Philocteta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Filottete
Tragedia perduta
Brauron - Marble slab with the Recall of Philoctetes.jpg
Marmo raffigurante Filottete dolorante
AutoreLucio Accio
Titolo originalePhilocteta
Lingua originaleLatino
GenereCothurnata
Personaggi
  • Filottete
  • Ulisse
  • Diomede
  • Coro di compagni di Ulisse e Diomede
 

Filottete (Philocteta) o Filottete sull'isola di Lemno (Philocteta Lemnius) è una tragedia latina (cothurnata) scritta dal tragediografo Lucio Accio, vissuto tra il II secolo e il I secolo a.C.. L'opera, incentrata sulla figura di Filottete, è andata perduta e di essa restano alcuni frammenti;[1] era basata almeno in parte sul Filottete di Eschilo.[2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Filottete, dopo essere stato morso al piede da un serpente, fu abbandonato per ordine di Agamennone sull'isola di Lemno, per non sentire i suoi lamenti ed il fetore che la ferita emanava; qui si prese cura di lui il pastore Ifimaco. Fu successivamente raggiunto da Ulisse e Diomede, che Agamennone aveva inviato con l'ordine di recuperare le frecce di Ercole: senza di esse, infatti, i Greci non avrebbero potuto espugnare Troia. Filottete fu convinto a lasciare l'isola e si imbarcò per Troia, dove fu curato da Macaone.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Frammenti in Warmington, pp. 504-519.
  2. ^ Warmington, p. 505.
  3. ^ Trama in Warmington, pp. 504-505.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]