Phelsuma hielscheri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Phelsuma hielscheri
Morondava Day Gecko (Phelsuma hielscheri) (9582544800).jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Reptilia
Sottoclasse Diapsida
Infraclasse Lepidosauromorpha
Superordine Lepidosauria
Ordine Squamata
Sottordine Sauria
Infraordine Gekkota
Famiglia Gekkonidae
Genere Phelsuma
Specie P. hielscheri
Nomenclatura binomiale
Phelsuma hielscheri
Rösler, 2001

Phelsuma hielscheri distribution.png

Phelsuma hielscheri Rösler, 2001 è un piccolo sauro della famiglia Gekkonidae, endemico del Madagascar.[2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

È un geco di media taglia: i maschi raggiungono raggiungere lunghezze di 17 cm, le femmine generalmente non superano i 15 cm.[2]
La livrea è di un colore verde brillante, con punteggiature rosso-brunastre diffuse e strie scure ai lati del collo e della gola.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Ha abitudini arboricole, con spiccata predilezione per gli alberi di Pandanus spp.[1]

È una specie ovipara.[2]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è presente, con popolazioni frammentate, nel Madagascar centrale e occidentale, dal livello del mare sino a 900 m di altitudine.[1]

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La IUCN Red List classifica P. hielscheri come specie vulnerabile.[1]

La specie è inserita nella Appendice II della Convention on International Trade of Endangered Species (CITES).[3]

Parte del suo areale ricade all'interno del parco nazionale dell'Isalo.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (EN) Raxworthy, C.J., Ratsoavina, F., Glaw, F., Rabibisoa, N., Rakotondrazafy, N.A. & Bora, P. 2011, Phelsuma hielscheri, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2018.1, IUCN, 2017. URL consultato il 17 dicembre 2016.
  2. ^ a b c (EN) Phelsuma hielscheri, in The Reptile Database. URL consultato il 17 dicembre 2016.
  3. ^ (EN) Phelsuma hielscheri [collegamento interrotto], in UNEP-WCMC Species Database: CITES-Listed Species, 2011. URL consultato il 17 dicembre 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Glaw F. and Vences M., Amphibians and Reptiles of Madagascar, 3rd edition, Köln, M. Vences and F. Glaw Verlags GbR., 2007, ISBN 978-3929449037.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]