Pesce di Babele

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il Pesce di Babele nel film Guida galattica per autostoppisti.

Il Pesce di Babele (Babel fish nella versione originale) è un traduttore universale biologico presente nella serie letteraria Guida galattica per gli autostoppisti ideata da Douglas Adams.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Ha le sembianze di un piccolo pesce giallo. Quando viene inserito nel condotto uditivo, permette di comprendere istantaneamente quanto viene detto in qualsiasi lingua dell'universo.[1]

Si nutre dell'energia mentale utilizzata per comporre una frase espellendo sotto forma di escrementi matrici linguistiche in una forma che permette di comprendere quanto viene detto.[1]

Il nome deriva dalla biblica Torre di Babele, durante la cui costruzione, secondo il racconto biblico, gli uomini parlavano tutti la medesima lingua.

Nell'adattamento cinematografico della serie letteraria di Douglas Adams, Guida galattica per gli autostoppisti, il Pesce di Babele viene così descritto:

« Il Babelfish è piccolo, giallo, ricorda una sanguisuga ed è forse la cosa più strana dell'universo. Si ciba dell'energia delle onde cerebrali, assorbendo frequenze inconsce ed espellendo una matrice di frequenze consce verso i centri cerebrali del linguaggio. La conseguenza pratica è che se ve ne ficcate uno nell'orecchio, comprenderete istantaneamente qualunque cosa, in qualunque lingua. »
(Douglas Adams, Guida galattica per gli autostoppisti)

Avendo provveduto a tradurre ogni lingua esistente nell'universo, è considerata la cosa che ha provocato più guerre nella storia della Creazione.

La prova della non esistenza di Dio[modifica | modifica wikitesto]

Il pesce babele, nella finzione umoristica della Guida galattica per autostoppisti, sarebbe la vera prova della non esistenza di Dio.[1]

« Ora, è così bizzarramente improbabile che una cosa straordinariamente utile come il pesce Babele si sia evoluta per puro caso, che alcuni pensatori sono arrivati a vedere in ciò la prova finale e lampante della non-esistenza di Dio. Le loro argomentazioni seguono pressappoco questo schema: "Mi rifiuto di dimostrare che esisto" dice Dio "perché la dimostrazione è una negazione della fede, e senza fede io non sono niente". "Ma" dice l'uomo "il pesce Babele è una chiara dimostrazione involontaria della Tua esistenza, no? Non avrebbe mai potuto evolversi per puro caso. Esso dimostra che Tu esisti, e dunque, grazie a questa dimostrazione, Tu, per via di quanto Tu stesso asserisci a proposito delle dimostrazioni, non esisti. Q.E.D. Quod Erat Demonstrandum". "Povero me!" dice Dio. "Non ci avevo pensato!" e sparisce immediatamente in una nuvoletta di logica. »
(Douglas Adams, Guida galattica per gli autostoppisti)

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

AltaVista ha creato una applicazione web che prende il nome di Babel Fish (dal nome originale inglese del Pesce di Babele) che permette la traduzione di testi o siti web da e verso numerose lingue. Dal 9 maggio 2008 il servizio è di proprietà di Yahoo!, in seguito all'acquisizione del motore di ricerca AltaVista. Il servizio è attualmente chiuso, in favore di Bing Translator.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Adams

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]