Piercing del prepuzio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Una fra le varie tipologie di piercing del prepuzio: Peneambos

Il piercing del prepuzio (in inglese Foreskin Piercing) è un piercing genitale maschile che viene praticato sul prepuzio. Esistono varie tipologie di piercing del prepuzio.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il piercing del prepuzio del pene maschile, è, tra i piercing genitali, uno tra i maggiormente diffusi nel mondo antecedentemente al revival moderno del piercing e tra i maggiormente documentati. È anche una delle pratiche di modificazione dei genitali maschili più antica, tanto quanto la circoncisione.[1]

La pratica era già in uso presso gli antichi greci, in diverse epoche, come strumento di castità per gli schiavi e per fermare il pene durante le gare e le battaglie degli atleti (che gareggiavano nudi) e militari.[1][2] Sembra fosse infatti in uso durante la Guerra di Troia, tanto quanto durante le antiche Olimpiadi.[1][2]

Aulo Cornelio Celso, Marco Valerio Marziale e Decimo Giunio Giovenale testimoniano come nella Roma Antica il piercing del prepuzio veniva praticato da attori e altri artisti per accentuare la loro attrattiva sessuale.[3] Il gioiello era da costoro indossato per la maggior parte del tempo, tranne che durante l'atto sessuale, quando veniva rimosso, e c'era chi era disposto a pagare per il solo piacere visivo di rimuovere il gioiello dal pene.[3] Aulo Cornelio Celso descrive inoltre come questo tipo di piercing venisse praticato: prima si marcavano con dell'inchiostro i due punti del prepuzio da perforare, quindi si perforava il prepuzio da parte a parte, inserendo un filo. Durante la guarigione il filo veniva mosso di tanto in tanto, per agevolare la pulizia del foro, quindi una volta guarito veniva sostituito con una fibula.[3]

Cornelis de Pauw testimonia come la perforazione del prepuzio fosse in uso presso i calogeri dei monaci greci come strumento di castità.[3] Tali monaci perforavano il prepuzio infilando poi un largo e pesante anello di ferro, tale da impedire l'erezione.[3] Tale pratica pare fosse in uso anche presso i monaci turchi, quali i dervisci e altri santoni, tanto che i fedeli giudicavano la loro santità in base alla dimensione del loro rosario e dell'anello che portavano nel pene.[3]

Con la stessa funzione di strumento di castità, il piercing del prepuzio viene praticato anche in India presso i Sadhu, i mistici indù: al fine di impedire qualsiasi tipo di attività sessuale, viene perforato il pene e appesi dei pesi che ne impediscono l'erezione.[4]

Motivazioni[modifica | modifica wikitesto]

Tra le motivazioni culturali per questo tipo di piercing, vi è quella della castità, così come avviene presso taluni mistici indù, dove tale piercing viene praticato per impedire qualsiasi attività sessuale.[3]

Ma vi è anche uno scopo erotico ed estetico.[3]

Procedura[modifica | modifica wikitesto]

Tipologie[modifica | modifica wikitesto]

  • Kuno
  • Oetang
  • Peneambos

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) History of Body Piercing, su Painful Pleasures, 7 ottobre 2013. URL consultato il 15 marzo 2018.
  2. ^ a b (EN) Piercing: A Cultural History Of Holes, su All That's Interesting, 10 marzo 2016. URL consultato il 15 marzo 2018.
  3. ^ a b c d e f g h (EN) Whats the history of sexual peircings? Nipple piercings, clit/labia piercings, stuff like that., su AskHistorians, Reddit. URL consultato il 14 febbraio 2018.
  4. ^ Vale e Junio, 1994, pp. 14-15

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]