Peter Machajdík

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Peter Machajdik
Machajdik.JPG
Nazionalità Slovacchia Slovacchia
Genere Musica contemporanea
Musica elettronica
Musica minimalista
Periodo di attività 1988 – in attività
Sito web

Peter Machajdik (Bratislava, 1º giugno 1961) è un compositore slovacco.

Nel 1992 ha ricevuto una borsa di ricerca del DAAD[1] di Berlino.

Nel 1980 non è stato accettato all'Accademia Musicale di Bratislava perché il suo concetto di musica, in quel momento, era stato fortemente influenzato dal avant-garde occidentali e considerato troppo alternativo per la scuola.

A 27 anni, Machajdík si è laureato presso l'Università di Economia di Bratislava. Il suo primo riconoscimento internazionale come compositore è arrivato con il suo lavoro multimediale Intimate Music con David Moss a Inventionen 1994 a Berlino. La sua prolifica produzione da allora è stata eseguita e trasmessa in tutto il mondo e la sua produzione musicale non si è rivolta solo alla musica per concerti, ma anche quella per il teatro, il cinema, la danza moderna e le arti visive.

Machajdík ha ricevuto numerose commissioni e riconoscimenti tra cui: Fondazione Kulturfonds, Fondazione Russolo-Pratella[2], Fondo Musicale Slovacco, Radio della Repubblica Ceca, Germania Accordion Society e da Bratislava Music Festival. Machajdík è stato anche il compositore in residence presso Schloss Wiepersdorf in Niederer Fläming, Germania, a Künstlerhäuser Worpswede, a Künstlerhaus Lukas[3] in Ahrenshoop sulla costa tedesca del Mar Baltico, e presso Künstlerhaus Judenburg[4]. Nel 2006 ha ricevuto il Premio "Ján Levoslav Bella"[5], il premio più significativo per la musica in Slovacchia.

Peter Machajdík è docente presso la Facoltà di Belle Arti[6] dell'Università di Košice.

Alcune opere significative[modifica | modifica wikitesto]

  • The Son, quintetto per chitarra e quartetto d'archi, 10 min (2017)
  • In Embrace, (Contrabbasso e pianoforte), 11 min (2017)
  • Portus pacis (organo), 9 min (2016)
  • Behind the Waves (viola sola e orchestra d'archi), 12 min (2016)
  • They sensed the shore (violino e orchestra d'archi), 8 min (2016)
  • Seas and Deserts (quartetto d'archi e audio-playback), 12 min (2015)
  • Danube Afterpoint (ottavino, flauto, clarinetto, clarinetto basso, due pianoforti e quartetto d'archi), 15 min (2015)
  • Effugium fisarmonica e audio-playback, 8 min (2015)
  • Senahh (flauto e pianoforte), 9 min (2015)
  • Green (fisarmonica) (2015)
  • Turbulent Times (timpani, tamburo, grancassa e orchestra d'archi), 10 min (2014)
  • Spomaleniny (violino e pianoforte), 8 min (2014)
  • Munk (viola e pianoforte), 12 min (2013)
  • Wie der Wind in den Dünens (orchestra d'archi), 12 min (2011)
  • The Immanent Velvet (pianoforte), 12 min (2011)
  • Kyrie (coro misto, SATB), 4 min (2011)
  • Pictures of a Changing Sensibility (violino e pianoforte) (2011)
  • Linnas (pianoforte) (2011)
  • Domine (coro misto e campane tubolari), 5 min (2011)
  • Flower full of Gardens (arpa) / (clavicembalo) (2010)
  • San José (orchestra) (2010)
  • Zem zeme (quartetto di clarinetti), 12 min (2009)
  • On the Seven Colours of Light (organo), 27 min (2007)
  • Iese (flauto), 5 min (2007)
  • To the Rainbow So Close Again (quartetto d'archi) (2004)
  • Nell'autunno del suo abbraccio insonne (arpa) (2004)
  • Obscured Temptations (pianoforte) (2003)
  • Si diligamus invicem (coro misto, SATB) (2002)
  • Namah (orchestra d'archi e legno), 11 min (2000)
  • Lasea (orchestra d'archi), 9 min (2000)
  • Wrieskalotkipaoxq per quartetto di sassofoni, 9 min (1996)

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • 1995: THE ReR QUARTERLY QUARTERLY, ReR Volume 4 No 1 CD - ReR 0401
  • 2003: NAMASTE SUITE (Guido Arbonelli) Mnemes HCD 102
  • 2008: NUOVE MUSICE PER TROMBA 6 (Ivano Ascari) AZ 5005
  • 2008: THE HEALING HEATING (R(A) DIO(CUSTICA) SELECTED 2008) Czech Radio
  • 2008: NAMAH[7][8], (Musica Slovaca SF 00542131, 2008), Floraleda Sacchi, Jon Anderson, Guido Arbonelli, David Moss (musicista)
  • 2009: MINIMAL HARP (Floraleda Sacchi) DECCA / Universal 476 317
  • 2011: INSIDE THE TREE[9] (musica per cello e arpa) Amadeus Arte Catalogue No. AA11003
  • 2012: CZECHOSLOVAK CHAMBER DUO (Dvořák / Machajdík / Schneider-Trnavský) Czech Radio, #CR0591-2
  • 2012: A MARVELOUS LOVE - New Music for Organ[10] (Carson Cooman suona musiche di Peter Machajdík, Patricia Van Ness, Jim Dalton, Tim Rozema, Al Benner, Thomas Åberg e Harold Stover.), Albany Records, TROY1357
  • 2012: THE IMMANENT VELVET[11] (Composizioni per pianoforte, chitarra, violoncello, arpe e orchestra d'archi), Azyl Records, R266-0024-2-331

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Ha collaborato con diversi artisti, tra i quali: Floraleda Sacchi, Jon Anderson, Guido Arbonelli, Piero Salvatori, Ivano Ascari, David Moss, Carson Cooman, conduttori Anu Tali, Gum Nanse, Aleksander Gref, Peter Breiner, Miran Vaupotich, Maria Makraki, Ondrej Koukal e Karol Kevický, il Janáček Philharmonic Orchestra, l'Orchestra Filarmonica di Košice, l'Orchestra Sinfonica della Radio Nazionale Slovacca, Slovak Chamber Orchestra, Camerata Europea, Coro da Camera Ave, Slovak Sinfonietta, Veni Ensemble.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN161205779 · LCCN: (ENno2010080248