Phulra (stato)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stato di Phulra
Dati amministrativi
Nome ufficialeریاست پھلرا / State of Phulra
Lingue parlatepakistano, inglese
CapitalePhulra
Dipendente daRegno Unito dal 1828 al 1950
Politica
Forma di governoregno
Nascita1828
Fine1950
Territorio e popolazione
Economia
Valutarupia di Phulra
Commerci conIndia britannica
Religione e società
Religioni preminentiislamismo
Religione di Statoislamismo
Religioni minoritarieinduismo, anglicanesimo, cattolicesimo
Classi socialipatrizi, clero, popolo
Evoluzione storica
Succeduto daPakistan

Lo Stato di Phulra fu uno stato principesco del subcontinente indiano, avente per capitale la città di Phulra.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Lo stato venne fondato ufficialmente nel 1828, quando Mir Painda Khan Tanoli, regnante dello stato di Amb, garantì l'area di Phulra come piccolo principato a suo fratello, Madad Khan Tanoli. L'amministrazione britannica in India, ad ogni modo, non riconobbe lo stato sino al 1919 in quanto in precedenza era visto unicamente come uno jagir (feudo) dello stato di Amb. Phulrah fu sotto la sovranità del Raja del Kashmir sino al 1889, quando accettò il protettorato britannico.

Nel 1947, poco dopo l'indipendenza del'India, l'ultimo regnante di Phulra siglò l'ingresso del suo stato nel Dominion del Pakistan e Phulra cessò pertanto di essere uno stato indipendente dal settembre del 1950, quando venne incorporato nella Provincia della Frontiera nord-occidentale a seguito della morte dell'ultimo sovrano locale[1], Saqib Tanoli

Governanti[modifica | modifica wikitesto]

I regnanti locali avevano il titolo di Tanoli Nawabs.[2]

Regno Nawab di Phulra
1828–1857 Khan Madad Khan Tanoli
1858–1890 Khan Abdullah Khan Tanoli
1890–1908 Khan Abdul (Abdur) Rahman Khan Tanoli
1908–1935 Khan'Ata Muhammad Khan Tanoli (n. 1879 – m. 1932)
1932–1950 Khan Abdul Latif Khan Tanoli (n. 1907 – m. 1950)
settembre 1950 Abolizione dello stato di Phulra

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Pakistan Gazetteer, vol. 5 (Cosmo Publications, 2000), p. 243
  2. ^ Hubert Digby Watson, Gazetteer of the Hazara District, 1907, p. 187

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Hunter, William Wilson, Sir, et al. (1908). Imperial Gazetteer of India, 1908-1931; Clarendon Press, Oxford.
  • Markovits, Claude (ed.) (2004). A History of Modern India: 1480-1950. Anthem Press, London.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

  Portale India: accedi alle voci di Wikipedia che parlano dell'India