guai, in Il Fatto Quotidiano. URL consultato il 6 marzo 2017.
  21. ^ Denunciamo imbrogli e accordi sottobanco, solo così l'università si salva dai baroni, in La Repubblica. URL consultato il 21 novembre 2017.
  22. ^ Roma, a processo il rettore di Tor Vergata per istigazione alla corruzione, in Corriere della sera. URL consultato il 4 aprile 2019.
  23. ^ Chi è Pierpaolo Sileri, il chirurgo viceministro della Salute, 20 febbraio 2020. URL consultato il 20 febbraio 2020.
  24. ^ Sito web Quirinale: dettaglio decorato.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàORCID (EN0000-0002-1104-6237