Phalaenopsis lowii

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Phalaenopsis lowii
Phalaenopsis lowii Orchi 914.jpg
Stato di conservazione
Status none NE.svg
Specie non valutata
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Sottoclasse Liliidae
Ordine Orchidales
Famiglia Orchidaceae
Sottofamiglia Epidendroideae
Tribù Vandeae
Sottotribù Aeridinae
Genere Phalaenopsis
Specie P. lowii
Classificazione APG
Ordine Asparagales
Famiglia Orchidaceae
Nomenclatura binomiale
Phalaenopsis lowii
Rchb.f., 1862
Sinonimi

vedi testo[1]

Phalaenopsis lowii Rchb.f., 1862 è una pianta della famiglia delle Orchidaceae originaria del Sudest asiatico[1].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

È un'orchidea di piccola taglia, a comportamento epifita e talvolta litofita, come tutte le specie del genere Phalaenopsis a crescita monopodiale.
Presenta un corto fusto eretto o ascendente, avvolto dalle basi delle foglie che sono carnose, a forma da ellittica a obovata fino a oblungo-ellittica, acute oppure ottuse all'apice. La fioritura avviene normalmente normalmente dall'estate fino all'autunno, mediante un'infiorescenza racemosa o più raramente paniculata che aggetta lateralmente, lunga da 25 a 40 centimetri, arcuata o pendula, lassa, ricoperta di brattee floreali di forma triangolare che porta pochi fiori. Questi hanno lunga durata, sono grandi mediamente 5 centimetri, sono gradevolmente profumati, hanno consistenza spessa e cerosa e sono di colore che sfuma dal bianco al rosa in petali e sepali, mentre il labello è di un rosa carico. Caratteristica di questo fiore è il lungo rostello arcuato[2].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La specie è originaria dell'Asia sudorientale, in particolare di Thailandia, Myanmar e dell'isola del Borneo, dove cresce epifita e talvolta litofita su bastionate di rocce calcaree, in prossimità di corsi d'acqua, dal livello del mare a 800 metri di quota[2].

Sinonimi[modifica | modifica wikitesto]

Polychilos lowii (Rchb.f.) Shim, 1982
Doritis lowii (Rchb.f.) T.Yukawa & K.Kita, 2005
Phalaenopsis proboscidioides C.S.P.Parish ex Rchb.f., 1868
Phalaenopsis lowii f. alba O.Gruss, 2001

Coltivazione[modifica | modifica wikitesto]

Questa pianta è bene coltivata in panieri appesi, su supporto di sughero oppure su felci arboree e richiede in coltura esposizione luminosa, ma all'ombra, temendo la luce diretta del sole, con temperature moderatamente calde con frequenti irrigazioni durante la fase vegetativa e temperature fresche durante la fase di riposo[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Phalaenopsis lowii, in World Checklist of Orchidaceae, Board of Trustees of the Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 4 agosto 2014.
  2. ^ a b c Phalaenopsis lowii, in Internet Orchid Species Photo Encyclopedia. URL consultato il 4 agosto 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]