Pescetarianismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Il pescetarianismo o pescatarianismo o pescovegetarianismo denota una pluralità di regimi alimentari che prevedono la totale astensione dal consumo di alimenti carnei ad eccezione di quelli provenienti dal pescato, di mare, di lago e di fiume, specificamente da qualunque animale acquatico non vertebrato e dai pesci[1][2].

I mitili sono molluschi commestibili

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Pesca in Srah Srang, Cambogia

Il dizionario della lingua inglese Merriam-Webster fa risalire l'origine della parola "pescatarian" al 1993[3] mentre, per la lingua italiana, la parola "pescetariano" entra nel dizionario Devoto-Oli nel 2012[4]. Il termine pescetarianismo, da cui deriva "pescetarianism" usato nella lingua inglese e quindi in ambito internazionale, è un neologismo nato molto probabilmente dalla lingua italiana[senza fonte][5], ma che potrebbe provenire anche dalla lingua spagnola o da un'altra lingua romanza come la lingua portoghese o la lingua romena. Dovrebbe essere formato, presumibilmente, dalla radice "pesc" della parola pesca che andrebbe a sostituire la radice "veg" nella parola vegetarianismo. Tuttavia questo tipo di alimentazione non costituisce un regime vegetariano poiché fa del pescato una parte centrale della dieta[6][7] e non costituisce neanche un regime onnivoro perché impone divieti alimentari assoluti nel consumo delle carni di animali non acquatici e di tutti i vertebrati acquatici che non siano pesci. Il pescetarianismo è pertanto incluso tra i regimi alimentari semi-vegetariani.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Nuoto a "focena" del pinguino

Poiché tra gli animali acquatici e semi-acquatici vi sono anche molte specie di anfibi (come le rane), di rettili (come le tartarughe), di uccelli (come i pinguini) e di mammiferi (come le balene) è importante precisare che nel pescetarianismo gli alimenti carnei provenienti da questi animali sono assolutamente vietati[senza fonte]. Così pure va precisato che gli alimenti non carnei provenienti da animali terrestri sono consentiti e quindi è permesso l'uso delle uova, del latte, dei prodotti lattieri (yogurt, panna, ricotta, burro), dei prodotti caseari (formaggi freschi e stagionati), del miele e di tutti gli altri prodotti di alveare (pappa reale, propoli, polline)[8]. Infine tra gli alimenti del pescetarianismo provenienti dal mare entrano a far parte anche le alghe, il sale marino e l'acqua di mare commerciale. Nonostante la parola pescetarianismo derivi da vegetarianismo i pescetariani non sono dei vegetariani che mangiano pesce, perché il vegetarianismo si basa sull'obbligo inderogabile di alimentarsi senza sopprimere la vita di qualunque essere vivente non vegetale. Va precisato però che il pescetarianismo è più del semplice scegliere di alimentarsi di un tipo di carne anziché di un altro. Essere pescetariani significa infatti sottendere la propria alimentazione a domande di natura ecologica, morale e salutistica, proprio come avviene nel vegetarianismo, dandovi però risposte diverse. Nel 2015 a Manchester è stata fondata la Pescetarian Society[9] per rappresentare lo stile di vita e gli interessi dei pescetariani. Solo negli Stati Uniti i pescetariani sono più di un milione[10].

Motivazioni e diete[modifica | modifica wikitesto]

Banco di aringhe

Alcune persone praticano il pescetarianismo solo per un determinato periodo. Tra gli onnivori, ad esempio, chi transita al vegetarianismo, mentre tra i vegetariani, ad esempio, le donne durante la gravidanza e l'allattamento dei figli. Altre persone, invece, scelgono di praticare stabilmente una dieta pescetariana e, come nel vegetarianismo, basando le proprie motivazioni su scelte di tipo salutistiche, etiche ed ecologiche. Ognuna di esse dà luogo ad una dieta specifica.

Una delle principali motivazioni salutistiche si basa sul fatto che le carni rosse contengono un'elevata quantità di grassi saturi[11][12]. Introducendo nella dieta il pesce, invece, si incrementa il livello del colesterolo HDL[13][14] e degli acidi grassi omega-3[15]. Alimentandosi con il pesce si rischia però di assumere anche inquinanti tossici molto pericolosi come i metalli pesanti[16][17] (tra cui il mercurio), le diossine e i policlorobifenili. Poiché gli inquinanti vanno in concentrazione risalendo i gradini della catena alimentare i loro valori più alti si trovano nei predatori in cima alla catena alimentare, mentre quelli più bassi si trovano nei pesci che, alimentandosi di alghe e plancton, ne occupano invece la base. Ecco perché nella dieta pescetariana per motivi di salute si utilizzano solo pesci classificati come "pesce azzurro", come l'acciuga ad esempio, mentre vengono esclusi anche molluschi e crostacei perché ricchi di colesterolo. Un'altra scelta di tipo salutistica è dettata più semplicemente dall'idea che si deve pur mangiare "qualche tipo di carne" come necessità pratica per ottenere sostanze nutritive assenti o non facilmente reperibili nelle piante, tra cui la vitamina B12, e il pescato fra tutte le fonti carnee viene identificato come la fonte meno immorale.

Banco di acciughe

Una dieta pescetariana può essere adottata anche per una motivazione esclusivamente ecologica, e cioè a causa della inefficienza produttiva delle carni da animali domestici allevati rispetto alle carni da animali selvatici cacciati. Basta considerare che i cibi utilizzati per nutrire la maggioranza degli animali di allevamento sono cereali coltivati appositamente per la loro alimentazione. Pertanto, l'impatto ambientale e la quantità di energia necessaria per alimentare una mucca, un pollo o un maiale supera notevolmente il loro valore nutrizionale. Per questa ragione quindi è ritenuto preferibile mangiare pesce selvatico pescato, rifiutando anche i pesci carnivori di allevamento che richiedono come cibo altri pesci. La scelta pescetariana attenta al tema dell'ecologia orienta però al consumo di specie ittiche provenienti dall'attività minuta di pesca artigianale. Questo perché la pesca a strascico[18] industriale ha un impatto ecologico negativo notevole, per la distruzione dei fondali e per la sua non selettività, con la cattura di una quantità di pescato estraneo, chiamato bycatch[19], costituito da molte specie non commerciali.

Una motivazione etica infine porta ad utilizzare dal pescato solo gli animali più elementari, come i mitili e i ricci di mare ad esempio, perché chi effettua questa scelta alimentare ritiene che questi animali, al pari delle piante, non siano esseri senzienti. È questa la versione del pescetarianismo che più si avvicina all'utopia vegetariana.

Il pescoveganismo[modifica | modifica wikitesto]

I ricci di mare sono commestibili

Vi può essere un'ulteriore motivazione legata esclusivamente all'etica. Essa si basa sul fatto che il pesce commerciale, in maggioranza, è pesce che vive allo stato selvatico e che viene "cacciato" e catturato con le reti. Alcuni fautori del pescetarianismo pensano che sostituendo il pesce alla carne, pur conducendo una alimentazione animale, vengono risparmiate le vite degli esemplari giovani, vengono evitate le sofferenze patite negli allevamenti intensivi, e la morte degli animali è meno cruenta perché avviene senza spargimento di sangue. Naturalmente le stesse motivazioni per le quali si è rinunciato alla carne portano al rifiuto del pesce di allevamento e, come per i vegani, del latte dei latticini e delle uova. Chi segue questo tipo di alimentazione tende anche a definirsi "pescovegano"[20] anziche' pescetariano e chiamare la propria dieta "pescovegana"[21][22] invece di pescetariana. A differenza dei vegani però, che ritengono inalienabile il rispetto degli animali nel diritto a vivere e nel diritto a condurre una buona vita, i pescovegani, pur non desiderando far vivere gli animali soffrendo, ritengono che uccidere per alimentarsi non sia moralmente inaccettabile[23].

Crudismo pescetariano[modifica | modifica wikitesto]

Il sashimi viene realizzato con pesce crudo e verdure crude

Il crudismo pescetariano è una dieta ottenuta applicando i principi del crudismo ad una dieta pescetariana, cioè quella basata su alimenti vegetali ma anche animali purché questi ultimi siano provenienti dall'attività di pesca in acque salate e dolci. Un esempio di dieta crudista pescetariana è quella su cui si basa la cucina tradizionale giapponese. I piatti più noti di questa cucina sono il sushi ed il sashimi. In questo tipo di dieta, oltre ad escludere i pesci cotti, vengono esclusi anche i pesci crudi che hanno subito trattamenti di congelazione e di surgelazione, mentre sono ammessi i pesci crudi che hanno subito trattamenti di essiccazione, marinatura, salatura ed affumicazione. Pur trattandosi di una dieta completa dal punto di vista nutrizionale comporta alti rischi, ovvero la possibilità di contrarre temibili infezioni, dovute a virus batteri e protozoi, o pericolosi parassiti intestinali[24].

La cucina pescetariana[modifica | modifica wikitesto]

Paella de Mariscos (paella ai frutti di mare)

La cucina pescetariana è il complesso degli alimenti e dei loro preparati, secondo modalità contemporanee o delle tradizioni locali ed etniche, che rispettano gli standard del pescetarianismo. In pratica ogni cucina di ogni popolo possiede dei piatti, cotti o crudi, basati solo sul pescato, di acqua dolce o salata, o sul pescato e i vegetali. Fra tutti i tipi di alimentazione che prevedono restrizioni, quella pescetariana in teoria potrebbe essere la meno impegnativa da praticare. Il pescato però, qualora sottoposto a processi di conservazione, ha una perdita elevata nelle sue proprietà organolettiche[25]. Pertanto condurre questo tipo di alimentazione è tanto più semplice quanto più elevata è la possibilità di accedere agli alimenti provenienti dall'attività di pesca in una distribuzione a filiera corta, nello spazio ma soprattutto nel tempo, o nella condizione più ideale, direttamente dal produttore al consumatore. In tal caso la cucina pescetariana avrebbe l'ulteriore vantaggio ecologico di utilizzare alimenti a Km zero.

Similitudini con altre diete[modifica | modifica wikitesto]

Tonnara di Scopello (Sicilia, 1947)

È possibile identificare una certa somiglianza tra il pescetarianismo e le diete tradizionali di molte popolazioni costiere. Caratteristiche comuni caratterizzano la tradizionale dieta mediterranea e le diete di molte parti del Nord Europa, dei Caraibi e dell'Asia[26]. Sebbene queste diete permettano oltre i prodotti della pesca anche il consumo della carne, quest'ultima è inclusa in quantitativi molto marginali. Analoghe similitudini si ritrovano in alimentazioni rituali, a scopo purificativo o penitenziale, nelle principali religioni e tra queste, l'ebraismo, l'induismo, e il cristianesimo, ortodosso e cattolico.

Naturalmente il pescetarianismo è somigliante anche al vegetarianismo e, nella sua variante in cui vengono esclusi il latte i formaggi le uova e il miele, al veganismo. Però, nonostante la similitudine, la Vegetarian Society non considera alcuna delle diete pescetariane classificabili come regimi alimentari vegetariani.

Rischi per la salute[modifica | modifica wikitesto]

Tra gli eschimesi l'infarto è quasi assente per il consumo di pesce

Nelle diete pescetariane esistono quattro tipi di rischi. Sono legati ai deficit nutrizionali, agli agenti patogeni, alle tossine da inquinanti e, infine, alle microplastiche. I rischi di eventuali deficit di nutrienti essenziali nell'alimentazione sono estremamente variabili in funzione delle limitazioni che si decide di adottare riguardo alla varietà, alla quantità e alla frequenza di assunzione dei cibi, ma in generale questo rischio è basso o trascurabile. Il rischio legato ad agenti patogeni interviene per i cibi non ben cotti o assunti intenzionalmente crudi. Il rischio di assumere sostanze tossiche da inquinanti, può essere limitato privilegiando le specie pescate non carnivore e di piccola taglia, e comunque limitando il consumo entro una certa soglia. Il rischio da microplastiche è un problema emerso di recente ma molto temibile.[27].

Pescetariani famosi[modifica | modifica wikitesto]

Questo è un elenco di persone che sono, o sono state, pescetariane.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pescetarianismo - Enciclopedia Treccani, treccani.it.
  2. ^ La nuova frontiera alimentare del pescetarianismo, pesceinrete.com.
  3. ^ Definition of pescatarian, merriam-webster.com.
  4. ^ Pescetariani: una nuova specie?, vegolosi.it.
  5. ^ merriam
  6. ^ The Vegetarian Society : "Vegetarian" (origine du mot "végétarien") : "A vegetarian does not eat any meat, poultry, game, fish, shellfish or crustacea, or slaughter by-products". [1]
  7. ^ Le nouveau Petit Robert. Dictionnaire alphabétique et analogique de la langue française 1994 ISBN 2-85036-290-5 : "Végétarien" : "Qui ne mange pas la chair des animaux"."Poisson" : "Animal vertébré inférieur, vivant dans l'eau et muni de nageoires".
  8. ^ La Dieta Pescetariana ("Inoltre, la maggior parte dei pescetariani, come i vegetariani, inseriscono prodotti sia lattiero-caseari che uova nella loro dieta." Janis Jibrin - The Pescetarian Plan), abcallenamento.it.
  9. ^ The Pescetarian Society, thepescetariansociety.org.
  10. ^ Pescetarianismo, la dieta semi vegetariana che va tanto di moda ("Oggi però si contano più di un milione i pescetariani americani e un’impennata di questa dieta anche in Europa e nel Regno Unito."), dietaland.com.
  11. ^ E Giovannucci, EB Rimm, MJ Stampfer, GA Colditz, A Ascherio and WC Willett, "Intake of fat, meat, and fiber in relation to risk of colon cancer in men", cancerres.aacrjournals.org., Cancer Research 54, 2390-2397, (May 1, 1994)
  12. ^ Frank B. Hu, MD, PhD, JoAnn E. Manson, MD, DrPh and Walter C. Willett, MD, DrPh, "Types of Dietary Fat and Risk of Coronary Heart Disease: A Critical Review", jacn.org., Journal of the American College of Nutrition, Vol. 20, No. 1, 5-19 (2001)
  13. ^ Paul J Nestel, "Fish oil and cardiovascular disease: lipids and arterial function", ajcn.org., American Journal of Clinical Nutrition, Vol. 71, No. 1, 228S-231S, (January 2000)
  14. ^ Sacks FM, Hebert P, Appel LJ, Borhani NO, Applegate WB, Cohen JD, Cutler JA, Kirchner KA, Kuller LH, Roth KJ, et al., "Short report: the effect of fish oil on blood pressure and high-density lipoprotein-cholesterol levels in phase I of the Trials of Hypertension Prevention", ajcn.org., Journal of Hypertension, 209-13, (Feb 12, 1994)
  15. ^ Frank B. Hu, MD; Leslie Bronner, MD; Walter C. Willett, MD; Meir J. Stampfer, MD; Kathryn M. Rexrode, MD; Christine M. Albert, MD; David Hunter, MD; JoAnn E. Manson, MD, "Fish and Omega-3 Fatty Acid Intake and Risk of Coronary Heart Disease in Women", jama.highwire.org., JAMA. 2002;287:1815-1821.
  16. ^ Experts Say Consumers Can Eat Around Toxins In Fish - Science Daily
  17. ^ Mercury: Are Fish safe to eat? by Gloria Tsang R.D.
  18. ^ La pesca a strascico uccide il mare, rainews.it.
  19. ^ Wwf, catture accidentali sono primo killer dei cetacei, ansa.it.
  20. ^ Chi mangia pesce rivendica: “Siamo vegani anche noi, pesco-vegani”, vegolosi.it.
  21. ^ Pesco-Vegan, pesco-vegan.com.
  22. ^ Pesco Vegan, pescovegan.com.
  23. ^ Pescetarianismo, la dieta semi vegetariana che va tanto di moda ("Sono quindi in molti a scegliere solo pesce pescato senza crudeltà, evitando l’allevamento, considerato una forma di crudeltà, proprio come tutti gli allevamenti."), dietaland.com.
  24. ^ Pesce crudo rischi, medicina360.com.
  25. ^ Come conservare il pesce fresco, deabyday.tv.
  26. ^ La Dieta Pescetariana ("Può essere in stile mediterraneo" Janis Jibrin - The Pescetarian Plan), abcallenamento.it.
  27. ^ Pesci, cozze e gamberi. La plastica è nel cibo (di mare) che mangiamo, sociale.corriere.it.
  28. ^ Ladytron in Snippets Magazine Issue 11 - Speak Your Mind Issue on Cut Out + Keep
  29. ^ Vivinetto, G., 2000. Chapman giggles; reporter hatches heckling plan. St. Petersburg Times, [internet] 14 September. Available at http://www.sptimes.com/News/091400/Weekend/Chapman_giggles_repor.shtml [Accessed 10 June 2009]
  30. ^ Late Night with Conan O'Brien, 2007. [TV programme] Broadway Video, Conaco, Universal Media Studios, NBC, 27 September 2007.
  31. ^ http://dave.uktv.co.uk/hall-of-fame/daves-mates/alan-davies/
  32. ^ Ready Steady Cook, 2008. [TV programme] BBC2 27 May 2008.
  33. ^ (NL) Afl. 5: Breda beste getest door Mystery Guest (XML), RTL, 4 marzo 2008. URL consultato il 26 aprile 2008.
  34. ^ Site Undergoing Maintenance
  35. ^ Home Box Office, Inc. ca. 2009. Susie Essman - Susie talks about life on the set and why there are so few female stand-up comics. [Online] (Updated 2009) Available at http://www.hbo.com/larrydavid/interviews/Essman_2.html [Accessed 10 June 2009]
  36. ^ 24/7 Chicago interviews Galecki - YouTube
  37. ^ Start Getting Healthier Right Now!
  38. ^ IGN: Death Cab For Cutie, 4 September 2003. Retrieved 21 March 2009.
  39. ^ Jobs gets out of the Happy Meal business | ZDNet
  40. ^ Hugo_Weaving
  41. ^ Howard Stern goes pescetarian | MNN - Mother Nature Network
  42. ^ http://www.recapo.com/live-with-kelly-ripa/live-with-kelly-interviews/kelly-michael-kristen-kreuk-new-series-beauty-and-the-beast/
  43. ^ Lee Hyori has officially become a vegetarian | allkpop.com
  44. ^ Brigitte Bardot - Le carré de Pluton, 1999, ISBN 978-2-246-59501-4
  45. ^ Bartholet, James. "AVN Live Profile: Jessica Drake". Adult Video News.
  46. ^ (EN) "A majestic day". URL consultato il 18 aprile 2016.
  47. ^ (NL) Marcia Nieuwenhuis, Fractievoorzitter van D66 Lousewies van der Laan interviewt stand-up comedian Jan Jaap van der Wal, lousewiesvanderlaan.nl, 16 febbraio 2006. URL consultato il 16 aprile 2008.
    «V: "Ben je vegetarisch?" A: "Nee, ik ben eigenlijk pescatarisch, een vegetariër die vis eet." (Q: "Are you a vegetarian?" A: "No, actually I am a pescetarian, a vegetarian who eats fish.")».
  48. ^ Filmato audio Harvey Levin, TMZ Live, "Balloon, Mel and Manson Madness", Los Angeles, TMZ Productions, Inc, 20 ottobre 2009, a 21:14. URL consultato il 7 dicembre 2009.
    «Yeah…I'm not a vegetarian; I'm a pescetarian, and I'm trying.».
  49. ^ Ten Things You Never Knew About Dannii Minogue - Showbiz News - Digital Spy
  50. ^ (EN) Intervista a Mary Tyler Moore, transcripts.cnn.com. URL consultato il 20 aprile 2016.
  51. ^ Conor Oberst and pescetarian
  52. ^ Vedi: Amanda Palmer The Who Killed Amanda Palmer Stage Show: An Introduction 30 settembre 2008, archiviato in: http://web.archive.org/web/20110723012832/http://blog.amandapalmer.net/post/52529919/the-who-killed-amanda-palmer-stage-show-an%7C archivedate= July 23, 2011
  53. ^ Watkins, G., 2009. 5-Minute Time Out: Andy Serkis. Babble, [internet] 30 January. Available at http://www.babble.com/Andy-Serkis-The-Inkheart-star-on-being-Gollum-King-Kong-and-a-father-of-three/index2.aspx [Accessed 15 June 2009]
  54. ^ Renaud, J., 2009. Andy Serkis. Geek Monthly, [internet] 7 January. Available at http://geekmonthly.com/blog/?p=188 [Accessed 15 June 2009]
  55. ^ StAugustine.com
  56. ^ Hayley Westenra – 'I'm a tough chick', su New Zealand Herald. URL consultato il 17 giugno 2007.
  57. ^ Filmato audio Vegetarian Nightmare (FLV), Discovery Channel, 13 aprile 2006. URL consultato il 13 maggio 2010.
  58. ^ Twitter / HeyItsNicoleA: @xdemidragon I'm a pescetarian
  59. ^ (EN) "Newton scales back for Thanksgiving meal", espn.go.com. URL consultato il 21 aprile 2016.
  60. ^ https://twitter.com/#!/CMPunk/status/185198024455241728
  61. ^ "Tennis, Roland Garros", gazzetta.it. URL consultato il 26 maggio 2016.
  62. ^ (EN) "Nole: [I am] a pescatarian", tennisworldusa.org. URL consultato il 26 maggio 2016.
  63. ^ Michael Easter, The Nick Diaz UFC Workout, in Men's Health, 3 febbraio 2012. URL consultato il 29 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 5 febbraio 2012).
  64. ^ Dave Meltzer, Vegetarianism all the rage in MMA, su Yahoo! Sports, 18 febbraio 2011. URL consultato il 29 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 21 febbraio 2011).
  65. ^ (EN) Intervista a Serj Tankian - LineaRock, youtube.com.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]