Persuasione (comunicazione)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La persuasione è l'arte di modificare l'atteggiamento o il comportamento altrui attraverso uno scambio di idee. A differenza di altre maniere di convincimento la persuasione utilizza solamente le parole o il linguaggio del corpo per riuscire a mettere l'interlocutore in uno stato d'animo specifico a cui punta il persuasore. La parola persuasione a volte può avere un tono negativo, questo è dovuto in particolar modo all'utilizzo esagerato e poco etico che ne fanno alcuni venditori ed aziende.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il mezzo più importante per la persuasione sono i mass media, in particolare, la televisione, probabilmente perché esso entra in diretto contatto con le persone. L'informazione mediatica è uno strumento di comunicazione davvero ampio, molto probabilmente attira l'attenzione della mente e per farlo, chi elabora i messaggi pubblicitari all'interno dei mass-media inserisce degli elementi che possono attirare, anche inconsciamente, il pubblico come minacce, sesso, violenza, cibo o sicurezza. La seconda operazione da fare dopo aver attirato l'attenzione è convincere il pubblico. Per esempio, in uno spot televisivo, chi elabora il messaggio non ha in genere sufficiente tempo e spazio per argomentare in modo approfondito e permettere al pubblico una consapevole riflessione. Quindi, la maggior parte delle volte, si distorce il messaggio attraverso un breve appello retorico. Questo serve anche per evidenziare gli aspetti positivi e nascondere quelli negativi.

La persuasione, assieme alla suggestione, è anche il mezzo principale per la propaganda e il plagio.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]