Piccolo grande amore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la canzone di Claudio Baglioni, vedi Questo piccolo grande amore.
Piccolo grande amore
Raoul bova - piccolo grande amore.png
Raoul Bova in una scena del film
Paese di produzioneItalia
Anno1993
Durata105 min
150 min (Versione TV)
Generecommedia, sentimentale, drammatico
RegiaCarlo Vanzina
SoggettoCarlo Vanzina
SceneggiaturaCesare Frugoni, Carlo Vanzina ed Enrico Vanzina
ProduttoreCarlo Vanzina ed Enrico Vanzina
FotografiaLuigi Kuveiller
MontaggioSergio Montanari
MusicheSimon Boswell
ScenografiaTonino Zera
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

Piccolo grande amore è un film italiano del 1993 diretto da Carlo Vanzina.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Sofia, principessa del Liechtenhaus, piccolo paese immaginario dell'Europa centrale, figlia del principe Massimiliano e orfana di madre, viene obbligata a sposare il principe Frederick di Sassonia per far fronte ai problemi finanziari del principato. Contraria a un matrimonio senza amore, la ragazza fugge e arriva in un villaggio turistico in Sardegna dove, in incognito sotto il nome di Lisa, viene assunta come barista e incontra Marco, di cui si innamora.

L'investigatore del principato sta cercando Sofia e, dopo varie indagini, la rintraccia al villaggio dal quale è appena scomparsa. Infatti, una coppia di malviventi l'ha appena rapita a scopo di estorsione. Marco inizia subito le ricerche e, con un po' di fortuna, riesce a trovare il nascondiglio dei rapitori e a liberare Sofia che, però, scappa credendolo uno dei rapitori. Tornata dal padre, accetta di sposare il principe Frederick per il bene del principato. Nel frattempo, Marco scopre che gli organizzatori del rapimento sono proprio il conte zio e la contessa sua moglie e tenta di avvertire Sofia. Arrivato al castello, però, viene arrestato e rinchiuso in prigione. Grazie all'aiuto di Ursula, riesce a evadere e raggiungere Sofia che sta per sposarsi. Alla cerimonia di nozze, la sposa arriva con il padre, che fa arrestare conte e contessa, e con Marco che la accompagna all'altare come nuovo sposo.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Come per altri film dei Vanzina esiste anche una versione televisiva più lunga, trasmessa almeno in un'occasione su Italia 1.[1] Tra le scene aggiuntive: un dialogo tra la protagonista e la sua tata e l'incontro notturno con i ragazzi ecologisti sulla spiaggia, interpretati da Chiara Sani e Jimmy Ghione, e una scena in cui la contessa von Dix rivela a suo fratello, principe Massimiliano, il suo tradimento. Quest'ultima versione è disponibile in DVD distribuita da Medusa nel 2010 e da Mustang Entertainment nel 2013.[2]

Luoghi delle riprese[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato girato principalmente in Sardegna;[3] altre scene sono state girate a Vienna.[4] Il castello utilizzato come residenza della principessa, più volte inquadrato nel corso del film soprattutto con inquadrature panoramiche, è il Castello di Neuschwanstein, in Baviera.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha incassato 3.538.303.000 di lire.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Simone Pinchiorri, Piccolo grande amore - Prima di Siani c'erano i Vanzina, cinemaitaliano.info, 23 maggio 2013. URL consultato il 20 febbraio 2014.
  2. ^ Francesco Lomuscio, Mustang ristampa in dvd Piccolo grande amore con Raoul Bova, filmup.leonardo.it, 6 giugno 2013. URL consultato il 29 marzo 2021 (archiviato dall'url originale il 28 novembre 2016).
  3. ^ Sardegna: Piccolo grande amore, il film di Vanzina, magazine.snav.it, 21 luglio 2010. URL consultato il 20 febbraio 2014.
  4. ^ (EN) Locations, IMDb. URL consultato il 20 febbraio 2014.
  5. ^ Enrico Lancia, Dizionario del cinema italiano. I film. Dal 1990 al 2000., vol. 6/2, Gremese Editore, 2002, pp. 124-125. URL consultato il 24 maggio 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema