Peter Gordeno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Peter Gordeno (20 febbraio 1964) è un tastierista e bassista britannico turnista.

È il figlio del cantante, ballerino e coreografo omonimo.

Dal 1998 collabora con i Depeche Mode, limitatamente ai concerti dal vivo, nei quali sostituisce, grossomodo, l'ex-membro Alan Wilder, eseguendo parti di tastiera, basso e cori.

Nel 2003 ha accompagnato anche Martin Lee Gore, nel suo mini-tour solista conseguente alla pubblicazione di Counterfeit².

Gore gli ha lasciato vena libera negli arrangiamenti delle canzoni della band. Famosi pezzi come il tormentone rock I feel you sono stati rivisitati in chiave più pianistica, con delle parti di piano sovrapposte a quelle elettroniche.

Assieme all'altro collaboratore dei Depeche Mode, il batterista Christian Eigner, ha partecipato al diciottesimo album in studio di Gianna Nannini, Inno (2013).

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Sorprendentemente durante l'Exciter Tour, tenutosi nel 2001, il prestante musicista ingrassò sostanzialmente; nonostante ciò Peter riprese la sua stazza originaria durante il successivo Touring the Angel.
  • Sempre durante l'Exciter Tour, Gordeno ha dichiarato di aver imparato alcuni brani da suonare circa mezz'ora prima di salire sul palco. Di seguito la sua dichiarazione: "Poi, di colpo, si arrivò al punto in cui cambiavamo canzoni ogni sera. A volte le imparavamo solo mezz'ora prima di andare in scena, ed è piuttosto divertente suonare una canzone che conosci da solo mezz'ora per 20,000 persone".