Pico Almanzor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pico Almanzor
Almanzor sierra de gredos.jpg
StatoSpagna Spagna
Comunità autonomaCastiglia e León
ProvinciaAvila
Altezza2 591 m s.l.m.
Prominenza1 690 m
CatenaSierra de Gredos
Coordinate40°14′48″N 5°17′52″W / 40.246667°N 5.297778°W40.246667; -5.297778Coordinate: 40°14′48″N 5°17′52″W / 40.246667°N 5.297778°W40.246667; -5.297778
Altri nomi e significatiPlaza del Moro Almanzor
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Spagna
Pico Almanzor
Pico Almanzor

Il Pico Almanzor, a volte citato come Plaza del Moro Almanzor,[1][2][3] è una vetta della Penisola iberica, la cima più alta della sierra de Gredos e di tutto il Sistema Centrale, con 2591 metri s.l.m.[4] e una prominenza di 1690 m. Si trova nella provincia castigliano/leonesa di Ávila, Spagna; la sua cima forma parte dello spartiacque tra i comuni di Zapardiel de la Ribera e Candeleda.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

È considerato un picco ultraprominente, categoria che include le montagne con una prominenza superiore ai 1500 m.[5] El Almanzor è una vetta molto poco erosa, di formazione granitica, sollevatosi durante l'orogenesi alpina. Appartiene al cosiddetto Circo de Gredos e intorno a lui vive una sottospecie della salamandra comune, Salamandra salamandra almanzoris, che prende il nome della vetta e che è endemica di alcune valli glaciali della catena montuosa.[6]

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome proviene da Almanzor, leader militare e religioso durante il Califfato di Cordova. La leggenda racconta che Almanzor fu il primo a salire su questa vetta,[7] e secondo la tradizione lo avrebbe fatto a cavallo.[8] Dopo aver combattuto i cristiani nella zona del Béjar, Almanzor veniva a riposare con le sue truppe sulla riva del Tormes.

Dopo aver sentito parlare dai locali di uno strano e recondito lago che si intendeva la Laguna Grande de Gredos, ma si sarebbe fatto guidare fino a questa e sarebbe salito sul più alto dei picchi circostanti.[7]

Corno dellꞌAlmanzor, formazione rocciosa limitrofa al Pico Almanzor.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

El Almanzor fu scalato per la prima volta nel settembre 1899 da Manuel González de Amezúa y José Ibrián Espada,[7][9][10] e la prima ascensione invernale fu realizzata nel 1903 nuovamente da Amezúa[11] e Ibrián Espada, accompagnati questa volta da Ontañón e Abricarro.[9] Nel 1960 fu collocata sulla cima una croce di ferro forgiato, per sostituire la sbarra che ocupava il luogo e che era sparita nel 1959, si suppone colpita da un fulmine.[12]

Ascensione[modifica | modifica wikitesto]

La sua ascensione è raccomandabile solo a montanari con un poꞌ di esperienza. La via normale di accesso passa per la Laguna Grande de Gredos e lꞌomonimo rifugio (1945 m), la Valle Antón e i passaggi Bermeja (2416 m) e del Crampón. Dopo aver raggiunto questꞌultimo si vede il Corno dellꞌAlmanzor, un appariscente pennacchio roccioso che si eleva sopra i Canales Oscuras.[11] Lꞌultimo tratto rientra nel secondo grado di scalata UIAA. Vi è unꞌaltra via di accesso meno utilizzata, partendo dal villaggio di El Raso, si sale per una oista nel bosco fino alla piattaforma del Jornillo, continuando a piedi per la Peña de Chilla fino a unirsi alla prima via sul passaggio Bermeja. Anche se in estate non è necessario alcun attrezzo per salire, nellꞌinverno e con gelo e neve è necessario lꞌuso di una corda, di picozza e ramponi.

LꞌAlmanzor non è esente da pericoli, come testimoniano gli incidenti mortali di diversi alpinisti nell'ascensione alla sua cima.[13][14][15][16]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Circo de Gredos

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) Jaime Oliver Asín, En torno a los orígenes de Castilla: su toponimia en relación con los árabes y los beréberes, Real Academia de la Historia, 1974, p. 20.
  2. ^ (ES) José Gómez de Arteche y Moro, Geografía historico-militar de España y Portugal, escrita por el coronel don José Gómez de Arteche, vol. 2, Madrid, F. de P. Mellado, 1859, p. 74.
  3. ^ (ES) Francisco Coello y Quesada, Francisco de Luxán e Agustín Pascual, Reseñas geográfica, geológica y agrícola de España, Madrid, Imprenta Nacional, 1859, p. 20.
  4. ^ Principales cumbres montannosas de la provincia de Ávila, Instituto Geográfico Nacional. URL consultato il 13 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2013).
  5. ^ (EN) Peaklist.org, Europe Ultra Prominences, su peaklist.org. URL consultato il 9 dicembre 2012.
  6. ^ Ministerio de Medio Ambiente, Salamandra salamandra almanzoris (PDF), su magrama.gob.es, 2006. URL consultato il 26 agosto 2013.
  7. ^ a b c Editorial Alpina, 2008, p. 27
  8. ^ González Canalejo, 2011, p. 3
  9. ^ a b Ribas Lasso, 2012, p. 35
  10. ^ Harding, 1988, p. 144
  11. ^ a b Editorial Alpina, 2008, p. 28
  12. ^ p. 27, ABC en Ávila: Una cruz de hierro sobre Gredos, in ABC, 2 agosto 1960. URL consultato il 26 agosto 2013.
  13. ^ (ES) Fallece el menor madrileño que se despeñó en el pico Almanzor de Gredos, in Intereconomía, 4 luglio 2011. URL consultato il 26 agosto 2013.
  14. ^ (ES) Accidente en el Almanzor, in Desnivel, 28 luglio 2004. URL consultato il 26 agosto 2013.
  15. ^ Un joven montañero pierde la vida al caer desde más de 100 metros, in Avilared, 14 agosto 2013. URL consultato il 26 agosto 2013.
  16. ^ Cinco muertos en 48 horas en la sierra de Gredos, in El País, 10 marzo 2014.|dataaccesso=25 marzo 2014|lingua =es}}

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]