Philip Barker Webb

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Philip Barker Webb

Philip Barker Webb, citato in italiano anche come Filippo Webb (Milford House, 10 luglio 1793Parigi, 29 agosto 1854), è stato un botanico e naturalista inglese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Pronipote di Philip Carteret Webb (1700–1770) e maggiore dei tre figli di Philip Smith Webb (originario di Milford House, Surrey) e Hannah, figlia di sir Robert Barker, Philip Barker Webb nacque a Milford House il 10 luglio del 1793. Frequentò dapprima la Harrow School e in seguito il college universitario di Christ Church a Oxford dove, seguendo le lezioni di William Buckland, si appassionò alla geologia[1]. Apprese i primi rudimenti della botanica alla scuola di Harrow, secondo le consuetudini delle ricche famiglie inglesi e a soli diciassette anni fu ammesso all'università di Oxford dove si laureò nel 1815, quì studiò italiano e spagnolo, approfondì i classici greci e latini, la botanica e la geologia.

La morte del padre gli permise di acquisire una notevole prosperità economica e iniziò a viaggiare, nel corso dei suoi viaggi catalogò molte specie di piante. Visitò a scopo scientifico la Svezia, i Paesi mediterranei - in particolare l'Italia e la Grecia in compagnia dell'amico e botanico Alberto Parolini e poi la Spagna, i cui tesori botanici erano ancora poco noti agli studiosi del tempo -, l'Asia Minore e le Isole Canarie, interessandosi alla flora delle varie regioni che raccolse in un erbario ricco di oltre 90.000 specie, poi donato, unitamente alla sua preziosa biblioteca, all'Erbario Centrale Italico di Firenze[2].

Morì a Parigi nel 1854.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

(elenco parziale)

  • Otia hispanica seu delectus plantarum aut nondum notarum Hispanias sponte nascentium
  • Iter hispaniense or a synopsis of Plants Collected in the Southern Provinces of Spain and in Portugal
  • Notice générale sur le géologie des Iles Canaries
  • Osservazioni intorno allo stato antico e presente dell'Agro Trojano
  • Hystoire naturelle des Iles Canaries (composta con S. Berthelot).

Archivio[modifica | modifica wikitesto]

Il fondo Webb Philiph Barker[3] costituisce il nucleo originario del patrimonio documentario della Biblioteca di Botanica della Facoltà di scienze matematiche, fisiche e naturali dell'Università degli studi di Firenze[4], dove è tutt'ora conservato e consultabile. Si tratta della donazione del naturalista inglese che, a metà Ottocento, lasciò per testamento al granduca di Toscana oltre al suo ricchissimo erbario e alla altrettanto importante biblioteca (oltre 5000 volumi e altrettanti opuscoli e estratti), anche un carteggio contenente oltre duemila lettere che testimoniano la sua rete di rapporti internazionali con i più importanti botanici e naturalisti europei della prima metà dell'Ottocento.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Royal Society - Fellow's detail, su www2.royalsociety.org. URL consultato il 26 dicembre 2011.
  2. ^ Erbario dei Laboratori di Botanica Agraria di Firenze (FIAF), su dispaa.unifi.it. URL consultato il 24 gennaio 2018.
  3. ^ Fondo Webb Philip Barker, su SIUSA Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche. URL consultato il 24 gennaio 2018.
  4. ^ Università degli Studi di Firenze.Archivi della Biblioteca di Scienze, su sba.unifi.it. URL consultato il 24 gennaio 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Webb Philip Barker, su Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche.
Controllo di autoritàVIAF (EN9945777 · ISNI (EN0000 0001 1827 2619 · LCCN (ENnr00027836 · GND (DE117156396 · BNF (FRcb12462487v (data) · BAV ADV11201144 · CERL cnp01084616