Pieris virginiensis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pieris virginiensis
Pieris virginiensis on wild mustard, USA - 20030504.jpg
Pieris virginiensis
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Protostomia
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Panorpoidea
Ordine Lepidoptera
Sottordine Glossata
Infraordine Heteroneura
Divisione Ditrysia
Superfamiglia Papilionoidea
Famiglia Pieridae
Sottofamiglia Pierinae
Tribù Pierini
Genere Pieris
Specie P. virginiensis
Nomenclatura binomiale
Pieris virginiensis
Edwards, 1870
Sottospecie
  • Pieris virginiensis virginiensis
  • Pieris virginiensis hyatti

Pieris virginiensis Edwards, 1870, è un lepidottero appartenente alla famiglia Pieridae.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Adulto[modifica | modifica wikitesto]

Le ali sono traslucide, di colorazione biancastra e prive di tinte giallastre sul lato posteriore. Lungo le nervature del lato inferiore delle ali posteriori si osservano scaglie marrone scuro o grigio pallido. Le macchie apicali sulle ali anteriori sono assenti sul lato inferiore, appena accennate o assenti su quello posteriore.

L'apertura alare va da 4,5 a 5,3 cm.

Uova[modifica | modifica wikitesto]

Le uova, della forma "a birillo scanalato" tipica delle Pieridae, vengono deposte singolarmente sulla pagina inferiore delle foglie delle piante ospite.

Larva[modifica | modifica wikitesto]

Le larve compaiono da maggio, quando le foglie delle piante ospiti sono ben sviluppate. Questi bruchi attaccano inizialmente la parte inferiore delle foglie, spostandosi poi verso l'apice fogliare durante gli ultimi stadi di sviluppo. Verso giugno si impupano ed entrano in diapausa fino alla primavera successiva.

Pupa[modifica | modifica wikitesto]

La pupa o crisalide va in ibernazione sullo stelo delle piante ospite o su un supporto del sottobosco.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La specie è diffusa in Canada negli Stati Uniti orientali, dal Québec e dall'Ontario agli stati dei Grandi Laghi, fino all'Alabama nordorientale.

La si può riscontrare nella boscaglia mista e nelle foreste umide di latifoglie. Praticamente assente dagli spazi aperti.
La deforestazione avvenuta negli ultimi due secoli ha posto in serio pericolo la specie in alcune zone, poiché gli adulti possono non trovare supporti dove deporre le uova, e le larve possono trovarsi in carenza di piante ospiti da parassitare. Una volta che la specie è stata cancellata da una zona, non può più ricolonizzarla, in quanto non è in grado di volare in spazi aperti.

Anche l'introduzione di Alliaria petiolata (fam. Brassicaceae) dal 1868 ha creato seri problemi alla specie, in quanto le femmine adulte sono attirate da quest'essenza in fase di ovodeposizione, ma le larve vengono avvelenate da questa pianta.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Periodo di volo[modifica | modifica wikitesto]

Gli adulti volano a maggio in un'unica generazione, nel nord dell'areale, e tra aprile e maggio in un un'unica generazione, più a sud.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si conoscono solo due specie di piante ospite che vengono parassitate dai bruchi di Pieris virginiensis: Dentaria diphylla e Dentaria laciniata (fam Brassicaceae), abbastanza comuni nell'areale della specie.

Gli adulti suggono il nettare dai fiori di Dentaria, Claytonia (fam. Portulacaceae), Viola (fam. Violaceae) ed altri generi.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Di questa specie vengono riconosciute due sottospecie, con distribuzione differente:

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Capinera, J. L. (Ed.), Encyclopedia of Entomology, 4 voll., 2nd Ed., Dordrecht, Springer Science+Business Media B.V., 2008, pp. lxiii + 4346, ISBN 978-1-4020-6242-1, LCCN 2008930112, OCLC 837039413.
  • (EN) Dyar, H. G., Busck, A., Fernald, C. H., Hulst, G. D., A list of the North American Lepidoptera and key to the literature of this order of insects, in Bulletin of the United States National Museum, vol. 52, Washington, Government Printing Office, 1903 [1902], pp. xix + 723, DOI:10.5962/bhl.title.1141, ISBN non esistente, LCCN 06027693, OCLC 1704319.
  • Edwards, 1870; Descriptions of new species of diurnal Lepidoptera found within the United States Trans. amer. ent. Soc. 3: 10-22
  • Eitschberger, 1983; Eitschberger, 1984; Systematische Untersuchungen am Pieris napi-bryoniae-Komplex (s.l.) Herbipoliana 1 (1-2): (1) i-xxii, 1-504, (2) 1-601
  • (EN) Hodges, R. W. et al. (Eds), Check list of the Lepidoptera of America north of Mexico: including Greenland, Londra / Washington, D.C., E.W. Classey / Wedge Entomological Research Foundation, giugno 1983, pp. xxiv + 284, ISBN 978-0-86096-016-4, OCLC 9748761.
  • Holmes, A.M., R.R. Tasker, G.F. Hess, and A.J. Hanks. 1991; The Ontario Butterfly Atlas. Toronto Entomologists Association, Toronto, Ontario.
  • (EN) Kükenthal, W. (Ed.), Handbuch der Zoologie / Handbook of Zoology, Band 4: Arthropoda - 2. Hälfte: Insecta - Lepidoptera, moths and butterflies, in Kristensen, N. P. (a cura di), Handbuch der Zoologie, Fischer, M. (Scientific Editor), Teilband/Part 35: Volume 1: Evolution, systematics, and biogeography, Berlino, New York, Walter de Gruyter, 1999 [1998], pp. x + 491, ISBN 978-3-11-015704-8, OCLC 174380917.
  • Opler Paul, Pavulaan Harry, Stanford Ray, Pogue Michael; Butterflies and Moths of North America
  • Opler & Warren, 2003 (April); Butterflies of North America. 2. Scientific Names List for Butterfly Species of North America, north of Mexico.
  • Pyle, R.M. 1981; The Audubon Society Field Guide to North American Butterflies. Knopf, New York. 924 pp.
  • (EN) Scoble, M. J., The Lepidoptera: Form, Function and Diversity, seconda edizione, London, Oxford University Press & Natural History Museum, 2011 [1992], pp. xi, 404, ISBN 978-0-19-854952-9, LCCN 92004297, OCLC 25282932.
  • Smart, Paul, 1976; The Illustrated Encyclopedia of the Butterfly World; ISBN 0-600-31381-6
  • (EN) Stehr, F. W. (Ed.), Immature Insects, 2 volumi, seconda edizione, Dubuque, Iowa, Kendall/Hunt Pub. Co., 1991 [1987], pp. ix, 754, ISBN 978-0-8403-3702-3, LCCN 85081922, OCLC 13784377.
  • Winhard, 2000; Pieridae - Butterflies of the world, 10: (1) 40pp, (2) 48pls

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]