Phyllanthus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Come leggere il tassoboxProgetto:Forme di vita/Come leggere il tassobox
Come leggere il tassobox
Phyllanthus
Phyllanthus mirabilis
Classificazione APG IV
DominioEukaryota
RegnoPlantae
(clade)Angiosperme
(clade)Mesangiosperme
(clade)Eudicotiledoni
(clade)Eudicotiledoni centrali
(clade)Superrosidi
(clade)Rosidi
(clade)Eurosidi
(clade)COM
OrdineMalpighiales
FamigliaPhyllanthaceae
SottofamigliaPhyllanthoideae
TribùPhyllantheae
GenerePhyllanthus
L., 1753
Classificazione Cronquist
DominioEukaryota
RegnoPlantae
DivisioneMagnoliophyta
ClasseMagnoliopsida
OrdineEuphorbiales
FamigliaEuphorbiaceae
SottofamigliaPhyllanthoideae
GenerePhyllanthus
L., 1753
Sinonimi

Vedi testo

Specie
Vedi testo

Phyllanthus L., 1753[1] è un genere di piante dicotiledoni della famiglia Phyllanthaceae[2], in precedenza classificato, in base alla classificazione tradizionale, nella sottofamiglia Phyllanthoideae delle Euforbiacee[3]. Le specie del genere Phyllanthus sono note con il nome comune "fillanto".

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Le piante del genere Phyllanthus possiedono una notevole variabilità delle forme di crescita, potendo essere annuali o perenni, erbacee, cespugli, rampicanti, acquatiche galleggianti o succulente pachicauli. Alcune possiedono steli appiattiti a forma di foglia chiamati cladodi. Questo genere possiede anche un'ampia varietà di morfologie floreali, di numero di cromosomi e di tipologie di pollini (è uno dei generi più ricchi fra tutte le spermatofite.

Nonostante la loro variabilità, quasi tutte le specie di Phyllanthus esprimono uno specifico tipo di crescita chiamato ramificazione fillantoide (in inglese: phyllanthoid branching), in cui gli steli verticali recano steli (orizzontali o obliqui) decidui, floriferi e plagiotropici. Le foglie presenti sull'asse principale (verticale) sono ridotte a scaglie chiamate catafilli, mentre le foglie sugli altri assi si sviluppano normalmente[4].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Il genere Phyllanthus è presente in tutte le regioni tropicali e subtropicali della Terra.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Lo stesso argomento in dettaglio: Specie di Phyllanthus.

Con oltre 800 specie, è il genere più vasto della famiglia Phyllantaceae[2][5].

Alcune specie[modifica | modifica wikitesto]

Frutto di Phyllanthus acidus
Fiori maschili e femminili di Phyllanthus acidus
Steli appiattiti e fiori di Phyllanthus angustifolius
Germogli plagiotropici di Phyllanthus pulcher

Sinonimi[modifica | modifica wikitesto]

  • Agyneia L., nom. rej.
  • Anisonema A.Juss.
  • Aporosella Chodat
  • Arachnodes Gagnep.
  • Ardinghalia Comm. ex A.Juss.
  • Asterandra Klotzsch
  • Bradleia Banks ex Gaertn.
  • Cathetus Lour.
  • Ceramanthus Hassk.
  • Chlorolepis Nutt.
  • Chorisandra Wight, nom. illeg.
  • Chorizonema Jean F.Brunel
  • Cicca L.
  • Clambus Miers
  • Coccoglochidion K.Schum.
  • Conami Aubl.
  • Cycca Batsch
  • Dendrophyllanthus S.Moore
  • Diasperus L. ex Kuntze, nom. illeg.
  • Dichelactina Hance
  • Dichrophyllum Klotzsch & Garcke
  • Dimorphocladium Britton
  • Emblica Gaertn.
  • Episteira Raf.
  • Epistylium Sw.
  • Eriococcus Hassk.
  • Flueggeopsis K.Schum.
  • Frankia Steud.
  • Geminaria Raf.
  • Genesiphyla Raf.
  • Genesiphylla L'Hér.
  • Glochidionopsis Blume
  • Glochisandra Wight
  • Gynoon A.Juss.
  • Hemicicca Baill.
  • Hemiglochidion (Müll.Arg.) K.Schum., nom. illeg.
  • Hexadena Raf.
  • Hexaspermum Domin
  • Kirganelia Juss.
  • Leichhardtia F.Muell.
  • Lobocarpus Wight & Arn.
  • Lomanthes Raf.
  • Macraea Wight
  • Maschalanthus Nutt., nom. illeg.
  • Meborea Aubl.
  • Menarda Comm. ex A.Juss.
  • Moeroris Raf.
  • Nellica Raf.
  • Niruri Adans.
  • Niruris Raf.
  • Nymania K.Schum.
  • Nymphanthus Lour.
  • Orbicularia Baill.
  • Oxalistylis Baill.
  • Phyllanthodendron Hemsl.
  • Pseudoglochidion Gamble
  • Ramsdenia Britton
  • Reidia Wight
  • Reverchonia A.Gray
  • Rhopium Schreb.
  • Roigia Britton
  • Scepasma Blume
  • Staurothyrax Griff.
  • Synexemia Raf.
  • Tetraglochidion K.Schum.
  • Tricarium Lour.
  • Uranthera Pax & K.Hoffm.
  • Urinaria Medik.
  • Williamia Baill.
  • Xylophylla L.
  • Zarcoa Llanos

Uso in medicina[modifica | modifica wikitesto]

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Le piante del genere Phyllanthus hanno trovato diversi utilizzi in medicina.

La pianta erbacea Phyllanthus emblica è di interesse per il potenziale trattamento dei disordini dell'osso umano[6] e dei pazienti diabetici[7].

Nel corso di ricerche, Phyllanthus niruri ha dimostrato potenziali effetti nei confronti dell'epatite B[8] e possibile attività antivirale anche nei confronti del virus dell'immunodeficienza umana (HIV)[9].

Le piante di Phyllanthus sono state utilizzate nella medicina popolare per trattare varie malattie. Nella medicina ayurvedica indiana, varie specie erbacee di Phyllanthus sono note con il nome di bhuiamla[10], nome in precedenza utilizzato alla sola P. niruri. Bhuiamla viene prescritto per ittero, gonorrea e diabete (uso interno), così come per impiastri, ulcere e altre patologie della pelle (uso esterno). Infusi preparati da giovani germogli sono utilizzati nel trattamento della dissenteria cronica. Comunque, la moderna ricerca scientifica non ha confermato molti di questi supposti effetti.

La corteccia di Phyllanthus muellerianus, chiamata comunemente mbolongo in Camerun, è utilizzata dai Pigmei come rimedio per il tetano e le infezioni delle ferite[11].

Estratti di Phyllanthus muellerianus svolgono attività antimicrobica[11][12]. Phyllanthus niruri può probabilmente aiutare a prevenire la formazione di calcoli renali (urolitiasi)[13]. Estratti di radice e foglie di Phyllanthus amarus hanno mostrato una significativa attività antivirale nei confronti dell'epatite C[14]. Varie specie di Phyllanthus sono state verificate in test clinici su pazienti affetti da epatite B cronica, ma non vi è consenso sulla loro utilità[15]. La foglia di Phyllanthus acidus ha mostrato attività antiplasmodica nei confronti del Plasmodium falciparum[16]. Le foglie di Phyllanthus reticulatus hanno mostrato una potenziale inibizione della RNAsi H e una protezione nei confronti degli effetti citopatici virali dell'HIV-1[17].

Foglie, radici, fusti, corteccia e bacche di questo genere contengono lignani (ad esempio fillantina e ipofillantina) e molti altri composti fitochimici[18][19][20].


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Carl Linnaeus, Species Plantarum, vol. 2, p. 981, 1 maggio 1753.
  2. ^ a b (EN) Phyllanthus, su Plants of the World Online, Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 14/12/2022.
  3. ^ (EN) The Angiosperm Phylogeny Group, An update of the Angiosperm Phylogeny Group classification for the ordines and families of flowering plants: APG IV, in Botanical Journal of the Linnean Society, vol. 181, n. 1, 2016, pp. 1–20.
  4. ^ Grady L. Webster, Classification of the Euphorbiaceae, in Annals of the Missouri Botanical Garden, vol. 81, n. 1, 1994, pp. 3–32, DOI:10.2307/2399908, JSTOR 2399908.
  5. ^ Kathriarachchi H, Hoffmann P, Samuel R, Wurdack KJ, Chase MW, Molecular phylogenetics of Phyllanthaceae inferred from five genes (plastid atpB, matK, 3'ndhF, rbcL, and nuclear PHYC), in Molecular Phylogenetics and Evolution, vol. 36, n. 1, luglio 2005, pp. 112–34, DOI:10.1016/j.ympev.2004.12.002, PMID 15904861.
  6. ^ Piva R, Penolazzi L, Borgatti M, etal, Apoptosis of human primary osteoclasts treated with molecules targeting nuclear factor-kappaB, in Annals of the New York Academy of Sciences, vol. 1171, agosto 2009, pp. 448–56, DOI:10.1111/j.1749-6632.2009.04906.x, PMID 19723088.
  7. ^ Kusirisin W, Srichairatanakool S, Lerttrakarnnon P, etal, Antioxidative activity, polyphenolic content and anti-glycation effect of some Thai medicinal plants traditionally used in diabetic patients [collegamento interrotto], in Medicinal Chemistry, vol. 5, n. 2, marzo 2009, pp. 139–47, DOI:10.2174/157340609787582918, PMID 19275712.
  8. ^ P. niruri - Effects on Hepatitis B, Thyagarajan 1982; Mehrotra 1990; Yeh, et al. 1993; Wang 1995.[1]
  9. ^ Ogata T, Higuchi H, Mochida S, etal, HIV-1 reverse transcriptase inhibitor from Phyllanthus niruri, in AIDS Research and Human Retroviruses, vol. 8, n. 11, novembre 1992, pp. 1937–44, DOI:10.1089/aid.1992.8.1937, PMID 1283310.
  10. ^ Puri, H. S. (2003) Rasayana: Ayurvedic herbs for longevity and rejuvenation. Taylor & Francis, London, pages 86–93.
  11. ^ a b Brusotti G, Cesari I, Frassà G, Grisoli P, Dacarro C, Caccialanza G"Antimicrobial properties of stem bark extracts from Phyllanthus muellerianus (Kuntze) Excell." J Ethnopharmacol. 2011 Jun 1;135(3):797-800
  12. ^ Assob JC, Kamga HL, Nsagha DS, Njunda AL, Nde PF, Asongalem EA, Njouendou AJ, Sandjon B, Penlap VB"Antimicrobial and toxicological activities of five medicinal plant species from Cameroon traditional medicine". BMC Complement Altern Med. 2011;11:70
  13. ^ Boim MA, Heilberg IP, Schor N "Phyllanthus niruri as a promising alternative treatment for nephrolithiasis." Int Braz J Urol. 2010 Nov-Dec;36(6):657-64; discussion 664
  14. ^ Ravikumar YS, Ray U, Nandhitha M, Perween A, Raja Naika H, Khanna N, Das S.,"Inhibition of hepatitis C virus replication by herbal extract: Phyllanthus amarus as potent natural source." Virus Res. 2011 Jun;158(1-2):89-97
  15. ^ Xia Y, Luo H, Liu JP, Gluud C "Phyllanthus species for chronic hepatitis B virus infection." Cochrane Database Syst Rev. 2011;4:CD008960
  16. ^ Bagavan A, Rahuman AA, Kamaraj C, Kaushik NK, Mohanakrishnan D, Sahal D.,"Antiplasmodial activity of botanical extracts against Plasmodium falciparum." Parasitol Res. 2011 May;108(5):1099-109
  17. ^ Tai BH, Nhut ND, Nhiem NX, Quang TH, Thanh Ngan NT, Thuy Luyen BT, Huong TT, Wilson J, Beutler JA, Ban NK, Cuong NM, Kim YH "An evaluation of the RNase H inhibitory effects of Vietnamese medicinal plant extracts and natural compounds". Pharm Biol. 2011 May 20
  18. ^ Murugaiyah V, Chan KL, Determination of four lignans in Phyllanthus niruri L. by a simple high-performance liquid chromatography method with fluorescence detection, in Journal of Chromatography A, vol. 1154, 1–2, giugno 2007, pp. 198–204, DOI:10.1016/j.chroma.2007.03.079, PMID 17418855.
  19. ^ Srivastava V, Singh M, Malasoni R, etal, Separation and quantification of lignans in Phyllanthus species by a simple chiral densitometric method, in Journal of Separation Science, vol. 31, n. 1, gennaio 2008, pp. 47–55, DOI:10.1002/jssc.200700282, PMID 18064620.
  20. ^ Bagalkotkar G, Sagineedu SR, Saad MS, Stanslas J, Phytochemicals from Phyllanthus niruri Linn. and their pharmacological properties: a review, in The Journal of Pharmacy and Pharmacology, vol. 58, n. 12, dicembre 2006, pp. 1559–70, DOI:10.1211/jpp.58.12.0001, PMID 17331318.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica