Petra Kelly

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Petra Kelly
Petra Kelly.jpg
Petra Kelly nel 1987

Leader de I Verdi al Bundestag
Durata mandato 29 marzo 1983 –
3 aprile 1984
Cotitolare Otto Schily
Marieluise Beck
Presidente Joschka Fischer
Predecessore Carica istituita
Successore Waltraud Schoppe

Dati generali
Partito politico Partito Socialdemocratico di Germania e Alleanza '90 - I Verdi
Università American University, Università di Amsterdam e Hampton High School
Professione Attivista

Petra Karin Kelly, nata Petra Karin Lehmann (Günzburg, 29 novembre 1947Bonn, 1º ottobre 1992), è stata una politica e attivista tedesca, determinante nella fondazione del Partito Verde Tedesco, il primo partito ambientalista a salire alla ribalta sia a livello nazionale in Germania sia a livello mondiale.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Kelly visse e studiò negli Stati Uniti d'America fino al suo ritorno in Germania Ovest, avvenuto nel 1970. Dopo aver lavorato per un paio di anni nella commissione europea, passò a un incarico amministrativo presso il comitato economico e sociale europeo, dove sostenne i diritti delle donne. Nel 1979 fu tra le fondatrici de I Verdi (Die Grünen) e nel 1983 fu eletta al Bundestag come membro rappresentante della Baviera. Nel 1982 ricevette il Right Livelihood Award «per aver inventato e implementato una nuova visione che unisce preoccupazioni ecologiche e disarmo, giustizia sociale e diritti umani.»

Nel 1984 Petra Kelly scrisse il libro Fighting for Hope, edito dalla South End Press. Nell'ottobre del 1992 i corpi decomposti di Petra Kelly e del compagno Gert Bastian vennero trovati nella loro abitazione a Bonn dalla polizia, che successivamente determinò la data della morte attorno al 1º dello stesso mese. Gli inquirenti stabilirono che fu Bastian ad uccidere la Kelly, per poi togliersi la vita[1]. Il corpo di Kelly venne sepolto nel cimitero di Würzburg.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) MotherJones JF93: Who killed Petra Kelly?, su motherjones.com. URL consultato il 27 novembre 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN56624124 · ISNI (EN0000 0001 0903 6323 · LCCN (ENn83222994 · GND (DE118721747 · BNE (ESXX1724998 (data) · BNF (FRcb12028144p (data) · J9U (ENHE987008916269505171 · NDL (ENJA00445420 · WorldCat Identities (ENlccn-n83222994