Pier Paolo Parisio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pier Paolo Parisio
cardinale di Santa Romana Chiesa
3204 - Roma - S. Maria degli Angeli - Tomba card. Paolo Parisi - Foto Giovanni Dall'Orto 18-June-2007.jpg
Busto del cardinale
Incarichi ricoperti Vescovo di Anglona
Vescovo di Nusco
Cardinale presbitero di Santa Balbina
Nato 1473 a Cosenza
Creato cardinale 19 dicembre 1539 da papa Paolo III
Deceduto 11 maggio 1545 a Roma

Pier Paolo Parisio (anche Pierpaolo o Pietro Paolo) (Cosenza, 1473Roma, 11 maggio 1545) è stato un cardinale, vescovo cattolico e giurista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu celebre giurista ed insegnò presso le Università di Padova e di Bologna. Rimasto vedovo, entrò nella carriera ecclesiastica. Nel 1528 fu nominato vescovo di Anglona e l'11 gennaio 1538 fu nominato vescovo di Nusco. Nel concistoro del 19 dicembre 1539 fu elevato alla dignità cardinalizia da papa Paolo III, ricevendo il titolo cardinalizio di Santa Balbina. Fu legato a latere, con il cardinale Marcello Cervini, presso l'imperatore Carlo V che si trovava a Genova. Con i cardinali Reginald Pole e Giovanni Gerolamo Morone fu nominato presidente del Concilio di Trento.

Fu sepolto nella Basilica di Santa Maria degli Angeli e dei Martiri a Roma; suo nipote Flaminio Parisio, vescovo di Bitonto, fece erigere un elegante monumento con busto in marmo ed elogio funebre.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Lasciò numerose opere di diritto civile e canonico, tra cui i 4 volumi di Consilia, pubblicati postumi nel 1570.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN89315026 · GND: (DE11882421X