Phetsarath Rattanavongsa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Phetsarath Rattanavongsa

Primo ministro e viceré del Regno di Luang Prabang sotto protettorato francese
Durata mandato agosto 1941 –
marzo 1945
Capo di Stato Re Sisavang Vong

Primo ministro del Regno di Luang Prabang (fino ad agosto sotto protettorato giapponese)
Durata mandato aprile 1945 –
10 ottobre 1945
Capo di Stato Re Sisavang Vong

Presidente della Repubblica Pathet Lao del Lao Issara
Durata mandato ottobre 1945 –
aprile 1946

Primo ministro del governo in esilio del Lao Issara
Durata mandato aprile 1946 –
ottobre 1949

Il principe Phetsarath Rattanavongsa (Luang Prabang, 19 gennaio 1890Luang Prabang, 14 ottobre 1959) è stato un politico e patriota laotiano. Rampollo di un'importante famiglia nobiliare legata alla casa reale di Luang Prabang, fu protagonista nella scena politica in Laos nel periodo di transizione tra la fine del periodo coloniale francese e la conquista dell'indipendenza. Nel 1941 fu nominato viceré del Regno di Luang Prabang, sotto il protettorato francese, e diede un'eccellente organizzazione all'amministrazione e alle istituzioni laotiane,[1] ponendo le premesse per l'autodeterminazione del Paese.

Fu il capo di Stato dell'effimera repubblica costituitasi in Laos dopo l'occupazione giapponese alla fine della seconda guerra mondiale.[2] Tale repubblica, la prima nella storia del Paese e sostenuta dal movimento patriottico Lao Issara, venne sciolta dal ritorno dei colonialisti francesi, che restituirono il trono al deposto re Sisavang Vong e concessero una parziale indipendenza al neonato Regno del Laos. Phetsarath e gli altri membri del direttivo di Lao Issara si rifugiarono a Bangkok dove formarono un governo in esilio, a capo del quale fu posto Phetsarath. Il movimento si sciolse per divergenze interne nel 1949 e Phetsarath si ritirò dalla vita politica.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) The French Protectorate and Direct Administration, sul sito della biblioteca del Congresso
  2. ^ (EN) The Lao Issara Government, sul sito della biblioteca del Congresso
  3. ^ (EN) Lao Issara, Thao O Anourack and the Franco-Laotians, sul sito della biblioteca del Congresso

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]