Picchetto limite di manovra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il picchetto limite di manovra è un segnale sussidiario, posto in opera nelle stazioni ferroviarie italiane di RFI, che ha lo scopo di indicare il punto limite protetto di ciascuna stazione. Altre ferrovie dispongono di differenti tipi di segnalazione o lo omettono del tutto sulla base dei propri regolamenti di esercizio.

Un picchetto limite di manovra è costituito da un paletto verticale dipinto a strisce orizzontali bianche e nere posto accanto al binario di uscita a 100 m dal segnale di protezione di 1a categoria (verso l'interno) della stazione. Se il segnale è di 2a categoria sarà invece disposto a 100 m dal punto di massimo ingombro di un eventuale treno fermo al segnale[1].

Tale dispositivo ha lo scopo di indicare il punto massimo raggiungibile in uscita da una colonna di veicoli ferroviari in manovra nella stazione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ RFI, Regolamento sui segnali, articolo 65 ter. Archiviato il 8 ottobre 2010 in Internet Archive.
Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti