Petra Kronberger

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Petra Kronberger
Nazionalità Austria Austria
Altezza 170[senza fonte] cm
Peso 62[senza fonte] kg
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Specialità Discesa libera, supergigante, slalom gigante, slalom speciale, combinata
Squadra SC Werfenweng[1]
Ritirata 1992
Palmarès
Olimpiadi 2 0 0
Mondiali 1 0 0
Mondiali juniores 0 1 0
Coppa del Mondo 3 trofei
Coppa del Mondo - Slalom 1 trofeo
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Petra Kronberger (Sankt Johann im Pongau, 21 febbraio 1969) è un'ex sciatrice alpina austriaca. Polivalente, fu una delle atlete più vittoriose dei primi anni 1990. Si ritirò dall'attività agonistica a soli ventitré anni, ma nel giro di poche stagioni riuscì a vincere tre Coppe del Mondo generali, una Coppa di slalom speciale, due medaglie d'oro olimpiche e un titolo iridato; fu inoltre in grado di imporsi in gare di Coppa del Mondo in tutte le specialità.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Stagioni 1987-1989[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Sankt Johann im Pongau[2] e originaria di Pfarrwerfen, debuttò in campo internazionale nella Coppa Europa 1985-1986; ai Mondiali juniores di Hemsedal/Sälen 1987 vinse la medaglia d'argento nello slalom gigante. In Coppa del Mondo esordì il 26 novembre 1987 a Sestriere in slalom speciale[2], ottenne i primi punti l'11 dicembre successivo nella discesa libera di Leukerbad (15ª) e conquistò il primo podio il 14 gennaio 1988, classificandosi al 3º posto nella discesa libera di Zinal.

Debuttò ai Giochi olimpici invernali a Calgary 1988, dove si piazzò 6ª nella discesa libera, 14ª nello slalom gigante e 11ª nella combinata, e ai Campionati mondiali a Vail 1989, dove fu 12ª nella discesa libera, 8ª nel supergigante e 7ª nella combinata.

Stagioni 1990-1991[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 dicembre 1989 conquistò la prima vittoria in Coppa del Mondo, a Panorama in discesa libera; nel prosieguo della stagione ottenne altri dieci podi, con sei vittorie complessive, e si aggiudicò la sua prima coppa di cristallo generale con 41 punti di vantaggio sulla connazionale Anita Wachter, divenendo così la prima austriaca a vincere la Coppa del Mondo dai tempi di Annemarie Moser-Pröll. Quell'anno si piazzò inoltre al 2º posto nella Coppa del Mondo di discesa libera, superata dall'austro-tedesca Katrin Gutensohn di 4 punti, e al 3º nella Coppa del Mondo di slalom gigante.

Ai Mondiali di Saalbach-Hinterglemm 1991, sua ultima presenza iridata, vinse la medaglia d'oro nella discesa libera e si piazzò 6ª nel supergigante; anche nella stagione 1990-1991 in Coppa del Mondo vinse la classifica generale, con dodici podi (otto le vittorie) e 117 punti di margine sulla seconda classificata, la sua compagna di squadra Sabine Ginther. Si aggiudicò anche la Coppa del Mondo di slalom speciale, con 4 punti in più della svedese Pernilla Wiberg, mentre si classificò 2ª nella Coppa del Mondo di supergigante, superata dalla francese Carole Merle per 18 punti, e 3ª in quella di discesa libera.

Stagioni 1992-1993[modifica | modifica wikitesto]

Ai XVI Giochi olimpici invernali di Albertville 1992, suo congedo olimpico, la Kronberger vinse la medaglia d'oro sia nello slalom speciale sia nella combinata, mentre nella discesa libera fu 5ª, nel supergigante fu 4ª e non completò lo slalom gigante. Quella stagione 1991-1992 fu anche l'ultima disputata interamente dalla sciatrice salisburghese, durante la quale salì sul podio otto volte con due vittorie (tra le quali l'ultima della sua carriera, il 14 marzo a Panorama in discesa libera), si aggiudicò la sua terza coppa di cristallo generale, con 51 punti di vantaggio sulla Merle, e si piazzò 2ª nella classifica di discesa libera, staccata di 91 punti dalla tedesca Katja Seizinger.

Il 6 dicembre 1992 salì per l'ultima volta sul podio in Coppa del Mondo, piazzandosi 3ª nello slalom speciale di Steamboat Springs. Lasciato il Circo bianco appena ventitreenne (il suo ultimo piazzamento in carriera fu l'11º posto ottenuto nel supergigante di Coppa del Mondo disputato a Lake Louise il 20 dicembre 1992), si dedicò all'attività di bancaria[2].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Olimpiadi[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali juniores[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo - vittorie[modifica | modifica wikitesto]

Data Località Paese Specialità
16 dicembre 1989 Panorama Canada Canada DH
17 dicembre 1989 Panorama Canada Canada DH
8 gennaio 1990 Hinterstoder Austria Austria GS
14 gennaio 1990 Haus Austria Austria KB
28 gennaio 1990 Santa Caterina Valfurva Italia Italia GS
13 marzo 1990 Vemdalen Norvegia Norvegia SL
1º dicembre 1990 Val di Zoldo Italia Italia GS
2 dicembre 1990 Val di Zoldo Italia Italia SL
9 dicembre 1990 Altenmarkt-Zauchensee Austria Austria SG
21 dicembre 1990 Morzine Francia Francia DH
7 gennaio 1991 Bad Kleinkirchheim Austria Austria KB
13 gennaio 1991 Kranjska Gora bandiera Jugoslavia SL
18 gennaio 1991 Méribel Francia Francia DH
19 gennaio 1991 Méribel Francia Francia SG
21 dicembre 1991 Serre Chevalier Francia Francia DH
14 marzo 1992 Panorama Canada Canada DH

Legenda:
DH = discesa libera
SG = supergigante
GS = slalom gigante
SL = slalom speciale

KB = combinata

Coppa Europa[modifica | modifica wikitesto]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 17ª nel 1987

Campionati austriaci[modifica | modifica wikitesto]

  • 3 medaglie[1]:
    • 2 ori (supergigante, slalom gigante nel 1989)
    • 1 bronzo (slalom speciale nel 1990)

Campionati austriaci juniores[modifica | modifica wikitesto]

  • 3 medaglie[1]:
    • 3 ori (discesa libera, slalom speciale, combinata nel 1987)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (DE) Petra Kronberger, su oesv.at - ÖSV-Siegertafel, Federazione sciistica dell'Austria (Österreichischer Skiverband). URL consultato il 12 novembre 2015.
  2. ^ a b c Paolo De Chiesa, I miei campioni: Petra Kronberger, in Sito ufficiale dei XX Giochi olimpici invernali, 2 dicembre 2004 (archiviato dall'url originale il 13 aprile 2013).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]