Piero Cucchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Piero Cucchi
Piero Cucchi.jpg
Cucchi alla Lazio nel 1967
Nazionalità Italia Italia
Altezza 175 cm
Peso 77 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Carriera
Giovanili
19??-19?? Torino
Squadre di club1
1958-1960 Piacenza 38 (7)
1960-1963 Savona 88 (13)
1963-1967 Varese 105 (5)
1967-1969 Lazio 64 (4)
1969-1972 Ternana 73 (9)
1972-1973 Arezzo 26 (0)
1973-1974 Savona 21 (1)
Carriera da allenatore
1974-1975 Savona
1975-1978 Derthona
1978-1979 Sangiovannese
1979-1981 Arezzo
1981-1983 Savona
1983-1984 Vogherese [1]
1984-1985 Potenza
1985-1986 Turris
1986-1989 Giarre
1989-1990 Latina [2]
1990-1992 Ischia Isolaverde
1992-1993 Juve Stabia
1995-1996 Potenza
1996-1998 Ischia Isolaverde
1998-1999 Catania
1999-2000 Montevarchi
2001-2002 Nocerina
2003 Savoia
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Piero Cucchi (Boffalora sopra Ticino, 27 giugno 1939) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Piero Cucchi è padre di Enrico Cucchi, centrocampista di Empoli, Fiorentina e Inter in Serie A, morto di tumore a 30 anni nel 1996[3].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nelle giovanili del Torino[4], viene ceduto in Serie C al Piacenza nell'estate del 1958[5]. Nella prima stagione è poco impiegato (7 presenze), mentre nella seconda guadagna il posto da titolare mettendo a segno 7 reti in 32 partite[6]. Nel 1960 passa al Savona, sempre in Serie C, con cui conquista un terzo posto nella stagione 1962-1963, mettendo a segno 9 reti e attirando l'attenzione del Varese[4], appena promosso in Serie B. Con la formazione lombarda esordisce nel campionato cadetto conquistando un'inaspettata promozione in Serie A, e Cucchi viene riconfermato per il campionato 1964-1965. Esordisce in Serie A il 20 settembre 1964 nella vittoria interna per 2-0 sul Torino, e contribuisce alla salvezza del Varese con 26 presenze e un gol, messo a segno contro la Roma. Nella stagione successiva lo spazio per Cucchi si riduce (9 presenze) e la squadra retrocede in Serie B, dove torna titolare nella stagione 1966-1967 conquistando la sua seconda promozione.

Cucchi (in piedi, primo da sinistra) nell'Arezzo del 1972-1973

Questa volta Cucchi non segue il Varese nella massima serie, accasandosi alla Lazio appena retrocessa[4]. In biancoceleste gioca da titolare per due stagioni, conquistando la sua terza promozione nella massima serie al termine del campionato 1968-1969. Con i laziali disputa 7 partite con un gol (gli ultimi in Serie A) all'inizio della stagione 1969-1970, e a novembre torna in Serie B vestendo la maglia della Ternana[4]. Rimane in Umbria per tre stagioni, contribuendo con 8 reti in 30 partite alla prima promozione dei rossoverdi nella massima divisione, la quarta personale[4][7].

Chiude la carriera militando ancora per una stagione in Serie B, nell'Arezzo[8], e per una stagione di nuovo al Savona, in Serie C.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Appese le scarpe al chiodo, rimane al Savona come allenatore nella 1974-1975, in Serie D, in coppia con Felice Pelizzari[3]. Dal 1975 al 1978 siede sulla panchina del Derthona[9], sempre in Serie D, conquistando la promozione in Serie C2 nel campionato 1977-1978.

Segue una stagione alla Sangiovannese[10] e un biennio all'Arezzo, in Serie C1, con un quinto posto e un esonero a favore di Antonio Valentín Angelillo[11]. Torna al Savona[3] per due stagioni, prima di scendere al Sud, dove costruisce la maggior parte della sua carriera di allenatore. Allena il Potenza e la Turris, prima di passare al Giarre, in Serie C2. Con i siciliani, grazie al secondo posto conseguito nel campionato di Serie C2 1987-1988, conquista la promozione in Serie C1[4].

Nella stagione 1990-1991 si ripete vincendo il campionato di Serie C2 sulla panchina dell'Ischia Isolaverde; nella stagione successiva ottiene il miglior piazzamento della squadra ischitana in Serie C1 (5º posto). Ha inoltre vinto il campionato di Serie C2 nel 1992-1993 con la Juve Stabia, e dopo due ritorni a Ischia[12] e Potenza (quest'ultimo interrotto dalla morte del figlio Enrico[13]), porta il Catania in Serie C1 al termine della stagione 1998-1999 [14].

Nelle sue ultime stagioni è alla guida di Nocerina[15] e Savoia[16]: in entrambi i casi viene esonerato.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Club Campionato
Comp Pres Reti
1958-59 Piacenza C 6 0
1959-60 C 32 7
1960-61 Savona C 33 2
1961-62 C 22 2
1962-63 C 33 9
1963-64 Varese B 34 1
1964-65 A 26 1
1965-66 A 9 0
1966-67 B 36 3
1967-68 Lazio B 25 2
1968-69 B 32 1
giu.-nov. 1969 A 7 0
nov. 1969-70 Ternana B 23 1
1970-71 B 20 0
1971-72 B 30 8
1972-73 Arezzo B 26 0
1973-74 Savona C 21 1
Totale Serie A 42 1

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Varese: 1963-1964
Lazio: 1968-1969
Ternana: 1971-1972

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Ischia: 1990-1991
Juve Stabia: 1992-1993
Catania: 1998-1999

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Almanacco illustrato del calcio 1985, edizioni Panini, p. 299
  2. ^ Almanacco illustrato del calcio 1990, edizioni Panini, p. 371
  3. ^ a b c Savona-Imperia: la storia savonaclub.it
  4. ^ a b c d e f Profilo su Giarrestory.altervista.org
  5. ^ Rosa 1958-1959 storiapiacenza1919.it
  6. ^ Rosa 1959-1960 storiapiacenza1919.it
  7. ^ Presenze e reti nella Ternana databaserossoverde.it
  8. ^ Acquisti e cessioni Serie A 1972-1973 worldfootball.net
  9. ^ Gli allenatori derthona.it
  10. ^ Orio Bartoli, Tuttocalcio 1978-79, 1979.
  11. ^ Gli allenatori arezzo1923.it
  12. ^ Ischia d'emergenza: Vitali a centrocampo[collegamento interrotto] ilgolfo.it
  13. ^ Potenza Calcio 1995-1996[collegamento interrotto] 11leoni.com
  14. ^ Il Catania 1998-99, su clubcalciocatania.it. URL consultato il 9 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 9 maggio 2010).
  15. ^ Nocerina 2001-2002[collegamento interrotto] forzamolossi.it
  16. ^ Storia del Savoia Calcio Archiviato il 30 marzo 2010 in Internet Archive.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]