Philippe Lamberts

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Philippe Lamberts
Brexit debate - Philippe Lamberts (Greens EFA, Belgium) (48753084208).jpg

Co-Presidente del
Gruppo dei Verdi/Alleanza Libera Europea
In carica
Inizio mandato 1º luglio 2014
Cotitolare Rebecca Harms (2014-2019)
Ska Keller (2019-)
Predecessore Daniel Cohn-Bendit

Europarlamentare
In carica
Inizio mandato 14 luglio 2009
Legislature VIII, IX
Gruppo
parlamentare
Verdi Europei - ALE
Collegio Belgio
Incarichi parlamentari
Membro
  • Conferenza dei presidenti
  • Commissione per i problemi economici e monetari

Membro sostituto

  • Delegazione per le relazioni con la Repubblica popolare cinese
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Ecolo
Università Università Politecnica di Lovanio
Professione Ingegnerie civile

Philippe Lamberts (Bruxelles, 14 marzo 1963) è un politico e ingegnere belga, membro del partito ecologista Ecolo e europarlamentare.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carriera professionale[modifica | modifica wikitesto]

È un ingegnere civile in matematica applicata diplomato presso l'Università Politecnica di Lovanio.

Percorso politico[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1994 al 2006, Philippe Lamberts è stato consigliere comunale di Anderlecht. Tra il 1999 e il 2003 è stato anche consigliere per gli affari internazionali e sicurezza per Isabelle Durant, allora ministro federale dei trasporti nel primo governo di Verhofstadt.

Dal 1999 al 2002 ha rappresentato la Federazione dei Partiti Verdi Europei, prima di diventare portavoce di Ulrike Lunacek (2006-2009) e Monica Frassoni (2009-2012).

Nelle elezioni europee del 2009, viene eletto al Parlamento europeo, dove è membro del Gruppo dei Verdi/Alleanza Libera Europea, di cui è stato copresidente dal 2014. È stato rieletto nel 2014.

Attività al Parlamento europeo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2013, ha avviato una proposta europea per porre un limite ai bonus dati ai manager nel settore finanziario.[1]

Philippe Lamberts è membro della commissione ITRE (Industria, ricerca ed energia) e della delegazione UE-Cina e membro supplente della delegazione per le relazioni con la Repubblica popolare cinese dal 2009 al 2014 e membro a pieno titolo della commissione ECON (impresa). economico e monetario) dal 2010.

Il 17 aprile 2018, ha risposto a nome del suo gruppo al discorso del presidente francese Macron davanti al Parlamento europeo e gli ha offerto simbolicamente una corda per l'arrampicata.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Éric Albert, L'homme le plus détesté par la City, in Le Monde, 17 mars 2013, ISSN 0395-2037 (WC · ACNP). .
  2. ^ (FR) À Strasbourg, un député belge offre une corde à Macron, qui lui répond vertement, su Le Parisien, 17 aprile 2018..

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN155155919059239730009 · GND (DE1187228915 · WorldCat Identities (ENviaf-155155919059239730009