Philippe de Courcillon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ritratto di Philippe de Courcillon esaguito da Hyacinthe Rigaud

Philippe de Courcillon, Marquis de Dangeau (Dangeau, 21 settembre 1638Parigi, 9 settembre 1720), era un ufficiale e autore francese.

Nacque a Dangeau, egli è più ricordato per aver tenuto un diario dal 1684 fino all'anno della sua morte. Questi Memoirs, che, come Saint-Simon disse "di un'insipidezza da farti star male", contengono molti fatti riguardanti il regno di Luigi XIV.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque in una famiglia calvinista ma molto presto nella sua vita di convertì al cattolicesimo. Si guadagnò la sua fama in primo luogo per la sua abilità nel gioco delle carte, al punto che "jouer à la Dangeau" divenne un'espressione nella lingua del tempo e da attirare l'attenzione di Luigi XIV. Nel 1665, fu nominato colonnello del reggimento del re, e lo accompagnò come aiutante di campo in tutte le sue campagne. Diventò, nel 1667, governatore della Turenna e intraprese numerose missioni diplomatiche Treviri, Magonza e Modena.

Un mecenate dei letterati, strinse amicizia con Boileau, a cui dedicò la sua Satira sulla Nobilità (Satire sur la noblesse). La Bruyère lo raffigura nei suoi Caractères attraverso i tratti del “Pamphile”.

Fu eletto membro dell'Académie française nel 1668, pur non avendo pubblicato nulla, e nel 1704 divenne membro onorario della Académie des sciences, di cui diventò presidente nel 1706.

Dal 1684 al 1720, egli tenne un diario sulla vita quotidiana alla corte di Versailles. Estratti da esso furono pubblicati da Voltaire nel 1770, da Madame de Genlis nel 1817 e da Pierre-Édouard Lémontey nel 1818. Fu durante la scrittura di note su queste memorie che Saint-Simon si impegnò a scrivere i suoi propri Mémoires. I 19 volumi dell'edizione completa del Journal de la cour de Louis XIV apparvero per la prima volta tra il 1854 e il 1860.

Il fratello di Philippe, Louis de Courcillon di Dangeau, fu uno storico e grammatico autore di varie opere letterarie.

Famiglia e figli[modifica | modifica wikitesto]

Philippe de Courcillon sposò la sua prima moglie Anne Françoise Morin l'11 maggio 1670 da cui ebbe una figlia femmina

dopo la morte della sua prima moglie nel 1682 Philippe sposò a Versailles la Principessa Sophia Maria Wilhelmine zu Löwenstein-Wertheim-Rochefort[1], figlia del Conte Ferdinando Carlo di Löwenstein-Wertheim-Rochefort (1616-1672) e di sua moglie Anna Maria von Furstenberg (1634-1705), il 26 marzo 1686 da cui ebbe un figlio maschio

Eredità[modifica | modifica wikitesto]

  • Una via di Paris porta il suo nome.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Maison allemande von Löwenstein, issue du mariage morganatique de Friedrich I, Prince Palatin von der Pfalz (1425-1476) et de Klara Tott. Généalogie de la maison de Löwenstein
  2. ^ (FR) François Alexandre Aubert de la Chenaye Desbois, François-Alexandre de La Chenaye-Aubert, Dictionnaire de la noblesse ... de France, 3ª ed., Badier, 1863.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Seggio 32 dell'Académie française Successore
Georges de Scudéry 1668 - 1720 Louis François Armand de Vignerot du Plessis de Richelieu
Controllo di autoritàVIAF: (EN7513421 · ISNI: (EN0000 0001 0867 2774 · LCCN: (ENnr93017122 · GND: (DE120165600 · BNF: (FRcb12738882k (data) · ULAN: (EN500353665 · CERL: cnp00409661
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie