Piazza XVIII Dicembre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Piazza XVIII Dicembre (Torino))
Jump to navigation Jump to search
Piazza XVIII Dicembre
Torino Stazione Porta Susa001.JPG
La facciata della Stazione di Torino Porta Susa del 1856, in Piazza XVIII Dicembre
Nomi precedentiPiazza San Martino
Localizzazione
StatoItalia Italia
CittàTurin coat of arms.svg Torino
CircoscrizioneCircoscrizione 1.png I Circoscrizione
Quartierecentro storico
Codice postale10122
Informazioni generali
Tipopiazza
Pavimentazioneasfalto
IntitolazioneStrage di Torino del 1922
Collegamenti
Intersezionicorso Bolzano
Corso San Martino
via Cernaia
Mappa

Coordinate: 45°04′25.38″N 7°40′05.02″E / 45.073716°N 7.668062°E45.073716; 7.668062

Piazza XVIII Dicembre è una piccola piazza non lontana dal centro storico di Torino, prospiciente alla vecchia Stazione di Torino Porta Susa, non lontano dalla nuova Stazione sotterranea di Torino Porta Susa, e che si apre alla confluenza tra via Cernaia, Corso Bolzano e Corso San Martino, tramite il quale comunica con la vicina Piazza Statuto.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le mura romane di Torino, che terminavano prima della via Segusina o Decumana, ove rimasero fino ai tempi della Cittadella di Torino, furono abbattute per aprire totalmente la nuova via Cernaia, negli anni dal 1850 al 1855. La piazza fu aperta per diventare un elegante biglietto da visita della città per i viaggiatori in arrivo dall'appena nata vecchia stazione di porta Susa. Il 25 giugno 1864 venne battezzata come Piazza San Martino, dedicata alla Battaglia di San Martino del 1859, e comunicante con l'omonimo corso che ancora vi confluisce.
Qui abitò anche Edmondo De Amicis, nel palazzo all'angolo nord, dove scrisse il suo libro più famoso, Cuore.[1] Sempre nello stesso edificio visse per un breve periodo di tempo Emilio Salgari.[2]

Venne cambiata la nomenclatura dal comune da piazza San Martino in Piazza XVIII Dicembre nel 1946, per ricordare le vittime dell'eccidio commesso dai fascisti di Piero Brandimarte, la cosiddetta strage di Torino, tra il 18 e il 20 dicembre 1922.[3] Negli anni 1960 venne eretto, al limite con via Cernaia, il Grattacielo RAI, allora uno degli edifici più alti della città, seppur oggi non più utilizzato allo scopo originario.

La Piazza è posta presso la vecchia stazione di Porta Susa, sostituita nel 2009 da una nuova stazione sotterranea e spostata verso sud, a seguito dei lavori per l'interramento della linea ferroviaria Torino-Milano. La piazza è collegata dalle principali linee di pullman e tram della rete di trasporti cittadini. Davanti alla stazione fanno capolinea numerose linee extraurbane per collegamenti con tutta la provincia.

Nel 2015 viene collocata e inaugurata al centro della piazza la scultura Punt e Mes, dono del Gruppo Armando Testa alla città.[4][5]

La scultura del Punt e Mes

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pier Massimo Prosio, Guida letteraria di Torino, p.60, 2005, Centro Studi Piemontesi.
  2. ^ Una sala dedicata a Salgari nel museo di Palazzo Barolo, Massimo Novelli, la Repubblica, 14 aprile 2007, sezione Torino, p. 12, Archivio.
  3. ^ "Nomi degni di memoria cancelleranno ogni ricordo fascista", La Stampa, 31 gennaio 1946, p. 2, Archivio storico.
  4. ^ Torino, a Porta Susa arriva il Punt e Mes di Armando Testa
  5. ^ A Torino il «Punt e mes» firmato Testa

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Renzo Rossotti, Le Strade di Torino, 1995, Roma, Newton Compton Editori.
  • Renzo Rossotti, Le Piazze di Torino, 2000, Roma, Newton Compton Editori.
Torino Portale Torino: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Torino