Piazza della Libertà (Roma)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Piazza della Libertà a Roma è una piazza del rione Prati.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La piazza si trova al termine del ponte Margherita (al tempo l'ultimo ponte della città verso monte prima del ponte Milvio) sulla riva destra del Tevere, da qui si diparte via Cola di Rienzo che, terminando a piazza Risorgimento, attraversa e taglia in due il rione Prati.

Questa piazza è di forma rettangolare, costituita da due aree verdi sistemate ad aiuole, presenta alcune alberature secolari ed è circondata da palazzi in stile eclettico. Risale all'urbanizzazione del quartiere avvenuta a partire dal 1873, conformemente al piano Viviani.

Fra i monumenti di questa piazza ci sono: un'edicola sacra risalente al XX secolo raffigurante la Madonna con bambino[1]; un monumento memoriale ottocentesco al drammaturgo Pietro Cossa[1]; Casa De' Salvi, palazzina novecentesca (1930), opera dell'architetto Pietro Aschieri[2].

In questa piazza hanno sede la Fondazione Internazionale Irina Alberti e la Fondazione Gabriele Sandri[3][4].

Fondazione della S.S. Lazio[modifica | modifica wikitesto]

La targa affissa in piazza della Libertà con i nomi dei fondatori della S.S. Lazio.

In questa piazza, il 9 gennaio 1900, venne ufficializzata la Società Sportiva Lazio (all'epoca come Società Podistica Lazio). Il 9 gennaio del 2000, centenario della fondazione, è stata scoperta una targa a ricordo perenne dell'evento.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b info.roma.it, Piazza della Libertà, Roma, info.roma.it. URL consultato il 5 agosto 2012.
  2. ^ M. Tafuri, Aschieri, Pietro, voce del Dizionario Biografico degli Italiani, Volume 4, 1962.
  3. ^ Sito web della Fondazione Internazionale Irina Alberti, irinaalberti.it. URL consultato il 5 agosto 2012.
  4. ^ Vi aspetto in Piazza della Libertà, fondazionegabrielesandri.it. URL consultato il 30 marzo 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]