Piazza Marina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Piazza Marina

Piazza Marina è una piazza del centro storico di Palermo situata nel quartiere della Kalsa o Mandamento Tribunali. Al centro della piazza è presente la villa Garibaldi progettata dall'architetto Giovan Battista Filippo Basile nel 1863.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La piazza, fino al Medioevo,era una palude collegata col porto cittadino della Cala. Nel XIV secolo, durante la dominazione angioina, si fecero dei lavori di bonifica[2].Si venne così a creare un terreno libero utilizzato dalla Santa Inquisizione per il martirio e l'uccisione degli eretici provenienti dalle vicine prigioni dello Steri. Nel 1863, Filippo Basile progettò la Villa Garibaldi, e sistemò di fronte al Palazzo delle Finanze la barocca Fontana del Garraffo, progettata da Paolo Amato e scolpita da Gioacchino Vitagliano, fino a quel momento sita nella piazza omonima nel mercato della Vucciria, posta tra la via Argenteria e la via dei Frangiai. Da tempo importante piazza della movida palermitana, nel dicembre del 2009 è nato un consorzio per la creazione di un centro commerciale naturale e per spingere il comune alla pedonalizzazione della piazza.[3] La pedonalizzazione ha preso corpo in alcune aree della piazza a partire dal 2014.

Nel gennaio 2011 il Comune di Palermo ha appaltato il rifacimento di tre piazze storiche cittadine includendo piazza Marina. Il progetto prevede il ripristino della pavimentazione e dell'arredo urbano, il restauro della recinzione di villa Garibaldi, il rifacimento dell'illuminazione della piazza, della fontana del Garraffo e l'illuminazione di villa Garibaldi.[4]

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

Al suo interno vi si trova l'ottocentesca Villa Garibaldi, dedicata all'eroe risorgimentale per celebrare la nascita del Regno d'Italia. A caratterizzar la piazza sono anche i numerosi edifici storici che la delimitano, tra i quali palazzo Chiaramonte o Steri, attuale sede del rettorato dell'Università degli Studi di Palermo, palazzo Galletti di San Cataldo, palazzo Fatta, palazzo Notarbartolo di Villarosa Dagnino, l'hotel de France, il teatro Libero, palazzo Mirto, la chiesa di Santa Maria dei Miracoli, il Palazzo delle Finanze antica Vicaria, la chiesa di San Giovanni dei Napoletani, la chiesa di Santa Maria della Catena, il Museo delle marionette, la fontana del Garraffo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pagina 21, Vincenzo Mortillaro, "Guida per Palermo e pei suoi dintorni del barone V. Mortillaro" [1], Tipografia del giorn. Letterario, Palermo, 1836.
  2. ^ vedi Urbanistica di Palermo, sezione Dagli Svevi agli Angioini
  3. ^ Il consorzio Piazza Marina piazzamarinaedintorni.it
  4. ^ Tre piazze monumentali, firmato il finanziamento, partono i lavori mobilitapalermo.org

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Palermo Portale Palermo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Palermo