Personaggi di Digimon Fusion Battles

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Di seguito riportato l'elenco dei personaggi che compaiono nella serie anime dedicata all'universo di Digimon, Digimon Fusion Battles.

Indice

Fusion Heart[modifica | modifica wikitesto]

I Fusion Hearts sono un movimento di resistenza all'esercito Bagra, fondato e guidato da Taiki Kudo. Il gruppo, fondato nella Zona Verde, successivamente si arricchisce di nuovi membri, tutti intenzionati a porre fine alla guerra e a sconfiggere l'impero Bagra. Tutti i membri, nonostante occasionali liti o disaccordi interni, sono estremamente fedeli al loro generale Taiki, e mostrano spiccati sentimenti di cameratismo e aiuto reciproco. Tra tutti i digimon, Shoutmon è il principale combattente, e braccio destro di Taiki. Con il proseguire della serie, al gruppo si uniscono alcuni ex membri del Team Twilight, Nene Amano e i suoi digimon Sparrowmon e il trio di Monitamon; e nella seconda parte della serie anche l'intera Blue Flare, guidata da Kiriha Aonuma. Il legame d'amicizia tra i tre leader umani è così profondo da permettere loro di scambiarsi i digimon tra loro senza alcun problema. Verso la fine della battaglia contro l'impero Bagra, a loro si unisce anche il secondo generale del Team Twilight, Yuu Amano, fratello minore di Nene.

Umani[modifica | modifica wikitesto]

Taiki Kudo[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Taiki Kudo.

È il leader e fondatore dei Fusion Hearts; ha scelto tale nome per il suo gruppo perché ritiene fondamentale, per la riuscita della loro missione, unire anche i loro cuori, e non eseguire delle semplici DigiXros. È un generale molto perspicace e competente, con una fiducia illimitata, seppur un po' ingenua, verso i suoi compagni.

Akari Hinomoto[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Akari Hinomoto.

È la migliore amica di Taiki Kudo; non è molto felice di essere a Digiworld, anche perché teme di non essere utile. È solita criticare Taiki per la sua impulsività, anche se ha un profondo rispetto verso di lui.

Zenjiro Tsurughi[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Zenjiro Tsurughi.

Abile spadaccino, è l'auto proclamato rivale di Taiki, da quando questi lo sconfisse in uno scontro di Kendo, finisce a Digiworld con lui mentre cercava la rivincita. Zenjiro è piuttosto spavaldo ma anche un po' fifone; ciononostante, se la situazione lo richiede, è sempre pronto a farsi coraggio e superare le sue paure, tra cui quella dell'altezza.

Digimon[modifica | modifica wikitesto]

Shoutmon[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Shoutmon.

È il principale digimon e combattente del gruppo, e quello che prende il controllo delle DigiXros con i suoi compagni. Miglior amico di Taiki, è stato lui a convincerlo a formare la Fusion Hearts e a restare a Digiworld. Molto impulsivo e spericolato, ma estremamente altruista e leale con gli amici, il suo sogno è diventare re di DigiWorld, per creare un mondo privo di ingiustie e inutili sofferenze.

Ballistamon[modifica | modifica wikitesto]

Miglior amico digimon di Shoutmon, è un abitante del Villaggio dei Sorridi, e uno dei membri originali dei Fusion Hearts. Il suo nome fa riferimento alla parola Ballista, o catapulta. Ha un corpo completamente meccanico, basso e robusto, e talvolta richiede manutenzione da parte di Zenjiro. È capace di fabbricare vari oggetti, come un finto DigiVice o braccialetti per comunicare a distanza. Tendenzialmente allegro e ottimista, è anche molto affidabile, ed è a lui che Shoutmon chiede aiuto per un allenamento quando, dopo la battaglia nella Zona Disco, inizia a dubitare delle sue capacità. L'amicizia con il piccolo digimon dura da molto, da quando Shoutmon trovò il digimon meccanico in stato confusionale e violento nella Zona Verde, e lo calmò e riparò dai vari danni subiti, dandogli anche il nome di Ballistamon. In realtà, la forma originale di Ballistamon è quella di DarkVolumon, arma creata dal generale oscuro Olegmon, finita per sbaglio al Villaggio dei Sorrisi durante un test. Nel Territorio dell'Oro, Ballistamon salva Shoutmon dall'incantesimo di Olegmon, ma è riconvertito a forza in DarkVolumon, tanto che non riconosce Shoutmon e gli altri Fusion Hearts. Shoutmon però, nella battaglia successiva, è in grado di rientrare in contatto con la personalità di Ballistamon, in lacrime dopo aver scoperto le sue origini, e riesce a dargli la forza di scegliere chi vuole essere, se DarkVolumon o Ballistamon, e il digimon sceglie il nome datogli dall'amico, reprimendo per sempre DarkVolumon e tornando a combattere, anche contro il suo stesso creatore Olegmon, dalla parte dei Fusion Hearts.

Starmon e Pickmon[modifica | modifica wikitesto]

Amici di Shoutmon, sono abitanti del Villaggio dei Sorrisi, e alcuni dei membri originali dei Fusion Hearts. Starmon è il Digimon principale, che usa i suoi "fratellini" come armi; ha l'aspetto di una stella a cinque punte con gli occhiali da sole, e un portamento sempre fiero e orgoglioso. Il suo nome fa riferimento alla parola stella. I Pickmon invece sono piccoli digimon dall'aspetto di triangoli, anche loro indossanti occhiali da sole, che possono attaccare direttamente il nemico su ordine di Starmon; hanno un carattere infantile e fanciullesco. Sono utili per le DigiXros, ma possono anche fondersi tra di loro formando una spada per Zenjiro.

Dondokomon[modifica | modifica wikitesto]

Amico di Shoutmon, è un abitante del Villaggio dei Sorrisi, e uno dei membri originali dei Fusion Hearts. Il suo nome fa riferimento alla musica suonata nei festival giapponesi. Ha l'aspetto di un piccolo tamburo capace di camminare, e le sue braccia sono bacchette con cui può produrre suoni usando il suo stesso corpo. Ama molto suonare, sia per diletto personale che per incitare i suoi compagni nelle battaglie, e si infuria molto quando qualcuno reputa la sua musica stonata o rumorosa. Nella Zona Cielo, ha una brutta esperienza con la polizia locale, in particolare con Gargoylemon, che prima lo accusano di fare rumore molesto con la sua musica, poi di aver rotto una preziosissima statua raffigurante un angelo, simbolo locale; ma in seguito, grazie anche al supporto incondizionato di Taiki, riesce a provare la sua innocenza.

Jijimon[modifica | modifica wikitesto]

È il capo anziano del Villaggio dei Sorrisi, e uno dei membri originali dei Fusion Hearts. Il suo nome fa riferimento alla parola giapponese Jiji, che vuol dire uomo anziano. Ha l'aspetto di un vecchietto molto basso e fragile, dai lunghi capelli e barba grigi, avvolto da una veste e con un bastone. Non è molto utile nelle battaglie, ma introduce Taiki, Akari e Zenjiro al mondo digitale.

ChibiTortomon[modifica | modifica wikitesto]

Abitante della Zona Isola, è uno dei nuovi primi compagni incontrati dai Fusion Hearts. Il suo nome fa riferimento alle parole Chibi e Tortomon, che può essere tradotto come "tartaruga bambino". È un piccolo e giovanissimo digimon dall'aspetto di tartaruga che si erge sulle zampe posteriori e con una sorta di casco in testa. Diventa in breve un grande ammiratore di Shoutmon, desiderando diventare anche lui, e si unisce al gruppo, contribuendo alla vittoria del neonato movimento di resistenza contro Neptemon. Essendo un digimon acquatico, ha la capacità di respirare sott'acqua, abilità che può trasmettere con la DigiXros e che gli permette di salvare Taiki dall'annegamento nella Zona Lago mentre questo cerca di salvare Knightmon.

Dorulumon[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Dorulumon.

Digimon nomade e senza fissa dimora, è uno dei primi nuovi compagni incontrati dai Fusion Hearts, all'interno della Zona Verde, mentre scorta Cutemon alla ricerca dei suoi genitori. Ha l'aspetto di un grosso felino con i denti a sciabola, dal manto bianco arancione e numerose punte di trapano sul corpo, in particolare su fronte e coda. Inizialmente, appare un digimon di poche parole, solitario e poco propenso a avere legami. In realtà, ha una forte considerazione dell'amicizia e della lealtà, e non sopporta chi non mostra rispetto verso di essi. È anche pronto a difendere i più deboli dalle ingiustizie, come mostra salvando Cutemon da tre Goblimon banditi. Nella Zona Magma viene rivelato che Dorulumon era parte dell'esercito Bagra, e il fido ed efficiente braccio destro dell'ufficiale Tactimon; ma dopo aver scoperto che questi era pronto a sacrificare i suoi stessi soldati BlueMeramon pur di vincere, ha disertato disgustato, dopo aver informato i BlueMeramon del pericolo e aver detto loro di dargli la colpa per l'insubordinazione agli ordini. Con il tempo, sviluppa un profondo rispetto per Shoutmon, incoraggiandolo a dare sempre il meglio e a superare i suoi dubbi, come durante la battaglia contro l'ufficiale Blastmon. Nel Territorio Cyber, Dorulumon è preso di mira dal generale oscuro Splashmon, che tenta di convincerlo a tornare nell'esercito Bagra e poi di screditarlo di fronte agli altri Fusion Hearts, ma il digimon ribadisce nuovamente, e definitivamente, la sua lealtà ai Fusion Hearts.

Cutemon[modifica | modifica wikitesto]

Piccolo digimon in viaggio tra le zone di DigiWorld, è uno dei primi nuovi compagni incontrati dai Fusion Hearts, già all'interno della Zona Verde, mentre è alla ricerca dei suoi genitori, scortato da Dorulumon. Il suo nome fa riferimento alla parola inglese cute, ovvero "carino". Ha l'aspetto di un coniglietto antropomorfo di colorito roseo, con delle sorta di cuffie in testa e una sciarpa al collo. Nonostante ciò, è in realtà un maschio, cosa esplicitamente detta nella serie. A causa della sua giovane età, è estremamente infantile e un po' ingenuo, ma anche capace di gesti coraggiosi. Molto socievole, si affeziona particolarmente ad Akari, ed è lui a suggerire a Dorulumon di aderire ai Fusion Hearts, cosa che accade nella Zona Magma. Non ha tecniche d'attacco, ma dispone di notevoli poteri curativi. Nella Zona Dolci, riesce a trovare e salvare i suoi genitori, rapiti dall'esercito Bagra, e a contribuire alla vittoria contro Matadormon e BreakDramon, curando Shoutmon X5; dopo tale battaglia decide di continuare a seguire i Fusion Hearts. Nella terza parte della serie, è temporaneamente preso di mira dalla cacciatrice di digimon Airu Suzaki, e quasi ucciso dalla gelosa Cho Hakkaimon, digimon partner della ragazza, ma è salvato da Yuu Amano, che Cutemon stava cercando di consolare per la perdita di Damemon.

Knightmon[modifica | modifica wikitesto]

È il capitano di uno squadrone di PawnChessmon, incontrato nella Zona Lago. Il suo nome fa riferimento alla parola Knight, ovvero cavaliere. È un digimon cavaliere, tutto coperto da una spessa armatura medioevale e armato di spada e scudo. Fedele sottoposto della principessa Bastemon, crede fermamente sia suo dovere usare la sua forza per proteggere i più deboli, e sviluppa subito grande ammirazione verso Taiki Kudo, in quanto gli ideali altruistici del bambino coincidono con il suo codice dei cavalieri. Ferito mortalmente contro l'esercito Bagra e caduto nel lago della sua Zona, è prossimo a spirare; ma il generale rosso, sentendo la sua DigiMelody, si tuffa nelle gelide acque e lo salva usando il suo Digivice per rigenerare le forze del cavaliere. Dopo che la Zona Lago è salva, Knightmon si unisce ai Fusion Hearts, proteggendoli, insieme ai suoi sottoposti PawnChessmon, contro il feroce Arukadhimon, mentre Taiki lotta per riunirsi al gruppo. Nonostante tenti di mantenere la serietà, Knightmon è anche piuttosto comico, specie quando interagisce con la sua principessa Bastemon, mostrandosi spesso imbarazzato per il carattere infantile di questa; ma rimanendo piuttosto scosso, se non impaurito, quando vede il digimon felino uccidere e divorare senza pietà il digimon ChuuChuumon.

PawnChessmon[modifica | modifica wikitesto]

Fedeli sottoposti di Knightmon, incontrati nella Zona Lago. Il loro nome fa riferimento ai pedoni del gioco degli scacchi. Appaiono come piccoli cavalieri armati di lancia.

Bastemon[modifica | modifica wikitesto]

È la principessa e guida della Zona Lago. Il suo nome fa riferimento alla dea gatto egizia Bastet. Il suo aspetto è quello di una gatta antropomorfa con due orecchie, un paio di code con degli anelli dorati e dei pantaloni tigrati. Nell'edizione americana, il suo seno è coperto, mentre in altre versioni ha coperto solo i capezzoli. Nonostante sia la regnante della Zona, è estremamente pigra e svogliata, tendendo a dormire la maggior parte del tempo, proprio come farebbe un gatto domestico, e prende tutto molto alla leggera. Inizialmente non sa scegliere tra Taiki Kudo e Kiriha Aonuma come suo protettore, ma dopo che i Fusion Hearts la salvano dal soldato dell'esercito Bagra IceDevimon, sceglie il generale rosso, arrivando persino a seguirlo nelle sue avventure. Nonostante il suo aspetto e modi infantili e innocui, Bastemon è comunque un digimon molto potente, mostrandolo appieno contro il digimon ChuuChuumon, sentendosi stranamente aggressiva nei suoi confronti e uccidendolo e mangiandolo con grande facilità e soddisfazione. Soltanto il freddo e razionale Wisemon, tra i presenti, non è sconvolto da tale forza.

Baalmon/Beelzemon[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Baalmon.

Inizialmente sicario dell'esercito Bagra, si unisce ai Fusion Hearts nella Zona Sabbia. Il suo secondo nome originale, Beelzebumon, fa riferimento a Belzebù, il signore delle mosche, spesso identificato con un demone o uno dei nomi del diavolo. Baalmon ha l'aspetto di un uomo biondo completamente avvolto da vesti bianche, che nascondono una corta spada rossa e un enorme fucile a doppia canna. Il capo è coperto da bende e una cuffia blu, lasciando intravedere tre occhi rossi e una carnagione grigiastra. Beelzemon invece è una sorta di demone antropomorfo a tre occhi, con due ali, il volto coperto da una maschera a tre punte e una grossa arma sul braccio destro. Freddo e imperscrutabile, Baalmon è un digimon vendicativo, desideroso di distruggere l'esercito Bagra per lo sterminio dei suoi compagni, ma è in realtà molto insicuro di se, in quanto la statua della dea, quando faceva parte dei Guerrieri della Dea, non gli ha mai sorriso, nonostante la sua forza è il duro impegno a diventare più forte. Dopo aver appreso il valore del sacrificio per gli amici, come Beelzemon, è molto più deciso e determinato, deciso a onorare il suo debito con Taiki. Dopo aver tentato di assassinare Taiki Kudo, e aver spiato i tre ufficiali dell'esercito Bagra, in particolare Rirismon, Baalmon salva Taiki nella Zona Sabbia dopo che la statua della dea sorride al ragazzo. Dopo di che, gli racconta della scomparsa dei guerrieri della dea, e di come lui sia stato l'unico sopravvissuto, trovandosi costretto a uccidere tutti i suoi compagni, compreso il suo maestro Angemon; per poi scoprire, confermando i suoi sospetti, che dietro c'era Rirismon con i suoi intrighi. Dopo essere stato ferito gravemente due volte, la seconda per salvare Shoutmon X4K, rinasce come Beelzemon, decidendo di dedicare la sua seconda vita a proteggere a Taiki, colui che ha cercato di guarirlo usando il potere della Zona e della Dea e gli ha insegnato il sacrificio in nome dell'amicizia. Beelzemon si rivela un alleato potente, anche in virtù della sua capacità di volare. Nella seconda serie, sviluppa un'intesa molto forte con Mervamon. Affronta una dura battaglia con lei nella Zona Inferno, contro la sua nemesi Rirismon; venendo ferito mortalmente. Conscio di ciò, si scaglia contro l'abominio che è diventata l' ex ufficiale dell'esercito Bagra, morendo con lei nella distruzione della Zona. Rinasce in seguito grazie al potere della Corona del Codice, secondo i desideri di Taiki, prendendo parte alla battaglia finale contro l'esercito Bagra.

Deputymon[modifica | modifica wikitesto]

Autoproclamato cacciatore di tesori, incontrato nella Zona Sabbia. Il suo nome fa riferimento alla parola ingle Deputhy, sceriffo. È un digimon dall'aspetto di un cowboy, con un ampio cappello e tre revolver, un dei quali, enorme, sul torace. Inizialmente sempre un opportunista meschino e manipolare, che tenta di attirare i Fusion Hearts in trappola e poi li aizza contro il potente Pharaohmon, sostenendo di volere il tesoro del digimon egizio; ma poi si scopre che i due sono amici, e che tutto il suo comportamento era solo una messinscena per testare il valore del gruppo. Dopo che Taiki supera la prova, decide di unirsi a lui.

Wisemon[modifica | modifica wikitesto]

Misterioso ricercatore che vive in una sua dimensione personale, accessibile tramite un libro che fluttua nello spazio che connette le varie Zone di DigiWorld. Il suo nome fa riferimento ai Wise men, ovvero i Tre Magi biblici. È una figura alata avvolta da una veste rossa e il volto coperto da un cappuccio bianco, che coprono una carnagione nera e priva di orifizi e tratti somatici. Possiede due occhi gialli, privi di iridi e pupille. È uno scienziato razionale e calcolatore, che persegue la conoscenza per il puro di gusto di farlo, ed è inizialmente del tutto indifferente alla guerra che ha luogo a Digiworld, in quanto ininfluente per l'esito delle sue ricerche. Dopo aver catturato Taiki Kudo, separato dal gruppo a causa di Rirismon e Arukadhimon, interessato alla biologia umana, intende praticargli un'autopsia, ma sviene per via di un digiuno prolungato. Dopo che il bambino lo salva facendolo mangiare, decide di risparmiargli la vita e, dopo molti dubbi, lo rilascia. Poi, incuriosito dalle nuove conoscenze e sorprese che il ragazzo gli ha offerto, lo segue e gli salva la vita contro Arukadhimon, distruggendo perfino il suo libro di appunti, senza pensarci. Ormai affezionato a Taiki, decide di seguirlo nelle sue avventure, continuando ad osservarlo dall'interno del DigiVice e proseguendo i suoi studi. Wisemon non ha poteri d'attacco, ma le sue grandi conoscenze e capacità analitiche si rivelano fondamentali per analizzare e superare trappole o strategie nemiche; come quando scopre la capacità di clonazione dei cristalli di Blastmon o il segreto dietro i poteri di Doumon. Nella Zona Inferno, è lui a scoprire le capacità del luogo di amplificare il potere dei digimon malvagi e il funzionamento del dispositivo di blocco, permettendo di bypassarlo e tornare nel Territorio della Luce senza che debba morire ne Taiki ne Yuu Amano.

Gruppo di Nene[modifica | modifica wikitesto]

Nene Amano[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Nene Amano.

Primo generale del Team Twilight, si unisce ai Fusion Hearts dopo aver capito che DarkKnightmon non intende mantenere la promessa di liberare suo fratello Yuu.

Sparrowmon[modifica | modifica wikitesto]

È il digimon principale di Nene, unico verso cui la ragazza, inizialmente, mostra aperto affetto. Il suo nome sembra fare riferimento allo sparrow, nome inglese del volatile Petronia xanthocolli. Ha l'aspetto di una sorta di aereo giallo con una piccola testa e due mani dotare di pistole laser. Nell'edizione originale, il sesso di Sparrowmon non è ben definito, in quanto ha una voce piuttosto femminile, ma usa il pronome "Boku", usato generalmente da giovani ragazzi, anche se può essere usato anche da ragazze. In italiano, Sparrowmon ha una voce piuttosto maschile, mentre in edizione anglosassone è invece una femmina. Ha l'aspetto di una sorta di aeroplano giallo, con una piccola testa e due mani armati di pistole che sprigionano raggi laser. Data la sua capacità di volare, è spesso usato dal suo generale come mezzo di trasporto. È il miglior amico di Nene, ed è disposto a tutto pur di salvarla e proteggerla, anche a rischiare la propria vita e ad andare contro il temibile DarkKnightmon. Inizialmente è piuttosto ostile nei confronti di Taiki Kudo e i Fusion Hearts, ma quando vede l'impegno di questi per salvare Nene, rimasta intrappolata dentro il demoniaco e impazzito Lucemon, inizia a fidarsi di loro fino a chiedere al generale rosso di liberare Nene dalla torre in cui era stata rinchiusa da DarkKnightmon. Pare avere una fobia verso i vampiri, dato che, speculando sul generale oscuro NeoVamdemon, un vampiro, Sparrowmon mostra terrore solo all'idea. Nel Territorio dell'Oro, dopo essere stato ipnotizzato da Olegmon, descrive Nene in malo modo e afferma di non sopportare il suo taglio di capelli, affermazione che ferisce in modo evidente la ragazza, che mostra di portare un certo rancore per questo. Effettuando la DigiXros, può trasferire la sua capacità di volare.

Monitamon[modifica | modifica wikitesto]

È un trio di Digimon provenienti dal Villaggio dei Monitamon, nella Zona Shinobi, descritti come i migliori del luogo. Il loro nome fa riferimento alla parola monitor, e all'atto di monitorare. Hanno l'aspetto di piccoli uomini dotati di un televisore al posto della testa, su cui possono proiettare immagini o degli occhi ed espressioni che riflettono il loro stato d'animo. Svelti, agili, e abilissimi a nascondersi, sono ottime spie, un ruolo particolarmente utile per la loro abilità di condividere tra di loro le immagini di ciò che vedono, che possono essere visualizzate anche da altri. Appaiono anche negli omake di fine episodio, dove commentano comicamente il profilo di un digimon.

Mervamon[modifica | modifica wikitesto]

Guerriera esuberante ed energica che combatte l'esercito Bagra nel Territorio del Miele, è la sorella maggiore di Ignitemon. Il suo nome fa riferimento alla dea greca etrusca Minerva, che ha, tra alte cose, affinità con la guerra. È una donna alta e robusta. Indossa una gonna rossa e un reggiseno che mette in risalto un seno prosperoso. Ha il volto parzialmente coperto da una sorta di maschera d'osso e un lungo serpente come braccio sinistro. Usa come arma principale un'enorme spada. È una combattente ostinata e impulsiva, che attacca a testa bassa senza preoccuparsi troppo della strategia. Nonostante a prima vista appaia come prepotente ed autoritaria, in realtà ha un forte senso di giustizia, che disprezza i modi dell'esercito Bagra ed è pronta a tutto pur di proteggere i digimon innocenti ed indifesi, anche affrontare suo fratello Ignitemon, nonostante l'affetto che nutre per lui. Dopo che Nene convince Ignitemon a disertare, e la morte di Zamielmon, decide di unirsi al gruppo, anche al fine di aiutare la ragazza a riunirsi al suo fratellino, Yuu. Con il tempo, sviluppa un forte legame, quasi romantico, con Beelzemon, piangendo di gioia quando questi torna in vita per la battaglia finale contro l'esercito Bagra.

Blue Flare[modifica | modifica wikitesto]

Sono un'armata guidata da Kiriha Aonuma, in esplicita competizione con l'esercito Bagra per la conquista dei frammenti della Corona del Codice. Successivamente, hanno attriti anche con i Fusion Hearts, sebbene non arrivino pressoché mai a uno scontro diretto con loro, se non in un'occasione. Seguono generalmente una spietata filosofia del più forte, e non mostrano uno spiccato cameratismo come l'armata guidata da Taiki Kudo, pur restando sempre molto fedeli al loro comandante Kiriha. Dopo un'altalenante e fragile alleanza con i Fusion Hearts, si uniscono a loro nella seconda parte della serie.

Kiriha Aounuma[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Kiriha Aounuma.

È il gelido e ambizioso generale dei Blue Flare. Con il passare del tempo, diventa sempre più amichevole e aperto nei confronti dei suoi sottoposti e nei Fusion Hearts.

Greymon[modifica | modifica wikitesto]

È uno dei due digimon preferiti di Kiriha. D'aspetto è simile a un grosso dinosauro con una placca d'acciaio con tre corni sulla testa. È un guerriero molto orgoglioso, che combatte sempre al massimo delle sue forze incurante del pericolo, seguendo la filosofia del suo generale. Ha un certo senso dell'onore e, dopo essere stato inizialmente sprezzante verso Shoutmon, inizia a mostrarsi più amichevole nei suoi confronti quando il piccolo digimon gli salva la vita. È totalmente leale a Kiriha, combattendo e alleandosi con i Fusion Hearts seguendo sempre fedelmente gli ordini del ragazzo. Quando Kiriha lo affida temporaneamente a Taiki, Greyson dice che se Kiriha si fida del generale rosso allora si fida anche lui. Può effettuare la DigiXros con MailBirdramon diventando MetalGreymon, successivamente digievolvere in ZekeGreymon e perfino fare DigiXros con OmegaShoutmon. Altre DigiXros possibili per MetalGreymon sono con CyberDramon e DeckerDramon, diventando rispettivamente MetalGreymon CyberDramon e DeckerGreymon.

MailBirdramon[modifica | modifica wikitesto]

È uno dei due digimon preferiti di Kiriha. Il suo nome contiene le parole Mail, parola inglese per maglia, bird, uccello, e il suffisso dra, che indica i digimon di tipo drago; quindi può essere tradotto come uccello drago di maglia. D'aspetto è simile a un grosso volatile meccanico pesantemente armato, simile ad un aereo da combattimento, e proprio per questo è spesso usato dal generale blu come mezzo di trasporto. È generalmente distaccato e freddo verso chiunque, anche se non ostile, e rimane sorpreso quando Greymon aiuta volontariamente Shoutmon contro Bulbmon, dopo che il piccolo digimon aveva salvato loro la vita. Successivamente, diventa più amichevole con i Fusion Hearts quando i Blue Flare iniziano a cooperare con loro. Tende a chiedere spiegazioni a Kiriha riguardo alle sue decisioni, o a chiedergli se ne è sicuro, ma la sua fedeltà è assoluta, tanto che, quando il suo generale lo affida temporaneamente a Taiki, non ha alcun problema a farsi usare dal comandante rosso. Può effettuare la DigiXros con Golemon, ma la più importante è quella con Greymon, diventando MetalGreymon, successivamente digievolvere in ZekeGreymon e perfino fare DigiXros con OmegaShoutmon. Altre DigiXros possibili per MetalGreymon sono con CyberDramon e DeckerDramon, diventando rispettivamente MetalGreymon CyberDramon e DeckerGreymon.

CyberDramon[modifica | modifica wikitesto]

Digimon simile a un drago antropomorfo corazzato con una strana maschera viola senza lineamenti e quattro ali rosse bucate. Il suo nome contiene le parole Cyber, cibernetico, e il suffisso dra, che indica i digimon di tipo drago. Nonostante l'apparenza, non è completamente meccanico. Generalmente, è molto silenzioso e non dice una parola. Armato di una lancia a due punte, è molto forte e agile. Può effettuare la DigiXros con MetalGreymon e con Dracomon, diventando rispettivamente MetalGreymon CyberDramon e CyberDracomon.

DeckerDramon[modifica | modifica wikitesto]

È un digimon leggendario che alberga nel santuario nascosto nella Zona Foresta. Il suo nome contiene le parole deck, parola inglese che indica il ponte delle navi, e il suffisso dra, che indica i digimon di tipo drago. Inizialmente simile a un'enorme statua dorata, il suo vero aspetto è quello di un enorme alligatore corazzato, con due batterie lancia missili sul dorso. All'occorrenza, può modificare il proprio corpo per galleggiare, come una sorta di barca. Nonostante l'aspetto imponente, ha in realtà un cuore molto tenero, e si commuove facilmente di fronte all'amicizia e all'amore, permettendo solo a coloro che mostrano questi sentimenti di incontrarlo. Per questo, rifiuta immediatamente di unirsi a DarkKnightmon, in quanto lo riconosce come un essere spietato; ma quando incontra Kiriha, è attratto dalla bontà latente del ragazzo e insiste per unirsi a lui. Dimostratosi utile in varie occasioni, nel Territorio dei Canyon si oppone fermamente alla battaglia contro Taiki, in quanto non vuole che Kiriha sprechi i suoi buoni sentimenti, venendo ferito gravemente dagli altri Blue Flare agli ordini del generale blu. Ciononostante, mostra agli altri il passato di Kiriha, per aiutare il generale a capire se stesso, venendo però ferito mortalmente da Gravimon, assorbendo volontariamente il secondo colpo per proteggere il gruppo. Muore felice di aver aiutato Kiriha a comprendere il valore dell'amicizia e gli insegnamenti del padre; ritornando in vita nella battaglia finale contro MegaDarknessBagramon grazie alla Corona del Codice. Può effettuare la DigiXros con MetalGreymon, diventando DeckerGreymon.

Golemon[modifica | modifica wikitesto]

Digimon alto e massiccio composto essenzialmente di roccia. Il suo nome contiene la parola golem. Può effettuare la DigiXros con MailBirdramon o con ChibiTortomon e Jijimon, diventando GolemonJijiTortomon.

Bombmon[modifica | modifica wikitesto]

Piccoli digimon simili a bombe saltellanti con occhi neri e una bocca.

Gaossmon[modifica | modifica wikitesto]

Digimon blu simili a una testa di dinosauro su due gambe. Possono effettuare la DigiXros con PawnCessmon, diventando PawnGaossmon.

Dracomon[modifica | modifica wikitesto]

È l'ultimo compagno arruolato da Kiriha, inizialmente residente nel Territorio dei Draghi. Il suo nom contiene la parola Draco, drago. Ha l'aspetto di un piccolo drago con piccole ali rosse. Non è molto potente, ma compensa con l'ingegner e l'astuzia, scoprendo i punti deboli del nemico o delle sue strategie. Non sopporta la filosofia del più forte di Dorbickmon, e rifiuta di seguire gli altri draghi negli attacchi ai digimon indifesi, ritenendo che i più forti dovrebbero proteggere i più deboli. È un grande ammiratore dei Blue Flare, e dopo aver ispirato a Kiriha l'orgoglio necessario per far nascere ZekeGreymon e sconfiggere Dorbickmon, il generale blu accetta di accoglierlo nel gruppo, dopo averne riconosciuto la forza interiore. Può effettuare la DigiXros con CyberDramon, diventando CyberDracomon.

Team Twilight[modifica | modifica wikitesto]

È una misteriosa armata che non ha alcun interesse ad acquisire i frammenti della Corona del Codice. Inizialmente sembra essere guidata da Nene Amano nella prima parte della serie, e da Yuu Amano nella seconda, ma in realtà colui che ha in mano le rendini del gruppo è DarkKnightmon. Successivamente, alcuni membri del Team, Nene Amano, Sparrowmon, e i Monitamon, si uniscono ai Fusion Hearts, mentre i restanti membri entrano a far parte dell'esercito Bagra, pur rimanendo essenzialmente indipendenti e, di fatto, estranei agli interessi dell'impero, rimanendo leali solo al digimon cavaliere nero. A essi vengono associati, a forza, anche Rirismon, Blastmon e i tre Vilemon, ma nessuno di essi mostra vera realtà al gruppo. Infine, abbandonano il Team anche Yuu Amano e Damemon.

DarkKnightmon[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: DarkKnightmon.

Misterioso digimon dall'aspetto di un cavaliere nero, le cui motivazioni non sono chiare per gran parte della serie. È il vero leader del Team Twilight, colui che manipola i loro leader, Nene e Yuu Amano, nonché fratello minore di Bagramon. Nella seconda parte, diventa il secondo in comando dell'esercito Bagra.

Yuu Amano[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Yuu Amano.

Secondo generale ufficiale del Team Twilight, è il fratello minore di Nene Amano. Si unisce ai Fusion Hearts nella battaglia finale contro l'esercito Bagra, quando il Team Twilight è ormai sconfitto definitivamente.

Yuu è fondamentalmente un bravo ragazzo, sensibile ed estraneo alla violenza, e dotato di vari talenti e capacità tattiche. Ciononostante, è segretamente frustrato dal fatto che, appena mostra la sua vera forza, rischia di fare del male a qualcuno; come quando, nel catturare una libellula con un retino, la uccise inavvertitamente, restandone sconvolto.

Questa sua bontà d'animo e desiderio di mettersi alla prova sono sfruttate da DarkKnightmon, il quale, insieme a Damemon, lo irretisce convincendolo che DigiWorld è un mondo fittizio simile a un videogioco dove nessuno soffre e muore per davvero; e dove può mettere alla prova le sue capacità senza alcuno scrupolo morale. In realtà, il cavaliere nero intende solo sfruttare il ragazzo solo per i suoi scopi personali, ovvero sviluppare il Digivice Darkness Loader. Yuu, sconvolto per la recente morte della nonna, accetta. Qualche anno dopo, DarkKnightmon mantiene la sua promessa e viene a prendere Yuu per portarlo a Digiworld, sotto gli occhi della sorella Nene, sconvolta per il sorriso inquietante che, per la prima volta, sfoggia il fratello. Successivamente, DarkKnightmon ricatta Nene obbligandola a lavorare per lui, sotto minaccia di uccidere l'inconsapevole ostaggio.

Yuu entra in scena dopo il salto temporale tra la prima e seconda parte della serie, quando Taiki ritorna a Digiworld dopo che questi è stato conquistato e modificato da Bagramon dopo aver ottenuto la Corona del Codice. Interessato a confrontarsi con Taiki, verso cui nutre grande ammirazione, inizia a seguirlo di nascosto, in compagnia del fido Damemon. Viene notato dai Fusion Hearts nel Territorio del Miele, dove è rimasto bloccato dopo la morte del generale Zamielmon. Bramoso di uno scontro, attira in due trappole alcuni membri del gruppo, prima con dei rampicanti su un ponte sospeso su un burrone, poi grazie ai poteri psichici di Doulmon, seguace di DarkKnightmon evocato grazie a un sigillo locale. Convinto di essere in un mondo fittizio dopo non esiste davvero la morte, mette in pericolo anche la sorella Nene, agendo da arrogante e spietato narcisista amante delle battaglie, e a nulla valgono i tentativi dei Fusion Hearts di convincerlo che è tutto reale. Successivamente, intervengono in suo aiuto anche DarkKnightmon e le nuove reclute Rirismon, Blastomon e i tre Vilemon, che egli gestisce efficacemente in una dura battaglia; ma dopo che Doulmon è annientato, viene scortato via da DarkKnightmon, promettendo di concludere lo scontro in un'altra occasione.

Questa si presenta nel Territorio della Luce, gestito dal generale Apollomon. Grazie al suo alter ego malvagio, Apollomon Whispered, i Fusion Hearts vengono imprigionato nella Zona Inferno, dove viene loro lanciata una sfida: i leader dei due gruppi, Taiki e Yuu stesso, sono legati al portale che porta fuori dalla Zona, e solo la morte di uno di loro può aprirlo. Nonostante il vantaggio che il luogo offre al suo esercito e le sue abilità analitiche e strategiche, viene sorpreso dal piano di Kiriha, che propone ai membri di scambiarsi i digimon, e si ritrova ad affrontare Taiki in un duello a colpi di spada. Durante la lotta, le sue certezze iniziano a vacillare ma, rifiutando di arrendersi, forza Damemon a continuare la lotta, finché non viene definitivamente sconfitto. Viene salvato da SkullKnightmon ma, a causa del tradimento di Apollomon Whispered, rischia di morire, con tutti i presenti, nella deflagrazione della Zona causata dall'ibrido Rirismon Blastmon. Solo grazie al potere di Wisemon, e al coraggio di Taiki, il varco è di nuovo aperto senza che nessuno dei due leader muoia, ma il fratello di Nene crede, provando rimorso, che il generale rosso sia deceduto a causa sua.

Tornato nella fortezza Nido del Demone, Yuu soffre un altro grande dolore, ovvero la morte di Damemon, digimon che si era realmente affezionato a lui, ed è ormai conscio che, anche a Digiworld, la sofferenza e la morte sono reali. DarkKnightmon, capito che il suo inganno è stato svelato, imprigiona senza pietà il ragazzo in una sorta di prigione di vetro, in modo che alimenti il Digivice Darkness Loader, lasciando ChuuChumon di guardia. Viene in seguito salvato da Taiki, Wisemon, Knightmon e Mervamon, la quale, annoiata dai lamenti del ragazzo, lo stordisce.

Si risveglia successivamente quando MegaDarknessBagramon sta attaccando la Terra, trovando, grazie alle parole dei Fusion Hearts, la forza di perdonarsi e di prendere parte alla battaglia finale, che si conclude con la definitiva vittoria sull'esercito Bagra.

Ricompare dopo un anno, al fianco di Taiki e Tagiru, guidandoli nella loro caccia ai digimon. Inizialmente è invidioso di loro, perché non ha un digimon partner, ma si riprende del tutto quando risorge Damemon, in tempo per aiutarlo contro Cho Hakkaimon, digimon della capricciosa cacciatrice Airu Suzaki. Prende in seguito parte a serie battaglie, compresa quella contro il potente creatore del Digi Quartz Quartzmon.

Damemon/Tuwarmon[modifica | modifica wikitesto]

Spia di DarkKnightmon dentro l'esercito Bagra, è anche la guardia del corpo, ed effettivo digimon partner di Yuu Amano. Il nome dame è un riferimento all'omonima affermazione giapponese che può essere tradotta come "Non va bene!", frase spesso detta da Damemon; mentre la parola Tuswamono significa "soldato" in giapponese. Damemon è un Digimon molto piccolo e basso, con il corpo costituito da tre anelli bianchi uno sopra l'altro e braccia e gambe dorate. Ha quasi sempre un'espressione allegra e spensierata. Tuwarmon invece è un umanoide ninja alto e con il volto coperto. In entrambe le forme, è spesso accompagnato dal minuscolo ChuuChuumon, il quale però lo critica all'occorrenza e non gli è davvero legato. È un buon attore, e un abile bugiardo e manipolatore, fingendosi l'animaletto di Rirismon per poi manipolare l'ufficiale Blastmon perché si rovini affrontando i Fusion Hearts, dopo aver avvertito questi ultimi e aver preparato Shoutmon allo scontro. Nonostante ciò, non mostra particolare crudeltà, specie se paragonato ai suoi compagni. È incaricato da DarkKnightmon di seguire Yuu e alimentare l'inganno secondo cui DigiWorld è solo un videogioco, ma con il passare del tempo si affeziona realmente al ragazzo, arrivando a temere per la sua incolumità e nascondendo il dolore per le sue ferite. Dopo avere combattuto i Fusion Hearts con Yuu e DarkKnightmon nel Territorio del Miele, affronta una dura battaglia nella Zona Inferno, assorbendo, su ordine di Yuu, molti Digimon dell'esercito Bagra, venendo però ferito mortalmente da Shoutmon X7. Muore nella fortezza Nido del Demone, tra le lacrime di Yuu e l'indifferenza di ChuuChuumon. Rinasce nella terza parte della serie, quando il Team Twilight è ormai sciolto, salvando da Cho Hakkaimon Yuu e riunendosi al suo partner, ecombattendo altre battaglie, ad esempio contro KnightChessmon e SuperStarmon.

SkullGreymon[modifica | modifica wikitesto]

Digimon simile ad uno scheletro di dinosauro che attacca i Fusion Hearts al fianco di DarkKnightmon e SkullSatamon nella Zona Polvere. Successivamente, si scontra anche con i Blue Flare, venendo sconfitto da MetalGreymon. A quel punto, DarkKnightmon usa l'appena ottenuto DigiVice Darkness Loader per unirsi a lui in una DigiXros forzata, e il digimon non appare più nella serie.

SkullSatamon[modifica | modifica wikitesto]

Digimon simile ad uno scheletro con due ali e un bastone che attacca i Fusion Hearts al fianco di DarkKnightmon e SkullGreymon nella Zona Polvere. Successivamente, si scontra anche con i Blue Flare, venendo sconfitto da CyberDramon. A quel punto, DarkKnightmon usa l'appena ottenuto DigiVice Darkness Loader per unirsi a lui in una DigiXros forzata, e il digimon non appare più nella serie.

Guardromons[modifica | modifica wikitesto]

Digimon simili a basso e robusti robot che attaccano i Fusion Hearts nella Zona Polvere. In seguito, si scontrano anche con i Blue Flare, venendo sconfitti da DeckerDramon.

Doumon[modifica | modifica wikitesto]

È un digimon mago sigillato nel Territorio del Miele e risvegliato da Yuu e Tsuwarmon perché li aiuti in battaglia. È capace di utilizzare varie illusioni, intrappolando Nene in una città umana fittizia o impedendo a Shoutmon X5B e MetalGreymon di vedere Rirismon, aiutandola ad attaccarli; ma è scoperto da Mervamon Wide Hi Vision Mode che, con l'aiuto delle abilità di HiVisionMonitamon e Wiseemon, lo scova e lo sconfigge.

ChuuChuumon[modifica | modifica wikitesto]

Piccolo digimon simile a un fantoccio di pezza a forma di topo con guantoni. In realtà è molto più grande, ma comprime abitualmente i suoi dati per diventare minuscolo. Appare sempre in coppia con Damemon. Dopo che questi muore in seguito alle ferite riportate nella battaglia contro i Fusion Hearts, assiste indifferente, mostrandosi anzi annoiato e sbadigliando alle suppliche di Yuu di aiutarlo a salvare l'amico. Viene poi messo a guardia del bambino da DarkKnightmon nella Zona che alimenta il Digivice Darkness Loader, trovandosi ad affrontare Taiki Kudo, Mervamon, Wisemon, Knightmon e Pawnchessmon. A quel punto decomprime i suoi dati, diventando molto più grande e forte, ma quando si trova di fronte la felina e stranamente aggressiva Bastemon, il digimon simile a un topo trema di paura ed è subito ucciso e mangiato.

Esercito Bagra[modifica | modifica wikitesto]

È la fazione dell'impero Bagra che attacca Digiworld con l'obbiettivo di conquistarlo, ottenendo tutti i frammenti della Corona del Codice. Successivamente, viene reso noto che tra i loro obbiettivi c'è anche l'invasione del mondo reale. Sono i principali avversari dei Fusion Hearts e dei Blue Flare, e la loro presenza gioca un ruolo importante per circa i due terzi della serie.

Bagramon[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Bagramon.

L'imperatore supremo del maleficentissimo impero Bagra, e l'antagonista principale di Digimon Fusion Battles.

Ufficiali Bagra[modifica | modifica wikitesto]

Tactimon[modifica | modifica wikitesto]

È il più forte dei tre Ufficiali dell'esercito Bagra e la sua parola preferita è "perfetto". Il suo nome fa riferimento alle tattiche militari, quindi può essere tradotto come "mostro tattico".

L'armatura di Tactimon lo fa assomigliare ad un samurai. Indossa anche un copricapo blu scuro. Il suo volto rimane sempre nascosto dall'elmo, con una cresta dorata a forma di fiamme e un altrettanto corno aureo al centro di esso.

Tactimon è un soldato estremamente competente, che valorizza l'organizzazione e la disciplina sopra ogni altra cosa e a cui piace vedere i suoi domini espandersi ad un ritmo crescente, che a lui piace e denota come perfetto. Essendo il più abile dei tre ufficiali, dispone del più grande esercito, avendo a disposizione sei comandanti di zone su dieci. Riesce a conquistare più Corone del Codice degli altri Ufficiali, portando 26 zone sotto il suo controllo.

È il più spietato e crudele dei suoi compagni: non esita a sacrificare i suoi stessi soldati, se questo significa vincere una battaglia in tempi che lui ritiene accettabili; ciò ha portato Dorulumon, un tempo suo braccio destro, a lasciare l'esercito Bagra, e Tactimon proverà sempre un forte rancore verso il suo ex sottoposto, ritenendo che abbia rovinato la perfezione del suo stato di servizio. Ha anche ordinato ai suoi soldati uccidere lentamente sia Dorulumon che Taiki Kudo, e di assicurarsi che la loro morte fosse dolorosa. Non ha alcuna pietà verso gli indifesi e i deboli, da lui definiti feccia, che uccide e riporta parzialmente in vita con il suo secondo Taichi, affermando che dovrebbero esserne onorati. Ciononostante, sembra provare un certo rispetto verso i Fusion Hearts, quando questi sviluppano un potere tale da metterlo in difficoltà e costringerlo a usare tutti i suoi poteri. Sembra in rapporti quantomeno amichevoli con gli altri ufficiali, arrivando anche a offrire alcuni suoi soldati a Blastmon, ma mostrandosi parecchio infastidito dalla sconfitta finale di quest'ultimo. È estremamente leale al suo signore, Lord Bagramon, ed è intenzionato a portargli tutti i frammenti della Corona del Codice con ogni mezzo a lui disponibile.

In passato, Tactimon ha conquistato moltissime zone, arrivando anche a sacrificare i suoi stessi soldati per farlo. Dorulumon, il suo braccio destro, fu disgustato da tale comportamento al punto da disertare dopo aver informato i Blue Meramon, suoi sottoposti, del fuoco amico imminente, salvandoli. Tactimon compare ai Fusion Hearts per la prima volta nella Zona Magma, dopo aver saputo che con loro c'è anche Dorulumon. Dopo aver facilmente sconfitto e separato questi e Taiki dagli altri, li imprigiona e ne ordina l'esecuzione, interrotta però da Kiriha e Mailbirdramon. Tactimon accetta la sfida propostagli, e tiene loro facilmente testa, ma i due, dopo che i due ostaggi sono scappati, si ritirano lasciando l'ufficiale contrariato. Riappare nella Zona Giungla, dove il suo sottoposto Kongoumon è in difficoltà contro Stigmon e i Fusion Hearts. Riaffronta Shoutmon, nella sua forma X4B. Sorpreso dell'incremento di potere dell'avversario, si ritira, giurando che non dimenticherà i loro nomi. A questo punto si defila, non aiutando il suo sottoposto Matadormon nella Zona Dolci, ma chiedendo a Bagramon di rimuovere il sigillo sulla sua spada per riottenere tutti i suoi poteri. Quando Taiki reclama l'ultimo frammento della corona senza un padrone, nella Zona Spada, Tactimon si presenta per affrontare i Fusion Hearts e i Blue Flare per rubare i loro frammenti. Con il suo vero potenziale sbloccato, riesce facilmente a vincere e a prendere i frammenti, ma un successivo attacco del gruppo lo scaglia via lontano. Successivamente, si scopre che l'ufficiale è finito nel mondo umano, dove inizia ad assorbire l'energia elettrica per riprendere le forze e potenziarsi, diventando molto più grande e desideroso di informare Bagramon del nuovo mondo da conquistare. Quando scopre che anche Taiki è in quel mondo, lo insegue per vendicarsi, ma quando prende in ostaggio Akari e Zenjiro, questi rilasciano un'energia che permette a Shoutmon di digievolvere OmegaShoutmon il quale, dopo un duro scontro, gli impedisce di distruggere la città e lo sconfigge definitivamente. La sua lealtà a Bagramon, però, è tale da perdurare anche dopo la sua morte, rimanendo insito nella sua spada maledetta Jatestufuujin-maru, che riesce a guidare l'imperatore nel Mondo Reale.

Tecniche:

  • Primo Tachi: Colpisce il terreno una volta con la sua Jatestufuujin-maru, generando un terremoto.
  • Secondo Tachi: Colpisce il terreno due volte con la sua Jatestufuujin-maru, risvegliando cento guerrieri morti.
  • Terzo Tachi: Colpisce il terreno tre volte con la sua Jatestufuujin-maru, facendo collassare i dintorni con un'onda d'urto.
  • Quarto Tachi: Raggruppa le sue energie nella sua Jatestufuujin-maru e le rilascia verso il basso.
  • Fendente delle Tenebre: Rivolge i suoi cannoni verso l'avversario e genera una serie di colpi che terminano con un'immensa esplosione.

Rirismon[modifica | modifica wikitesto]

Rirismon è una dei tre Ufficiali dell'esercito Bagra in Digimon Fusion Battles. Il suo nome originale, Lilithmon, viene da Lilith, che secondo la tradizione ebraica era la prima sposa di Adamo, ripudiata dal marito per la sua disobbedienza, e che in seguito diede origine a una stirpe di vampiri e demoni.

È l'unico membro femminile, nonché mente manipolatrice del gruppo. Rirismon deve il suo aspetto a un incrocio tra una sacerdotessa demoniaca e una cortigiana feudale giapponese, indossando abiti viola sopra ad una tuta in pelle. I suoi capelli sono neri, come le ali che sporgono dal suo corpo, mentre la sua pelle è piuttosto pallida. Ma la caratteristica dominante di questo Digimon è la demoniaca Unghia di Nazar che ricopre la sua mano destra e che corrode ogni cosa che tocca. I nastri neri che l'adornano sono delle lame molto taglienti. Essa è un Digimon strega vampira estremamente malefico che è disposto a tutto per raggiungere il suo obiettivo e non si fa scrupoli nell'usare anche i mezzi più subdoli. Dopo aver stregato Akari per ottenere il frammento della corona, e questa non lo cede, è disposta a tagliare le mani della bambina pur di prenderlo. È un'abile domatrice che porta sotto il suo controllo anche i Digimon più feroci, potenziando le armate dell'esercito Bagra e rendendole onore come una delle figure dominanti in esso. È estremamente narcisista, e tiene molto al suo aspetto fisico, infuriandosi enormemente quando il suo volto viene ferito. Ha un debole per il digimon Damemon, che ritiene carino; mentre trova ripugnante il sicario Baalmon, data la sua natura di assassino, anche se sembra compiaciuta che lui sembri ritenerla attraente. Nel corso della serie, sviluppa un forte rancore verso Beelzemon, unico dei Guerrieri della Dea ad essere scampato al massacro da lei ordito, e che le ha giurato vendetta. Fedele a Bagramon, smania di ottenere la sua approvazione e di compiacerlo con le sue conquiste. Tratta gli altri ufficiali con grande superiorità, ed è la più competitiva dei tre nell'ottenere i Frammenti della Corona. Tuttavia, ad un certo punto, ammette a Blastmon che lui e Tactimon sono gli unici di cui si sia mai fidata. Se Rirismon si arrabbia e perde il controllo, causa violente e distruttive esplosioni che hanno, solitamente, conseguenze orribili e mortali. In questi stati, non ha alcun riguardo ne per gli avversari ne per i suoi stessi soldati. Questi attacchi di rabbia sono la dimostrazione del suo potere nascosto e la rendono temibile ad ogni avversario.

Rirismon affronta i Fusion Hearts per la prima volta i Fusion Hearts nella Zona Lago. Dopo i fallimenti di IceDevimon e Baalmon, strega Akari con uno specchio per farsi portare il frammento della corona locale, e rilascia dal ghiaccio il potente digimon Daipenmon, ma viene sconfitta. Riappare nella Zona Sabbia, dove usa il potere di Ebemon per indurre i Fusion Hearts a combattersi tra di loro, la stessa tattica che usò in passato per sterminare i Guerrieri della Dea. Quando scopre che Baalmon, che la segue sempre, è l'ultimo di loro e che vuole vendicarsi di lei, lo ferisce fatalmente; ma quando questi rinasce come Beelzemon, è di nuovo sconfitta, nonostante evochi MachineDramon. Ella cerca di vendicarsi mandando il gruppo nella Zona Cielo, dove c'è il suo seguace Lucemon, e in un'altra occasione, li aizza contro il feroce ArukaDhimon, ma entrambi vengono sconfitti. Tenta di rifarsi nella Zona Polvere formando una, fragile, alleanza con DarkKnightmon, ma fugge inorridita quando questi mostra il potere del Digivice XrosLoader nero. Successivamente, Rirismon viene degradata, insieme al ferito Blastmon, soprattutto dopo l'ascesa dei Generali Oscuri, e viene assegnata al team di DarkKnightmon, ora secondo in comando dell'esercito. Riaffronta i Fusion Hearts altre due volte, una nel Territorio del Miele, l'altra nella Zona Inferno, dopo, ferita mortalmente, accetta l'offerta di Apollomon Whispered di fondersi con Blastmon, diventando un mostro di dimensioni colossali, venendo però definitivamente sconfitta e morendo nella deflagrazione della Zona affrontando il morente Beelzemon, suo vecchio nemico.

Molto abile nella manipolazione e nell'intimidazione, è riuscita a portare 24 Zone del Digiworld sotto il suo comando e il suo gusto senza fine per il vandalismo la porta a portare il caos sia agli alleati che ai nemici, se questi sono incompetenti o piagnoni, ma viene uccisa a tradimento da Omegashoutmon che lo inveisce in maniera furiosa e furente.

Tecniche:

  • Unghia di Nazar: Corrode ciò che tocca con la sua Unghia di Nazar.
  • Dolore Fantasma: Fa marcire i corpi dei suoi avversari con un sospiro delle tenebre, ciò costringe i loro dati a dissiparsi dalle estremità del loro corpo, portandoli ad una lenta morte dolorosa.
  • Fiammata dell'Imperatrice: Evoca un grottesco mostro dalle sembianze di una mano, che annienta l'avversario.

Blastmon[modifica | modifica wikitesto]

Uno dei tre Ufficiali dell'Esercito Bagra, un antagonista dal grilletto facile e dalla mentalità infantile. Il suo nome contiene la parola Blast, parola inglese per esplosione, quindi può essere tradotto come "mostro esplosivo".

Ha braccia e mani sproporzionatamente grandi, che sono ricoperti da guanti metallici, e una possente coda con una sfera di cristallo alla sua estremità, la quale funge da enorme clava. Anche se non sono grandi come i suoi arti anteriori, le gambe e i piedi sono anch'essi abbastanza forti e robusti e sono rinforzati con cristalli e calzature metalliche. Indossa un grande mantello nero e rosso. Le sue dimensioni sono quelle di una classe super-pesante. I vari cristalli del suo corpo possono staccarsi da lui e creare suoi cloni, più deboli di lui, ma che è capace di rintracciare e con cui può condividere informazioni, anche da zone diverse.

È un personaggio dalla forte venatura comica: appare piuttosto goffo, impacciato e capriccioso, soprattutto se paragonato agli altri ufficiali. Tiene molto al suo aspetto fisico, ed è solito mangiare gemme, cristalli e diamanti per rendere il suo corpo più lucente, ed è alla perenne ricerca di "buon cibo", mostrando, a volte, di tenere più ad esso che a recuperare i Frammenti della Corona. Tuttavia, dopo aver usato la sua tecnica "Coda di Diamanti Superpotente", il suo corpo diventa grigiastro. È solito iniziare le battaglie e a non portarle a termine per varie ragioni, quali tornare a mangiare gemme per recuperare il suo splendore o semplicemente per pigrizia. Ha una mente tarda e tende a dimenticare spesso cosa stava facendo. È sempre scortato da tre Vilemon, i quali gli fanno da consiglieri e spesso mostrano di avere una mente più acuta della sua. Blastmon, comunque, mostra segni di grande intelletto di tanto in tanto ed è un comandante competente e di successo nel portare l'influenza dell'impero Bagra nel Mondo Digitale, conquistando 22 zone. È anche capace di improvvisare strategie efficaci, quali spargere i suoi cristalli sui nemici e poi attaccarli e rintracciarli da lontano grazie ai suoi cloni. In generale, non mostra mai particolare crudeltà o sadismo come i suoi compagni. È piuttosto orgoglioso, tanto da rifiutare dei soldati in prestito da Tactimon. Nell'edizione giapponese, Blastmon mostra di avere difficoltà a riconoscere l'amore: quando Cyberdramon, uno dei Blue Flare, lo afferra per attaccarlo, l'ufficiale lo scambio per un abbraccio di natura romantica e, quando Bagramon si rivela a lui dopo tanto tempo, al sentire il battito accelerato del suo cuore, si chiede se non stia provando dei sentimenti d'affetto. È molto leale a Bagramon, anche lo mostra di meno rispetto agli altri ufficiali. Con questi, Blastmon si mostra generalmente amichevole, pur canzonandoli quando ne ha occasione.

La prima apparizione di Blastmon è nella Zona Sabbia, dove, con i suoi Vilemon e SkullScorpiomon, è alla ricerca del leggendario tesoro locale. Rimane contrariato quando scopre che si tratta di un frammento della corona e non una pietra preziosa, ma inizia comunque a inseguire i Fusion Hearts, ritrovandosi però a combattere i Blue Flare e il Team Twilight. Nonostante riesca a tenere loro testa, si ritira dopo un po' senza ferite, ma lamentandosi del fatto che il proprio corpo ha perso splendore durante il combattimento. Riappare nella Zona Disco, dove impegna Kiriha e i Blue Flare in una durissima battaglia, ma dopo essere precipitato al suolo dall'isola volante in seguito a un suo stesso attacco si ritira per mancanza di voglia di continuare la lotta, mandando al suo posto il suo gigantesco sottoposto Bulbmon. Successivamente, manipolato da Damemon, si impegna maggiormente per trovare gli umani, sfruttando i cristalli che ha sparso sui loro corpi. Kiriha se ne libera in fretta, ma riesce a rintracciare Taiki e il suo gruppo nella Zona Shinobi dopo che questi sconfiggono un suo clone. Inizialmente sembra prevalere su Shoutmon X4B, ma in seguito a un colpo della forma X5B, il corpo di Blastmon viene distrutto quasi completamente, lasciando solo la testa, e perdendo tutti i frammenti da lui conquistati. Incapace di riacquistare la sua forma completa, Blastmon viene successivamente degradato, insieme a Rirismon, soprattutto in seguito all'ascesa dei Generali Oscuri. Nonostante mostri ancora meno voglia di combattere, si trova a riaffrontare i Fusion Hearts, come sottoposto di DarkKnightmon, alte due volte, una nel Territorio del Miele, l'altra nella Zona Inferno, fondendosi con la compagna Rirismon con l'aiuto di Apollomon Whispered e morendo nella deflagrazione della Zona.

Tecniche:

  • Coda di Diamanti Superpotente: Spara tutti i cristalli del suo corpo nei dintorni, a modi mitragliatrice.
  • Scudo Incrociato: Utilizza i suoi guanti di metallo per proteggersi dagli attacchi nemici.
  • Supremo Pugno Spaccarocce: Colpisce il terreno con i suoi pugni, generando delle spaccature.
  • Freccia Cristallizzante: Assorbe la luce solare tramite i suoi cristalli e la rigetta sotto forma di un getto di energia dalla bocca.
  • Frammenti Cristallini

Generali Oscuri[modifica | modifica wikitesto]

I Generali Oscuri, in originale Death Generals, letteralmente I Generali della morte; sono sette tra i più potenti guerrieri dell'esercito Bagra, di cui assumono il comando al posto dei vecchi ufficiali Tactimon, Rirismon e Blastmon. Compaiono nella seconda parte. Rispondono direttamente a Bagramon e a suo fratello DarkKnightmon. Dal secondo hanno ricevuto un proprio Digivice Darkness Loader, con cui possono fondersi con i loro soldati, o forzarli a farlo tra di loro, ogni volta che desiderano. Possiedono ciascuno il controllo di uno dei sette territori in cui è stato diviso Digiworld, ognuno con il proprio personale esercito; e il loro compito è quello di spargere sofferenza tra i digimon che vi vivono, allo scopo di accumulare energia negativa per tramutare la Corona del Codice nella Pietra Nera, per il piano D5. Ogni generale ha un suo elemento o titolo che rimanda a uno dei giorni della settimana, rappresentati in Giappone dal Sole, la Luna e i cinque elementi cinesi.

Dorbickmon[modifica | modifica wikitesto]

Dorbickmon, detto La furia di fuoco, è il generale del territorio dei draghi. Rappresenta il martedì, e l'elemento del fuoco. Ha l'aspetto di un drago antropomorfo, alto e muscoloso, che si erge sulle zampe posteriori. La sua armata è composta da numerosi Digimon drago, che infieriscono continuamente sugli abitanti del Territorio per tenersi in allenamento, in conformità alla sua filosofia, secondo cui i forti hanno il diritto di sfruttare i più deboli. In realtà, considera con sufficienza anche molti digimon drago, ritenendoli a malapena degni di vivere. Unico verso cui mostra rispetto e stima è Huanglongomon, il suo braccio destro. Nonostante prediliga la forza bruta, è anche un abile stratega, capace di adattarsi rapidamente a una nuova situazione. Dorbickmon possiede numerosi attacchi basati sul fuoco, riuscendo anche a tramutarlo in una spada, nonché di poter cambiare la conformazione del terreno a suo piacimento, tramutandolo in una trappola per il suo avversario. La sua tattica preferita, praticata dai suoi soldati, consiste nel circondare il nemico e colpirlo con delle fiammate da tutti i lati. Possiede un punto debole, come tutti i Digimon drago: il polline del Monte del pianto di drago, capace di togliergli le forze.

Alla sua prima apparizione, Dorbickmon è impegnato da tempo in una serie di battaglie contro Kiriha, riuscendo sempre a sconfiggerlo senza difficoltà. Quando questi è salvato dal piccolo Dracomon, il generale manda sulle loro tracce il fido Huanglongomon, ma quando scopre del ritorno di Taiki Kudo a Digiworld decide di combattere personalmente. Batte senza problemi OmegaShoutmon, ma il polline del monte del piante di drago, sparso da Nene, lo mette temporaneamente fuori combattimento, permettendo ai ribelli di fuggire. Deciso a rifarsi, organizza la pubblica esecuzioni dei restanti Fusion Hearts vicino a una cascata, cosicché l'umidità impedisca al polline di diffondersi; ma Dracomon, trovando un punto di fragilità nella roccia, permette ai tre umani di distruggere il corso d'acqua, paralizzandolo di nuovo e liberando gli ostaggi. Dopo essersi fuso con tutti i suoi soldati, Dorbickmon li insegue in volo,arrivando vicino alla vittoria, ma successivamente Kiriha riesce a far digievolvere MetalGreymon in ZekeGreymon, che annienta il generale drago.

Riappare nei pressi della fortezza di Bagramon, dove DarkKnightmon usa la Pietra Nera per riportare in vita i Generali Oscuri, ma lasciandone le anime nella Zona Prigione, in modo da usarne la forza a sua piacimento e dare vita a GranGeneramon. Incontra Taiki Kudo, entrato anche lui nella Zona Prigione per liberare Shoutmon, Ballistamon e Dorulumon, con l'intenzione di vendicarsi; ma la situazione lentamente si capovolge: l'arroganza di Apollomon Whispered gli attira le antipatie degli altri Generali, che si rifiutano di aiutarlo; Olegmon, disgustato dalla sua affermazione secondo cui non sono amici, si schiera con Taiki, e Apollomon riesce a risvegliarsi, distruggere Whispered e a far uscire i suoi alleati dalla Zona Prigione, pur venendo ucciso dagli altri Generali. Dopo la distruzione di GranGeneramon, scompare con i suoi compagni superstiti, sperando di trovare finalmente pace nella morte.

NeoVamdemon[modifica | modifica wikitesto]

NeoVamdemon, detto Il Chiaro di luna, è il generale del territorio dei vampiri. Rappresenta il lunedì, e l'elemento della luna. Il suo nome è composto dalle parole Neo e Vamdemon, nome originale di Myotismon, antagonista vampiro delle serie Adventure. Quindi può essere tradotto come " nuovo Vamdemon" o, letteralmente, "nuovo mostro simile a un demone vampiro".

È un Digimon alto e magro, dalla carnagione pallida e il corpo e il volto coperto da una maschera e un'armatura di metallo. Sul suo territorio non sorge mai il sole, ed è infestato da Digimon suoi soldati che, come lui, hanno grandi poteri rigenerativi. È un personaggio dai modi controllati e sofisticati, ma anche freddo e spietato: venuto a sapere che i Lopmon nel suo territorio sono noti come messaggieri celesti, ha ordinato ai suoi servi di rapirli e portarli da lui, così che possa assorbirli e incrementare ulteriormente la sua capacità rigenerativa, per ottenere un potere "più grande della morte", ovvero l'immortalità. Non comprende come si possa voler aiutare un estraneo, e non mostra quasi mai paura. Unico essere che teme è il Lopmon bianco, essere leggendario capace di indebolire i suoi poteri. NeoVamdemon è dotato della capacità di guarire immediatamente anche da ferite molto gravi, di evocare sanguisughe volanti che succhiano l'energia dell'avversario, e di usare il suo Digivice per fondersi forzatamente con chiunque, non solo i suoi soldati.

All'arrivo dei Fusion Hearts, NeoVamdemon si nasconde nel suo castello, perennemente protetto da una barriera. Quando Taiki raggiunge la sala che genera lo scudo, il generale esce dalla sua bara per attaccarlo. Trovatosi poi a fronteggiare fuori dal castello Kiriha, riesce a prevalere prima digifondendosi con i suoi soldati, poi con MetalGreymon stesso, assumendo un aspetto serpentino. Quando sta per finire anche Shoutmon X5, la vista del Lopmon che accompagna i Fusion Hearts, che riconosce come il Lopmon bianco, lo spaventa temporaneamente, permettendo al gruppo di fuggire. Ripresosi, li raggiunge nella cripta dove dovrebbe trovarsi il digimon sua nemesi, dichiarando, beffardo, che in realtà è solo una leggenda. Assorbe anche Shoutmon e Lopmon, ma questa è una strategia dei due per salvare MetalGreymon. I due digimon guerrieri combattono NeoVamdemon dall'interno e, grazie al sacrificio di Lopmon, rivelatosi davvero il Lopmon bianco, e di tutti gli altri Lopmon che aveva assorbito, danno vita a Shoutmon DX, liberandosi. Privo dei Lopmon, NeoVamdemon non è più in grado di rigenerarsi, ed è battuto da un potente attacco dell'avversario. Riesce a sopravvivere sotto forma di ombra, intenzionato a riprendere le forze, ma è scoperto da Beelzemon, che lo schiaccia con il piede.

Riappare nei pressi della fortezza di Bagramon, dove DarkKnightmon usa la Pietra Nera per riportare in vita i Generali Oscuri, ma lasciandone le anime nella Zona Prigione, in modo da usarne la forza a sua piacimento e dare vita a GranGeneramon. Incontra Taiki Kudo, entrato anche lui nella Zona Prigione per liberare Shoutmon, Ballistamon e Dorulumon, con l'intenzione di vendicarsi; ma la situazione lentamente si capovolge: l'arroganza di Apollomon Whispered gli attira le antipatie degli altri Generali, che si rifiutano di aiutarlo; Olegmon, disgustato dalla sua affermazione secondo cui non sono amici, si schiera con Taiki, e Apollomon riesce a risvegliarsi, distruggere Whispered e a far uscire i suoi alleati dalla Zona Prigione, pur venendo ucciso dagli altri Generali. Dopo la distruzione di GranGeneramon, scompare con i suoi compagni superstiti, sperando di trovare finalmente pace nella morte.

Zamielmon[modifica | modifica wikitesto]

Zamielmon, detto Lo spirito ligneo, è il generale del territorio del miele. Rappresenta il giovedì, e l'elemento del legno. Il suo nome viene da Zamiel, demone che appare nell'opera Count Karlstein, basato a sua volta sul demone Samael della tradizione ebraica.

Appare vestito con abiti che ricordano le creature dei boschi, come i folletti e le fate, ma i suoi lineamenti e l'espressione sul suo volto, mostruosi e contorti, tradiscono la sua natura malvagia. Porta sempre con se delle frecce. I suoi soldati, in gran parte Digimon insetti simili ad api, cacciano costantemente gli abitanti del Territorio, succhiando la loro forza vitale e immagazzinando l'energia negativa prodotta dal loro dolore sotto forma di Digi Honey, da spedire a DarkKnightmon, ma di cui lo stesso generale si ciba. È uno degli antagonisti più spietati e crudeli di tutta la serie, perfino per gli standard dell'esercito Bagra: prova grande piacere nel cogliere e mangiare il Digi Honey, nonché di vedere Ignitemon, suo giovane sottoposto, scontrarsi con la sorella maggiore Mervamon, nemesi di Zamielmon, scoppiando spesso in una risata maniacale. Il suo sadismo è evidente anche nel suo passatempo preferito: rinchiudere digimon indifesi nel suo personale parco di divertimenti, dove può dare loro la caccia, ferirli e ucciderli. È molto veloce, cosa che, combinata con le piccole dimensioni con cui appare, lo rende molto difficile da colpire. Viene rivelato che in realtà è un digimon gigantesco, ma che usa il DigiHoney per rimpicciolirsi fino a poter stare sul palmo di una mano per non uccidere subito il suo avversario. La sua velocità e agilità, però, rimangono invariate. È un abilissimo cacciatore ed esperto nel colpire con la balestra.

Quando i Fusion Hearts entrano nel territorio del miele e ostacolano la raccolta del Digi Honey, Zamielmon li attacca subito con Igniemon e HooneyBeemon, cercando di riservare loro lo stesso trattamento, ma, in seguito all'apparizione di Mervamon, decide di ritirarsi, adducendo che ha raccolto abbastanza DigiHoney per la giornata. Al successivo attacco della digimon guerriera, Zamielmon incita Ignitemon a uccidere la sorella, mandandogli in aiuto GrandisKuwagamon dopo averlo fatto fondere con li HooneyBeemon. Questi però è sconfitto dalla fusione di Mervamon con Sparrowmon, JetMervamon, e Ignitemon decide di tornare con la sorella, spingendolo a ritirarsi nel suo castello, frustrato. Per vendicarsi, manda un invito ai Fusion Hearts per il suo parco di divertimenti, implicando che avrebbe costretto ad andarci altri digimon in caso di rifiuto. Qui da loro la caccia mettendone molti fuori combattimento, ma diventando sempre più grande nel frattempo per la carenza di DigiHoney. Quando le scorte di questi sono distrutte da Kiriha, che non era stato invitato, decide di riassumere le sue gigantesche dimensioni originali, mettendo il gruppo in crisi. Tuttavia, anche se sempre agile e veloce come prima, il corpo gigante di Zamielmon, dopo aver schivato un attacco velocemente, è costretto per fermarsi per un attivo, permettendo a Shoutmon DX di colpirlo e annientarlo.

Riappare nei pressi della fortezza di Bagramon, dove DarkKnightmon usa la Pietra Nera per riportare in vita i Generali Oscuri, ma lasciandone le anime nella Zona Prigione, in modo da usarne la forza a sua piacimento e dare vita a GranGeneramon. Incontra Taiki Kudo, entrato anche lui nella Zona Prigione per liberare Shoutmon, Ballistamon e Dorulumon, con l'intenzione di vendicarsi; ma la situazione lentamente si capovolge: l'arroganza di Apollomon Whispered gli attira le antipatie degli altri Generali, che si rifiutano di aiutarlo; Olegmon, disgustato dalla sua affermazione secondo cui non sono amici, si schiera con Taiki, e Apollomon riesce a risvegliarsi, distruggere Whispered e a far uscire i suoi alleati dalla Zona Prigione, pur venendo ucciso dagli altri Generali. Dopo la distruzione di GranGeneramon, scompare con i suoi compagni superstiti, sperando di trovare finalmente pace nella morte.

Splashmon[modifica | modifica wikitesto]

Splashmon, detto La tigre d'acqua, è il generale del territorio Cyber. Rappresenta il mercoledì, e l'elemento dell'acqua. Il suo nome contiene la parola splash, suono classicamente riferito all'acqua.

Appare come un uomo alto e snello, indossante una tuta bianca, ma la sua vera forma, una volta spogliatosi di essa, è quella di una gigantesca tigre dal manto bianco e blu. A differenza degli altri Generali, non possiede un esercito vero e proprio: il suo territorio è popolato da esseri apparentemente simili a Digimon androidi, ma in realtà sono fantocci comandati direttamente a distanza dal generale stesso. Non appaiono veri digimon, i quali si sono uccisi tra di loro in seguito alla paranoia instillata da Splashmon stesso, il quale si procura energia negativa dal sospetto nei confronti del prossimo. Il suo territorio è quello che produce più energia negativa di tutti, cosa di cui va orgoglioso. Caratterialmente, appare inizialmente in modo stravagante, ma è anche estremamente manipolatore e pericoloso: preferisce attaccare i suoi nemici a distanza con una serie di bizzarri stratagemmi e grottesche invenzioni, ma anche seminando il dubbio e la discordia tra gli amici, cercando di romperne i legami. Prova grande piacere in tali attività, descrivendo eccitato la rovina che ha portato tra i digimon del suo territorio, ma questo suo modo di fare è dovuto alla sua paranoia: non possiede un vero e proprio esercito perché non si fida di nessuno, è l'unico essere vivente nella sua zona, anche se dichiara, irritato da tale osservazione, di stare bene da solo. Splashmon possiede un corpo fatto d'acqua che lo rende invulnerabile alla maggior parte dei colpi, e può modificarlo a piacimento cambiando forma, cosa che lo aiuta nei suoi inganni. Può anche sparare potenti getti idrici e delle gocce dai vari colori ed effetti, quali muovere i suoi fantocci a distanza, indurre aggressività, narcisismo, paralizzare con della corrente elettrica o colpire direttamente.

Dopo aver trovato i Fusion Hearts nel suo territorio, Splashmon li attacca a distanza con i suoi fantocci. Successivamente, si infiltra tra di loro usando Ruka, in apparenza una ragazza dai modi di fare stravaganti, ma in realtà un'altra delle sue creazioni. Tramite essa, cerca di far cadere in numerose trappole il gruppo e anche di sabotarli con le sue gocce, fallendo sempre. Dopo aver allontanato e imprigionato Dorulumon, che attacca istintivamente Ruka percependo la presenza di un digimon pur senza riuscire a vederlo, Splashmon ne assume le sembianze e divide il gruppo per attaccarli uno alla volta con vari stratagemmi, ma è smascherato da Taiki che, essendoci fidato fin dall'inizio dell'istinto di Dorulumon, è riuscito a salvare tutti e l'ha spinto a uscire allo scoperto. Smascherato, il generale assorbe prima tutte le sue gocce, poi rivela la sua vera, bestiale forma. Grazie al suo corpo d'acqua sembra essere imbattibile, in seguito Taiki nota che non è immune all'evaporazione. A quel punto Shoutmon DX reagisce e lo colpisce con un attacco potente al punto da farlo evaporare completamente, battendolo.

Riappare nei pressi della fortezza di Bagramon, dove DarkKnightmon usa la Pietra Nera per riportare in vita i Generali Oscuri, tra cui lui nella sua vera forma,ma lasciandone le anime nella Zona Prigione, in modo da usarne la forza a sua piacimento e dare vita a GranGeneramon. Incontra Taiki Kudo, nella sua forma umanoide, entrato anche lui nella Zona Prigione per liberare Shoutmon, Ballistamon e Dorulumon, con l'intenzione di vendicarsi; ma la situazione lentamente si capovolge: l'arroganza di Apollomon Whispered gli attira le antipatie degli altri Generali, che si rifiutano di aiutarlo; Olegmon, disgustato dalla sua affermazione secondo cui non sono amici, si schiera con Taiki, e Apollomon riesce a risvegliarsi, distruggere Whispered e a far uscire i suoi alleati dalla Zona Prigione, pur venendo ucciso dagli altri Generali. Dopo la distruzione di GranGeneramon, scompare con i suoi compagni superstiti, sperando di trovare finalmente pace nella morte.

Olegmon[modifica | modifica wikitesto]

Olegmon, detto Il pirata d'oro, è il generale del territorio dell'oro. Rappresenta il venerdì, e l'elemento del metallo. Il suo nome viene da Oleg, un re vichingo.

È un digimon dal fisico alto e possente, coperto da un elmo e armatura dorati di ispirazione vichinga. Dalle sue spalle possono apparire due spiriti, Surtrn l'allegro e Jormungandr il malinconico, che, pur potendo parlare e avendo personalità distinte, sembrano essere parte di lui, più che entità indipendenti. Solca abitualmente il mare d'oro con il suo vascello, unico mezzo che può raggiungere il portale per li altri territori, e la sua ciurma di pirati, tutti digimon acquatici, di cui è il capitano. La sua seconda in comando è Mermamon. È un personaggio molto più amichevole degli altri Generali: quasi sempre allegro, è molto legato ai suoi sottoposti, di cui non abusa mai, considera l'amicizia e gli amici il tesoro più prezioso, al punto da chiedere di unirsi alla sua ciurma ai protagonisti, di cui ammira il valore. Ciononostante, considera Ballistamon, come Darkvolumon, sua invenzione e proprietà, e arrivare anche a ricattare Taiki usando Nene, anche se in seguito si schiera apertamente dalla parte del ragazzo contro i suoi stessi ex compagni Generali, affermando di non sopportare chi non conosce il valore dell'amicizia. Olegmon è capace, urlando la formula magica "Gappo gappo, viva Olegmon" di riscrivere il programma dei digimon che la ascoltano, tranne quelli robotici, facendo loro il lavaggio del cervello e tramutandoli in suoi alleati, anche se, alterandone la lunghezza d'onda, l'effetto può essere non solo inibito, ma anche annullato. È anche dotato di due enormi e potenti ascie.

Appena Olegmon incontra i Fusion Hearts, chiede subito loro di entrare nella sua ciurma. Quando questi rifiutano e iniziano a combattere, il generale, con i suoi alleati, usa la sua cantilena per stregarli, portandone molti dalla sua parte, compreso Shoutmon, e costringendo i superstiti alla ritirata. Messa una taglia su di loro, li rintraccia su un'isola con l'intento di sconfiggerli definitivamente, ma Shoumon, ripresosi dalla formula grazie a Ballistamon, immune alla cantilena, colpisce uno dei corni del generale, alterando la lunghezza d'onda del canto e consentendo a Ballistamon di liberare tutti. Ciononostante, il digimon meccanico è rapito da Olegmon che, rivelatosi colui che l'aveva creato, come DarkVolumon, lo riporta alla sua precedente, e malvagia, forma. A quel punto, Olegmon vince la lotta grazie a Surtrn e Jormungandr, scagliando via Shoutmon e gli ex Blue Flare e rapendo Taiki e Nene. Minaccia Taiki, di far uccidere la ragazza da DarkVolumon, se il ragazzo non si unirà a lui, ma in seguito i Fusion Hearts, grazie al ritorno di Kiriha e Shoutmon, riescono a contrattaccare: Ballistamon ritorna grazie all'amicizia di Shoutmon, la ciurma di Olegmon è sconfitta, e lo stesso generale, nonostante l'aiuto di Surtrn e Jormungandr, è sconfitto da Ballistamon, che lo colpisce con una registrazione, amplificata, della sua stessa voce. Nonostante la sconfitta, Olegmon ride, ammirando il valore dei suoi avversari, e si dissolve augurando loro buona fortuna.

Riappare nei pressi della fortezza di Bagramon, dove DarkKnightmon usa la Pietra Nera per riportare in vita i Generali Oscuri, ma lasciandone le anime nella Zona Prigione, in modo da usarne la forza a sua piacimento e dare vita a GranGeneramon. Incontra Taiki Kudo, entrato anche lui nella Zona Prigione per liberare Shoutmon, Ballistamon e Dorulumon, con l'intenzione di vendicarsi; ma la situazione lentamente si capovolge: l'arroganza di Apollomon Whispered gli attira le antipatie degli altri Generali, che si rifiutano di aiutarlo; Olegmon, disgustato dalla sua affermazione secondo cui non sono amici, si schiera con Taiki, e Apollomon riesce a risvegliarsi, distruggere Whispered e a far uscire i suoi alleati dalla Zona Prigione. Olegmon a quel punto distrugge la piattaforma usata da DarkKnightmon per il rituale della resurrezione e, pur ferito mortalmente da GranGeneramon, aiuta Shoutmon X7 a distruggere il nemico, morendo poco dopo.

Dopo che Taiki ottiene la Corona del Codice contro MegaDarknessBagramon, Olegmon è riportato in vita per aiutare il ragazzo nella battaglia finale, tornando a DigiWorld dopo la vittoria.

Gravimon[modifica | modifica wikitesto]

Gravimon, detto Lo spirito della terra, è il generale del territorio dei Canyon. Rappresenta il sabato, e l'elemento della terra. Il suo nome viene dalla parola gravità, quindi può essere tradotto come "mostro di gravità ".

È un umanoide dalle mani e il torace molto voluminosi, ma dalla vita e le gambe molto sottili. Ha gli occhi coperti da una maschera e dei cavi sulla schiena simili a tentacoli. Il suo esercito è composto da Digimon animali sacri e mitologici, gli Anubimon sono sue guardie del corpo e più fedeli seguaci. È un leader carismatico e dal temperamento generalmente allegro e compiaciuto, ma anche dalla mente fredda e calcolatrice: è abilissimo nelle strategie e nel prevedere le mosse dei suoi avversari, riuscendo spesso a capolgere inaspettatamente la situazione a suo vantaggio. È un efficiente manipolatore e abile nella guerra psicologica. Non crede assolutamente nell'amicizia, ritenendola una debolezza che allontana dalla vera forza, non concependo l'idea di potersi sacrificare per una persona cara. Molto orgoglioso, se non superbo, si diverte a sminuire e a canzonare i suoi avversari, e porta facilmente rancore se qualcuno rovina i suoi piani. Gravimon ha il potere di manipolare la gravità, aumentando il peso del suo avversario o potenziando il potere delle sue mani; ma il suo vero asso nella manica è la capacità di rigenerarsi completamente tutte le volte che desidera finché rimane intatto il suo nucleo, che può spostare a piacimento.

I Fusion Hears attaccano la base di Gravimon poco dopo essere entrati nel suo territorio. Inizialmente, la, rischiosa, strategia di Kiriha, che desidera sconfiggerlo da solo, sembra funzionare, ma in breve si rivela un'illusione: il generale ha previsto ogni mossa e li ha attirati in una trappola. Taiki riesce a fuggire grazie a Nene, ma Kiriha è preso prigioniero. Rinchiuso il ragazzo in una cella, Gravimon lo tormenta psicologicamente sostenendo che Taiki è l'unico avversario che davvero preoccupa l'esercito Bagra, in quanto lui è un debole indegno di esistere. Quando Kiriha, rivivendo il trauma psicologico mai superato della morte del padre, si dichiara disposto a tutto pur di provare il contrario, il generale della terra lo sfida a sconfiggere Taiki in combattimento. Costatato che Kiriha si è poi riappacificato, definitivamente, con i suoi amici, Gravimon attacca a sorpresa, uccidendo, Deckerdramon, esprimendo disgusto sulle loro parole sull'amicizia e beffandosi della morte del digimon dell'amore. Questo spinge Taiki, Kiriha e Nene a dare vita a Shoutmon X7, che, dopo aver colpito ripetutamente l'avversario, lo annienta senza problemi. Ma ancora una volta non è finita: Gravimon riesce a rigenerarsi, grazie al suo nucleo, ed è desideroso non solo di vendicarsi, ma anche di costringere il gruppo a unirsi a lui dopo aver provato la sua superiorità. Mentre un gruppo distrae il grosso del suo esercito, e Shoutmon X7 combatte di nuovo Gravimon, un altro gruppo cerca il nucleo nel castello del generale, senza successo. Gravimon, dopo essersi sempre rigenerato dai colpi subiti e aver battuto perfino Shoutmon X7 grazie a una digixros con i suoi soldati, rivela che il nucleo è in realtà impiantato, profondamente, nel braccio di Taiki, e umilia di nuovo Kiriha sfidandolo a uccidere il generale rosso per uccidere anche lui e diventare davvero "forte". Quando Kiriha rifiuta, dicendo che è disposto ad arrendersi ma non a tradire la sua amicizia, Gravimon, disgustato, cerca di ucciderlo, ma è un errore fatale: Taiki fa da scudo a Kiriha, e Gravimon, per non distruggere il suo nucleo, lo fa uscire dal corpo di Taiki, consentendo prima al gruppo di ferirlo, e a Kiriha di schiacciarlo a mani nude, distruggendo Gravimon con esso.

Riappare nei pressi della fortezza di Bagramon, dove DarkKnightmon usa la Pietra Nera per riportare in vita i Generali Oscuri, ma lasciandone le anime nella Zona Prigione, in modo da usarne la forza a sua piacimento e dare vita a GranGeneramon. Incontra Taiki Kudo, entrato anche lui nella Zona Prigione per liberare Shoutmon, Ballistamon e Dorulumon, con l'intenzione di vendicarsi; ma la situazione lentamente si capovolge: l'arroganza di Apollomon Whispered gli attira le antipatie degli altri Generali, che si rifiutano di aiutarlo, Olegmon, disgustato dalla sua affermazione secondo cui non sono amici, si schiera con Taiki, e Apollomon riesce a risvegliarsi, distruggere Whispered e a far uscire i suoi alleati dalla Zona Prigione, pur venendo ucciso dagli altri Generali. Dopo la distruzione di GranGeneramon, scompare con i suoi compagni superstiti, sperando di trovare finalmente pace nella morte.

Apollomon[modifica | modifica wikitesto]

Apollomon, detto Il sole, è il generale del territorio della luce. Rappresenta la domenica, e l'elemento del sole. Il suo nome viene da Apollo, dio greco della luce.

È un digimon dall'aspetto di leone antropomorfo, alto e maestoso, e si dichiara, nell'edizione giapponese, il dio del territorio. Questo è in realtà un luogo desertico, in quanto l'energia dell'ambiente è convogliata sulla cima della torre Apollonia, dove vi è un fiorente giardino. Il suo esercito è composto da vari digimon con connotati animaleschi. Sethmon e Marusumon sono i due ufficiali.

Apollomon è un personaggio dalla doppia personalità: la prima mostrata, l'originale, è quella di un digimon buono e dall'animo nobile, che ama la giustizia e disprezza i modi dell'esercito Bagra. Per questo, dopo essere stato arruolato a forza, finge di collaborare al piano del D5, torturando i Digimon per non destare sospetti ma cercando di non ucciderli, flagellandosi il braccio destro come forma di autopunizione, al punto da renderlo inservibile; aspettando nel frattempo che degli eroi lo raggiungessero per proporre loro un'alleanza contro l'imperatore Bagramon. L'altra, impiantatagli a sua insaputa dai fratelli Bagra e autodefinitasi "La macchia solare" è l'opposto, chiamata Apollomon Whispered: un digimon crudele, sadico e arrogante, che crede solo nella forza e disposto a tutto pur di vincere e scalare la gerarchia dell'esercito Bagra, anche a sabotare i suoi stessi alleati. Le due personalità sono indipendenti l'una dall'altra, anche se una può acquisire il controllo del corpo e, a un certo punto, perfettamente consapevoli e capaci di comunicare tra di loro; cionostante, sono inizialmente inseparabili. La differenza è evidente anche nell'aspetto: Apollomon ha il corpo colorato con toni caldi, brillanti, mentre quando Whispered prende il controllo si colora con colori freddi e cupi. Apollomon è il più forte dei Generali, dotato di una grandissima forza fisica e poteri magici, quali lanciare frecce di energia' creare barriere per imprigionare i nemici o evocare sfere capaci di distruggere l'intero territorio della luce.

Dopo aver visto il valore dei Fusion Hearts, Apollomon chiede a Marusumon di accompagnarli in cima alla torre di Apollonia. Qui, dopo aver rivelato la sua natura di digimon buono, propone loro di fingersi sconfitti in modo da poter avvicinare Bagramon e attaccarlo tutto insieme, mostrandosi disposto a subire, senza difendersi, i colpi dei sospettosi membri del gruppo pur di convincerli della sua buona fede. Quando è riuscito a conquistare la loro fiducia, però, le sue speranze sono distrutte da Damemon e Yuu, che gli rilevano di essere arrivati fin lì grazie alla sua metà, Whispered, che non solo lì ha sempre tenuti informati dei suoi piani, ma che ne prende anche il controllo del corpo e scaraventa i Fusion Hearts nella Zona Inferno. Qui, il generale malvagio partecipa alla battaglia dalla parte del Team Twilight, ma si defila quando comprende che Yuu avrebbe perso. Poco dopo, spinge i morenti Rirismon e Blastmon a fondersi tra di loro per ottenere la loro vendetta, con l'intenzione di spingere i due a distruggere la Zona e portare con loro anche i Fusion Hearts e il Team Twilight, tra cui Damemon, Yuu e DarkKnightmon. Tornato nel territorio della luce, Apollomon è sconvolto dalle azioni crudeli di Whispered il quale, beffandosi del senso di giustizia della sua metà, dice che grazie a lui, con la scomparsa di DarkKnightmon, loro sono ora i numeri due dell'esercito Bagra, e ordina lo sterminio di tutti i prigionieri del territorio. Quando i Fusion Hearts, sopravvissuti, bloccano il suo piano e lo affrontano, Whispered tenta, senza successo, di usare il buon Apollomon come scudo; dopo che tale tattica fallisce, immobilizza Shoutmon X7 e cerca di distruggere l'intero territorio con una potentissima sfera di energia. Apollomon, però, riesce a bloccare, con il mutilato braccio destro, il colpo del suo malvagio alter ego, portandolo ad essere investito, grazie all'aiuto dei Fusion Hearts, dall'esplosione del suo stesso colpo, morendo entrambi.

Riappare nei pressi della fortezza di Bagramon, dove DarkKnightmon usa la Pietra Nera per riportare in vita i Generali Oscuri, ma lasciandone le anime nella Zona Prigione, in modo da usarne la forza a sua piacimento e dare vita a GranGeneramon. Whispered, che ritiene Apollomon cancellato completamente nel processo di resurrezione, incontra Taiki Kudo, entrato anche lui nella Zona Prigione per liberare Shoutmon, Ballistamon e Dorulumon, con l'intenzione di vendicarsi; ma la situazione lentamente si capovolge: l'arroganza di Apollomon Whispered gli attira le antipatie degli altri Generali, che si rifiutano di aiutarlo, Olegmon, disgustato dalla sua affermazione secondo cui non sono amici, si schiera con Taiki, e Apollomon, dopo che il suo clone malvagio vede il potere dell'amicizia, riesce a risvegliarsi, distruggere Whispered e a far uscire i suoi alleati dalla Zona Prigione, pur venendo ucciso dagli altri Generali.

Dopo che Taiki ottiene la Corona del Codice contro MegaDarknessBagramon, Apollomon è riportato in vita per aiutare il ragazzo nella battaglia finale, tornando a DigiWorld dopo la vittoria.

GranGeneramon[modifica | modifica wikitesto]

È una chimera creata da DarkKnightmon, nata dalla DigiXros di tutti e sette i Generali Oscuri. Priva di volontà propria, obbedisce ciecamente a tutti gli ordini datigli dal cavaliere nero, e può esistere anche in forma incompleta, senza tutti e sette i membri. Molto potente, riesce a mettere in difficoltà perfino Shoutmon X7, anche quando perde Apollomon e Olegmon, arrivando anche a ferire mortalmente quest'ultimo. In seguito però alle richieste pressanti di DarkKnightmon, inizia perdere rapidamente energie, facendo anche soffrire le anime dei cinque Generali rimasti che, in seguito alle rivelazioni di Taiki Kudo, sono consapevoli di essere solo strumenti nelle mani del cavaliere nero, che, nonostante la loro fedeltà, non si fida di loro. Di conseguenza, essi iniziano a non alimentare il mostro il quale, sofferente, è sconfitto definitivamente da Shoutmon X7 e da Olegmon stesso, il quale considera ciò come un favore da un generale oscuro agli altri. Il pirata d'oro, inoltre, distrugge anche la piattaforma usata per la resurrezione, impedendo a DarkKnightmon di riportare in vita il digimon.

Comandanti dell'esercito Bagra e soldati[modifica | modifica wikitesto]

L'esercito Bagra vanta un gran numero di soldati, molto maggiore di tutti gli altri eserciti che appaiono nella serie. In seguito, è reso noto che almeno alcuni di loro sono stati corrotti dal potere di Bagramon, diventando suoi seguaci malvagi. Non è reso noto se ciò valga per tutti loro, ma diversi mostrano di essere rinato buoni grazie alla Corona del Codice seguendo i desideri di Taiki; non è chiaro però se ciò avviene a tutti loro, sebbene alcuni membri appaiano anche per formare Shoutmon X7 Superior Mode.

MadoLeomon[modifica | modifica wikitesto]

Madleomon (怒ってレオモン?) è un Digimon animale e comandante dell'esercito Bagra che attacca la Zona Verde, dove vi è situato il Villaggio dei Sorrisi. Ha le sembianze di un enorme leone blu dall'aspetto mostruoso e occhi di colore rosso in grado di reggersi su due zampe. Inoltre, possiede anche dei tratti antropomorfici.

Compare per la prima volta nell'episodio "Il Digiworld", durante il primo attacco nella Zona Verde in seguito all'arrivo di Taiki, Akari e Zenjiro e al ritorno di Shoutmon. Nel corso delle battaglie, Madoleomon tende spesso ad assorbire i dati digitali del suo stesso esercito che lo porta a diventare più potente a seconda delle qualità dei Digimon da lui annientati. Tuttavia però, ciò non lo porta a vincere alcuna battaglia contro la squadra Fusion Heart e questo causa spesso l'ira e la disapprovazione di Tactimon, uno dei tre ufficiali di Bagramon, anche se alla fine vengono concesse lui altre possibilità che alla fine vanno ugualmente sprecate.

Nel corso della seconda invasione da parte dell'esercito Bagra, MadoLeomon attacca con le sue truppe Taiki e i suoi due amici e manda un suo scagnozzo, Orochimon, ad annientarli. I tre ragazzi però vengono salvati in extremis da Shoutmon, per cui MadoLeomon decide di assorbire i dati di Orochimon e diventare imbattibile. Tuttavia però, grazie al leggendario potere della DigiXros, il team Fusion Heart ha la meglio in seguito alla formazione di Shoutmon X2, il quale elimina con il suo potere la parte costituita da Orochimon lasciando però MadoLeomon illeso.

MadoLeomon attacca per la terza volta il villaggio in seguito alla crescita smisurata di enormi piante di bambù, dovuta all'elevata quantità di energia rilasciata nel sottosuolo da Drimogemon, altro membro dell'esercito Bagra. Nel corso del combattimento, assorbe invece una mandria di Apemon per acquistare agilità e velocità, ma anche questa volta non riesce ad uscirne vittorioso. Grazie a Dorulumon infatti, Taiki riesce ad effettuare una nuova DigiXros, creando Shoutmon X3, il quale riesce a mettere in difficoltà MadoLeomon. Questi, sul puto di arrendersi, decide di autodistruggersi ma di annientare allo stesso tempo anche l'intera Zona Verde e il villaggio. Shoutmon X3 però glielo impedisce e grazie alla sua potente arma, il Boomerang Vincente, riesce finalmente ad annientare definitivamente l'infido MadoLeomon.

In una puntata rinasce buono diventanto Leomon, può darsi che in passato sia diventato cattivo per colpa dell'esercito Bagra, infatti gli abitanti del villaggio del sorriso sono felici di rivederlo purificato.

Troopmon[modifica | modifica wikitesto]

Sono Digimon umanoidi con indosso una tuta nera anti-gas che svolgono il ruolo di soldati semplici dell'esercito Bagra.

Chikurimon[modifica | modifica wikitesto]

Simili a delle bombe questi Digimon svolgono il ruolo di farsi esplodere.

Mammothmon[modifica | modifica wikitesto]

Digimon assomiglianti ai mammut attaccano Taichi e i suoi amici quando questo arriva a Digiworld.

Pteramon[modifica | modifica wikitesto]

Digimon volatile simile ad uno pterodattilo di metallo, viene usato spesso nelle battaglie aeree dell'esercito Bagra.

Coelamon[modifica | modifica wikitesto]

Digimon pesce antico specializzato nello spionaggio, apparso quando voleva attaccare Akari e Cutemon, fortunatamente Dorulumon lo distrugge schiacciandolo.

Minotarumon[modifica | modifica wikitesto]

Minotarumon è un Digimon simile al Minotauro, armato e pericoloso.

Missimon[modifica | modifica wikitesto]

Missimon è un Digimon missile che funge da arma vivente per l'esercito Bagra.

Sealsdramon[modifica | modifica wikitesto]

È un Digimon androide di livello Campione di tipo virus armato di pugnale.

Rhinomon[modifica | modifica wikitesto]

Digimon animale di livello Armon con indosso un'armatura d'oro.

Orochimon[modifica | modifica wikitesto]

Orochimon (オロチモン?) è Digimon rettile dalle dimensioni colossali, membro dell'esercito Bagra sotto il comando di Madoleomon. Compare per la prima e l'ultima volta nell'episodio "Una prova d'amicizia", durante l'assedio nella Zona Verde.
Orochimon è un enorme e possente Digimon, le cui sembianze esteriori vengono ispirate a quelle del leggendario mostro appartenente alla mitologia shintoista giapponese, che viene chiamato appunto Orochi (nome originale Yamata no Orochi).

Nella suddetta battaglia, Orochimon viene liberato dalla gabbia e mandato a rincorrere Taiki, Akari e Zenjiro, i quali vengono infine messi in trappola in un vicolo cieco. L'intervento di Shoutmon, insieme al suo amico Ballistamon, mette Orochimon in difficoltà, ma alla fine i dati di questi vengono assorbiti da Madoleomon per diventare un singolo Digimon molto più potente. Orochimon va quindi a costituire gli arti di Madoleomon (come ad esempio le braccia), che possono allungarsi a dismisura.

Tuttavia, Taiki riesce ad effettuare la DigiXros che unisce la velocità di Shoutmon e la potenza di Ballistamon dando vita a Shoutmon X2, che grazie al suo intervento riesce a distruggere la parte costituita da Orochimon, eliminandolo definitivamente.

Apemon[modifica | modifica wikitesto]

Gli Apemon (ハヌモン Hanumon?) sono Digimon animali preistorici muniti di ossi giganti molto agili in grado di reggersi su due zampe. Fanno parte dell'esercito Bagra e compaiono per la prima ed ultima volta nell'episodio "Il temibile avversario Kiriha". Combattono sotto la guida di Madoleomon, anche se durante il combattimento vengono assorbiti proprio da quest'ultimo per diventare più potenti, per poi venire definitivamente eliminati da Shoutmon X3.

Drimogemon[modifica | modifica wikitesto]

Drimogemon (ガイダンスモン?) è un Digimon animale, membro dell'esercito Bagra, che si muove sotto il terreno utilizzando la sua trivella. Compare per la prima e l'ultima volta nell'episodio "Il temibile avversario Kiriha", quando rilascia nel suolo una grande quantità di energia per permettere la crescita a dismisura di enormi piante di bambù per mettere in difficoltà gli abitanti del Villaggio dei Sorrisi contro l'imminente attacco di Madoleomon.
Zenjiro rimane intrappolato su una delle enormi piante e Taiki accorre in suo aiuto effettuando una DigiXros tra Starmon e una serie di Pickmon creando un'arma chiamata Spada Stellare. Zenjiro, essendo versatile in discipline come il kendo, lancia la spada verso la fonte di rilascio di energia, annientando definitivamente Drimogemon e facendo cessare la crescita delle piante.

Nepmon[modifica | modifica wikitesto]

Nepmon (ネプチューンモン Neptunmon?) è un Digimon Mago molto potente e membro dell'esercito Bagra a capo della spedizione per l'oppressione e la conquista degli abitanti della Zona Isola con lo scopo di scoprire dove sia il frammento della Corana della zona. Ha un carattere molto subdolo e tende spesso ad usufruire di sporchi ricatti pur di raggiungere i suoi scopi.

Appare per la prima volta nell'episodio "Pericolo sull'isola" al comando di una potente e numerosa flotta marina composta da Mantaraymon, Gizamon, Divermon e Flymon, grazie alla quale riesce a rapire Archelomon, il protettore dell'isola, ricattandolo per riuscire ad ottenere il frammento della Corona del Codice. Nelle prime due battaglie non combatte direttamente e in prima persona contro i Fusion Heart, ma manda alcuni dei suoi scagnozzi a fronteggiarli. Nel primo scontro invia Octomon, il quale distrugge una delle navi, poiché Taiki e gli altri erano riusciti ad infiltrarsi nell'interno. Tuttavia Octomon muore per mano di Shoutmon X2 con l'aiuto di ChibiTortomon. Nel secondo scontro, Nepmon manda Ebidramon ad attaccare Taiki dopo che questi era riuscito ad ottenere il frammento, ma anche il secondo scagnozzo muore, grazie all'intervento di Leviamon, uno dei Digimon Leggendari.

Nepmon è quindi costretto a servirsi di uno dei suoi ricatti per ottenere il frammento e le DigiMemorie dei Digimon Leggendari, minacciando di fare del male ad Archelomon. Taiki, nonostante l'intervento di Kirha, libera MarineAngemon, anch'esso Digimon Leggendario, il quale distrae i Seadramon mandati in battaglia e grazie al quale i Fusion Heart riescono a liberare Archelomon. Tuttavia, Nepmon se ne accorge e ordina ai Seadramon di congelare l'oceano per far sì che rimangano intrappolati all'interno.
Si ritrova però ad affrontare Shoutmon X3, ma si fa scudo con la sua potente lancia, la quale una volta lanciata all'attacco non smette di attaccare finché non avrà colpito la sua preda. Grazie ad un astuto piano di Taiki, Shoutmon X3 riesce ad uccidere Nepmon mettendosi dietro di lui per fare in modo che venga colpito dalla sua stessa lancia. Nepmon è destinato a morire, ma decide di annientare con sé anche l'intera isola, ma grazie all'intervento di Whamon, i suoi piani vanno in fumo.

In una puntata rinasce buono.

Tecniche:

  • Lancia di Vortice: Lancia la sua lancia senziente, Morso del Re, che insegue il nemico finché non lo uccide.
  • Onda Gigante: Nepmon provoca un violento tsunami.
Gizamon[modifica | modifica wikitesto]

I Gizamon (ギザモン?) sono dei Digimon mammiferi che si muovono come dei rettili. Sono membri dell'esercito Bagra e partecipano alla spedizione per il saccheggio della Zona Isola con lo scopo di trovare uno dei frammenti della Corona.
Appaiono per la prima volta nell'episodio "Pericolo sull'isola", quando costringono Archelomon, capo e protettore dell'isola, a rivelargli il luogo esatto in cui è nascosto il frammento. Altri Gizamon si trovano invece sulla nave di Neptmon in seguito alla cattura dello stesso Archelomon.

Divermon[modifica | modifica wikitesto]

I Divermon (ダイバーモン Hangyomon?) sono dei Digimon anfibi in grado di combattere in mare aperto. Fanno parte dell'esercito Bagra e lottano sotto la guida di Neptmon. Compaiono per la prima volta nell'episodio "Pericolo sull'isola", quando per ordine del loro generale attaccano l'isola, ma vengono invece raggirati dai Fusion Heart. Questi infatti, grazie ad un ingegnoso piano ideato da Taiki, riescono a penetrare nelle navi e a distruggerne buona parte, sfuggendo alla presa degli stessi Divermon.

Mantaraymon[modifica | modifica wikitesto]

I Mantaraymon sono grandi Digimon pesci che servono da nave da guerra al comandante Neptmon e alle sue truppe.

Octomon[modifica | modifica wikitesto]

Octomon (オクトモン?) è un Digimon animale acquatico simile ad un polpo. Fa parte dell'esercito Bagra e combatte per conto del suo generale Nepmon. Appare per la prima ed ultima volta nell'episodio "Pericolo sull'isola", durante la prima battaglia contro i Fusion Heart.

Quando Taiki, Akari e gli altri riescono ad infiltrarsi in una delle navi della flotta marina Bagra, Octomon irrompe distruggendo la nave e spedendoli in mare aperto. Si rivela inoltre essere un temibile avversario anche per Shoutmon X2. Questi infatti si trova in difficoltà, non riuscendo minimamente a respirare sotto l'acqua ed essendo sotto la presa dello stesso Octomon.
Grazie però all'intervento del piccolo ChibiTortomon, il quale grazie a Taiki si fonde con Shoutmon X2 donandogli il potere di respirare in acqua, Octomon viene eliminato dalla grande energia liberata dal Digimon.

Tecniche:

  • Getto d'Inchiostro: Spara uno schizzo di inchiostro dalla sua pistola.
Ebidramon[modifica | modifica wikitesto]

Ebidramon (電子ドラモン?) è un Digimon animale acquatico molto potente al servizio di Nepmon[1] e dell'esercito Bagra. Compare per la prima e l'ultima volta nell'episodio "Lo splendore delle DigiMemorie", in battaglia contro Shoutmon X2.

Taiki e Shoutmon riescono a recuperare il frammento della Corona della Zona Isola nonostante la presa dei Flymon. Ebidramon viene mandato da Nepmon all'uscita della bocca di Whamon con l'ordine di batterli e di recuperare il frammento più le DigiMemorie recuperate da ChibiTortomon.

Ebidramon dichiara battaglia a Shoutmon X2, che viene subito messo in difficoltà dal perfido Digimon. Per Shoutmon X2 sembra ormai la fine, ma Taiki riesce ad evocare lo spirito di Leviamon, uno dei Digimon Leggendari i cui dati sono racchiusi nelle DigiMemorie. Leviamon attacca Ebidramon tagliandosi con un solo colpo la chela sinistra in cui era intrappolato Shoutmon X2, per poi permettere a quest'ultimo di finirlo con la sua potente Ascia Stellare.

Seadramon[modifica | modifica wikitesto]

I Seadramon (シードラモン?) sono dei Digimon animali acquatici al servizio di Neptmon e membri dell'esercito Bagra, presenti nella spedizione per l'oppressione della Zona Isola con lo scopo di recuperare il frammento della Corona. Appaiono per la prima volta alla fine dell'episodio "Lo splendore delle DigiMemorie" e in seguito nel successivo "La forza di Taiki". Durante la lotta, buona parte di essi viene sbaragliata da MailBirdramon, al servizio di Kiriha, mentre la restante parte viene persuasa dall'amore di MarineAngemon, uno dei Digimon Leggendari. I Seadramon contribuiscono al congelamento dell'oceano per ordine del loro padrone Nepmon con lo scopo di intrappolare Taiki e gli altri nell'acqua.

Tecnica:

  • Dardi Glaciali: emette delle frecce di ghiaccio dalla bocca.
Flymon[modifica | modifica wikitesto]

I Flymon (飛ぶモン?) sono dei Digimon insetto, membri dell'esercito Bagra. Essi compaiono per la prima ed ultima volta nell'episodio "Lo splendore delle DigiMemorie", in cui offrono al grande Digimon Whamon delle montagne di DigiNowa per far sì che apra la bocca in modo da entrare all'interno e prendere il frammento della Corona. Shoutmon però, scopre che tra le offerte vi sono anche degli esplosivi utili per paralizzare Whamon e non fargli chiudere la bocca.

Grazie al suo intervento, Whamon non ingoia le munizioni, ma divora lo stesso Shoutmon e Taiki insieme ai Flymon. I primi due riescono, anche grazie all'aiuto dei Pickmon, a raggiungere il frammento, ma vengono intercettati dai Flymon. Uno di essi infilza Shoutmon allo stomaco con il suo pungiglione paralizzandolo e facendolo diventare blu per poi ottenere il prezioso tesoro.
Whamon però non è intenzionato a cedere il frammento ai Flymon e quindi li espelle dal suo buco, coincidente con delle alture che sporgono sull'isola.

Volcanomon[modifica | modifica wikitesto]

Volcanomon (火山モン?) è un Digimon di fuoco che controlla la Zona Magma ed è membro dell'esercito Bagra. Appare per la prima volta nell'episodio "L'esercito Bagra". Volcanomon, tramite il suo esercito di Meramon, guidato dal perfido e mostruoso Skullmeramon, ha ridotto in schiavitù tutti gli abitanti della zona, costringendoli a scavare nel terreno per ritrovare il frammento della Corona.
Volcanomon è (come dice il nome) simile ad un vulcano. Ha gli occhi gialli e braccia e gambe molto possenti; possiede inoltre un enorme masso pieno di magma al posto del busto sul quale vi sporge un cratere. Volcanomon infatti è spesso preda a violenti attacchi di ira, soprattutto quando i suoi scagnozzi non svolgono alla perfezione il compito assegnatogli, e ciò lo porta a far emergere involontariamente dal suo cratere enormi quantità di magma causando devastazioni.

Volcanomon fronteggia per la prima volta i Fusion Heart alla fine del suddetto episodio, ma essendo all'interno di una buia caverna, Taiki decide di non lottare poiché potrebbe crollare e loro rimarrebbero schiacciati. Finge quindi di arrendersi e di consegnare il suo Digivice Xros Loader, ma in realtà gli cede un falso. A causa della sua ingenuità, Volcanomon cade nel tranello e fa imprigionare Taiki e gli altri.
Riesce purtroppo a scoprire il raggiro grazie a Skullmeramon e scatena la sua furia sui Fusion Heart, che nel frattempo sono riusciti a fuggire di prigione insieme agli altri prigionieri. Volcanomon, dopo aver fronteggiato il Digimon Leggendario Agumon, ingaggia una lotta contro Shoutmon X3, il quale alla fine ha la meglio riuscendo a chiudere con una pietra il cratere sul dorso del Digimon facendolo esplodere.

Tuttavia però, Volcanomon evita la morte e in seguito alla cattura di Taiki e Dorulumon da parte di Tactimon, gi viene impartito da quest'ultimo l'ordine di eliminarli entrambi. A causa dell'intervento di Kiriha però, Tactimon ingaggia la sfida e ciò permette a Bluemeramon, anche lui dell'esercito Bagra, di tradire a sua parte e di liberare Dorulumon e Taiki.
Nella battaglia che si sussegue, Volcanomon duella brevemente con Garurumon, uno dei Digimon Leggendari, per permettere la formazione di Shoutmon X4. Per divenire più irrobustito, Volcanomon assorbe tutti i Meramon e il suo cratere si sposta sul ventre anziché sul dorso. Tuttavia, grazie alla forza di Shoutmon X4, Volcanomon viene annientato e la Zona Magma ottiene di nuovo la libertà. In una puntata rinasce buono.

Normalmente, al di fuori della serie Digimon Fusion Battles, Volcanomon è conosciuto in realtà come AncientVolcanomon.

Tecniche:

  • Fuoco Superpotente: emette un flusso di fiamme dal cratere sulla sua schiena.
  • Colpo del Vulcano: si getta contro il nemico, caricandolo.
  • Supernova: emette un'onda di antimateria.
Frigimon[modifica | modifica wikitesto]

I Frigimon (フリギア人モン Yukidarumon?) sono dei Digimon ghiacciati, membri dell'esercito Bagra che obbediscono agli ordini del perfido Volcanomon. Non sono mai presenti nelle varie battaglie che si susseguono nella Zona Magma, in quanto essi sono presenti solo ed esclusivamente durante gli scatti di rabbia del loro padrone, Volcanomon. Quando questo avviene infatti, Skullmeramon, servo più devoto di Volcanomon, richiama a sé i Frigimon per fargli congelare il cratere di Volcanomon dal quale fuoriesce il magma per fargli riacquistare la tranquillità ed impedire che accada qualche catastrofe.

SkullMeramon[modifica | modifica wikitesto]

SkullMeramon (デスメラモン DeathMeramon?) è un Digimon di fuoco, membro dell'esercito Bagra e capo dell'invasione nella Zona Magma, posta sotto il comando del perfido Volcanomon. SkullMeramon appare per la prima volta nell'episodio "L'esercito Bagra", nel corso della battaglia contro i Fusion Heart alle fonti termali della zona. In questa battaglia, SkullMeramon combatte con un esercito di Meramon e con l'aiuto di BlueMeramon, ma all'intervento di Dorulumon in aiuto di Taiki e gli altri, si ritirano.

SkullMeramon riduce in schiavitù tutti gi abitanti della zona per fare in modo che si diano da fare per ritrovare il frammento della Corona del Codice. È il servo più fidato di Volcanomon ed ogni volta che questi si arrabbia, richiama in suo aiuto una mandria di Frigimon per far sì che spengano il cratere sul suo dorso. SkullMeramon, quando Taiki consegna un falso del suo Digivice a Volcanomon, rivela a quest'ultimo il raggiro, cosa che lo fa nuovamente ribollire di ira.
Affronta quindi per la seconda volta i Fusion Heart con l'aiuto del Digimon Leggendario, Agumon, ma anche stavolta ha la peggio e viene sconfitto.

Compare infine nell'ultimo episodio che vede protagonista la Zona Magma, ovvero "Dorulumon corre come il vento", quando BlueMeramon tradisce la sua parte e libera Dorulumon e Taiki, restituendo a questi il suo Digivice Xros Loader rosso. A questo punto, SkullMeramon attacca BlueMeramon, uccidendolo per via del tradimento escogitato, ma venendo immediatamente annientato a sua volta da Shoutmon.

Tecniche:

  • Fuoco Demolitore: rigetta una sfera di fuoco azzurro.
  • Catena di Calore: utilizza una catena che avvolge il suo corpo per attaccare il nemico.
  • Catena di Calore Multipla: utilizza tutte le catene che avvolgono il suo corpo per attaccare.
BlueMeramon[modifica | modifica wikitesto]

BlueMeramon (ブルーメラモン?) è un Digimon di fuoco, membro dell'esercito Bagra e combattente sotto il comando del perfido SkullMeramon. Appare per la prima volta nell'episodio "L'esercito Bagra". BlueMeramon, al contrario dei suoi colleghi dell'esercito Bagra, risulta avere un carattere molto apprensivo nei confronti dei Digimon ridotti in schiavitù dal suo padrone con lo scopo di ritrovare il frammento della Zona Magma.

BlueMeramon ha un passato molto brusco con Dorulumon. Viene rivelato infatti che quest'ultimo tempo addietro era un membro dell'esercito Bagra e che per salvare la vita di BlueMeramon fu costretto ad andare anche contro gli ordini impartitogli da Tactimon, uno dei tre ufficiali. Da allora, BlueMeramon ha sempre sentito la necessità di ripagare il favore di Dorulumon, senza però riuscirci.
BlueMeramon però, incontra nuovamente il suo ex-alleato durante la prima battaglia contro i Fusion Heart. Nell'episodio "Dorulumon corre come il vento", Dorulumon viene fatto prigioniero insieme a Taiki da Tactimon e destinato ad essere annientato da Volcanomon e dai Meramon. Il generale dei Blue Flare, Kiriha, interviene però sul luogo e ingaggia un duello con l'ufficiale.

Grazie a questo momento di distrazione, BlueMeramon ha via libera per liberare il suo amico e Taiki, per poi restituire il suo Digivice Xros Loader a quest'ultimo.
A causa di questo gesto però, SkullMeramon attacca i Fusion Heart e tenta di ferire mortalmente Dorulumon. BlueMeramon però si interpone tra i due ricevendo il colpo destinato al suo amico e sacrificando la sua stessa vita per ripagare il favore allora datogli da Dorulumon.

Meramon[modifica | modifica wikitesto]

I Meramon (メラモン?) sono dei Digimon di fuoco e membri dell'esercito Bagra al servizio del loro capo SkullMeramon, comandato a sua volta da Volcanomon. Compaiono per la prima volta nell'episodio "L'esercito Bagra" e partecipano a tutte le battaglie contro i Fusion Heart (ad eccezione di quella all'interno della caverna in cui si fronteggiano i Fusion Heart contro Volcanomon, alla fine della quale Taiki consegna lui un falso Digivice fingendo di arrendersi).
Tuttavia, nell'ultima battaglia nella Zona Magma, vengono indeboliti dai Fusion Heart e assorbiti infine dal loro stesso capo, Volcanomon, per divenire più potente.

Tecniche:

  • Colpo Magma: Spara un flusso di fuoco.
  • Pugno di Fuoco: Colpisce il nemico con un pugno.

IceDevimon[modifica | modifica wikitesto]

IceDevimon è un Digimon oscuro assomigliate a Devimon con il corpo e i poteri di ghiaccio. Con il suo esercito di Troopmon, Icemon e Pteramon attacca il castello della principessa Bastemon ma viene sconfitto dai Fusion Heart e dai Blue Flame, ritenta una seconda volta ad attaccare facendo la digifusione con gli Icemon ma invano. In seguito Rirismon passa il ruolo di comandante a Daipenmon, intrappolando lo sfortunato IceDevimon in uno dei suoi gelati, in seguito farà la digifusione con Daipenmon. Malgrado sia un Digimon malvagio, IceDevimon sa essere anche comico, come esempio quando si trova davanti al suo superiore Rirismon si mette in ginocchio terrorizzato.

Icemon[modifica | modifica wikitesto]

Sono Digimon di ghiaccio che servono IceDevimon. Vengono visti la prima volta quando attaccano il castello di Bastemon, insieme ai Troopmon ma vengono sconfitti dai Fusion Heart e dai Blue Flame. Sono visti di nuovo ad attaccare il castello e grazie allo stratagemma di IceDevimon alcuni riescono ad entrare nel castello chiudendosi dentro a palle di ghiaccio lanciate contro, successivamente si fondono con il loro comandante e vengono sconfitti da Shoutmon e dai suoi amici.

Daipenmon[modifica | modifica wikitesto]

È un Digimon assomigliante ad un pinguino armato di due coni gelati, che malgrado il suo aspetto ebete è un avversario pericoloso arrivando a congelare il regno di Bastemon. Prima era imbernato dentro ad un blocco di ghiaccio ma fu liberato da Rirismon dopo il secondo fallimento di IceDevimon. Alla fine fa la digifusione insieme a IceDevimon, diventando più forte e minaccioso ma fu sconfitto da Shoutmon X4K.

Vilemon[modifica | modifica wikitesto]

Sono un trio di digimon simili a piccoli diavoli pelosi. Sono i fidi assistenti e consiglieri di Blastmon, che seguono quasi ovunque e a cui spesso danno consigli utili o avvertimenti. Nonostante l'aspetto, sono personaggi dalla sottile venatura comica, in quanto non combattono quasi mai e si mostrano spesso preoccupati e ansiosi. Mostrano un certo attaccamento verso il loro comandante, sentimento poi esteso anche a Rirismon, che però tendono a canzonare implicando che ella non abbia mai avuto un fidanzato. Nella seconda parte della serie, seguono sempre il ferito Blastmon e Rirismon, divenendo parte del Team Twilight e usati da Yuu in una DigiXros con i due ex ufficiali dell'esercito Bagra. Combattono nel Territorio del miele e nella Zona Inferno, venendo sconfitti. Si sacrificano per salvare Rirismon da un lago di lava, morendo poco dopo per le ferite riportate.

SkullScorpionmon[modifica | modifica wikitesto]

Sono Digimon scheletrici simili a scorpioni che servono Rirismon e Blastmon nella Zona Sabbia. Il comandante si differenzia dagli altri SkullScorpionmon per il colore grigio delle sue ossa. Gli SkullScorpionmon seguono i Fusion Hearth nella caverna, alcuni vengono distrutti da un BigMamemon che alla fine fu distrutto grazie all'intervento di Blastmon.

Ebemon[modifica | modifica wikitesto]

Digimon androide molto pericoloso che sfrutta il suo raggio per controllare la mente dei Digimon di Taiki, fortunatamente grazie all'intervento di Baalmon, Ebemon alla fine vienne sconfitto. Viene rivelato che fu lui la causa della strage dei guerrieri della dea che ne faceva parte un giovane Baalmon, colpendoli con il suo raggio i guerrieri furono presi da una follia omicida.

MachineDramon[modifica | modifica wikitesto]

È un digimon androide dalle sembianze di dinosauro con due cannoni, viene evocato da Rirismon nella Zona Sabbia per combattere i Fusion Hearts. Mette tutti in grave difficoltà, soprattutto dopo aver divorato gli SkullScorpiomon ed essere diventato HiMachinedramon, ma quando Baalmon rinasce come Beelzemon, viene rapidamente distrutto.

Lucemon[modifica | modifica wikitesto]

Digimon angelico dall'aspetto di bambino che vive nella Zona Cielo. È in competizione con SlashAngemon, il capo della polizia, per allentare l'oppressione delle forze dell'ordine e delle loro durissime regole, che spesso culminano in esecuzioni pubbliche per reati anche innocui. Appare molto buono e gentile verso i Fusion Heart, studioso e desideroso di rendere serena la sua zona. In realtà è tutta una recita: egli è una spia dell'esercito Bagra, sottoposto di Rirismon, che mira a essere presidente per impossessarsi del Frammento della Corona locale. Dopo aver ottenuto la carica, usa delle parole magiche datigli da Nene per evocare un tempio pieno di forze oscure e rivela sua vera forma e natura: un digimon metà angelo e metà demone, manipolatore e ipocrita a cui non importa nulla degli altri. Viene inizialmente sconfitto da Shoutmon x4 con l'aiuto di Shakkumon, ma si riprende e prende Nene in ostaggio, intenzionato ad assorbire l'energia oscura per recuperare le forze. Nel farlo però, viene corrotto dalle tenebre al punto che impazzisce totalmente e si trasforma in un essere gigantesco dall'aspetto di drago, preso solo dall'istinto di consumare dati per crescere ancora indefinitivamente. Inizialmente sembra imbattibile, ma quando Nene viene liberata dalla sfera oscura che il digimon ha tra le mani, Sparrowmon accetta di unirsi ai Fusion Hearts dando vita a Shoutmon X5, che riesce a distruggerlo.

Kongoumon[modifica | modifica wikitesto]

È un ufficiale di Tactimon simile a un grosso insetto. Piuttosto inefficiente, è impegnato nella conquista della Zone Foresta, venendo però sempre respinto da Stigmon, il protettore della Zona. Dopo l'arrivo dei Fusion Hearts, è inviato da Tactimon ad attaccare il santuario, ma è battuto senza problemi da Kiriha e Nene. Ripresosi, tenta di rifarsi attaccando con un esercito di GranKuwagamon, ma è definitivamente sconfitto quando i Fusion Hearts si riuniscono.

Tankmon[modifica | modifica wikitesto]

Digimon simili a carri armati che attaccano la Zona Polvere sotto il comando di Rirismon, ma sono sconfitti senza particolari difficoltà dai Fusion Hearts e i Blue Flare.

Arukadhimon[modifica | modifica wikitesto]

Potente digimon dall'aspetto demoniaco che vive nello spazio che connette le varie zone di Digiworld. Ha una propria dimensione, in cui vi è il suo nido e dove i digimon normali non possono sopravvivere. È una creatura violenta e bestiale, seppur abbastanza intelligente, che obbedisce solo a Rirismon. Questa gli fa attaccare i Fusion Hearts quando sono nello spazio, separandogli da Taiki e portando gli altri nel suo nido per divorarli. Senza il ragazzo, i digimon non possono effettuare la DigiXros, risultando vulnerabili, ma quando il generale ritorna, riescono a sconfiggerlo e a tentare la fuga. Arukadhimon però è ancora vivo e tenta di inseguirli; allora Shoutmon X5, con l'aiuto della Card di DarkDramon, lo trafigge con forza, rispedendolo nel suo nido, dove muore sotto gli occhi della furiosa Rirismon.

Musyamon[modifica | modifica wikitesto]

Digimon vestito con un'armatura simile a quella di un samurai ed esperto spadaccino; è un sottoposto di Blastmon. Prende in ostaggio la principessa della Zona Shinobi, installandosi nel castello locale e chiedendo, sotto minaccia di uccidere l'ostaggio, di ricevere il frammento della Corona del Codice dai Monitamon, i quali però prendono tempo distraendolo con delle videocassette di una serie TV a tema samurai, di cui Musyamon è un fan sfegatato. Dopo aver saputo che i digimon non vogliono dargli il frammento, manda i suoi sottoposti ad attaccare il villaggio. Rimasto al castello, si trova a combattere Zenjiro, apprezzando le abilità del ragazzo come spadaccino. Successivamente, l'apparizione di HiVisionMonitamon gli impedisce di dare il colpo di grazia, venendo definitivamente sconfitto da Shoutmon X5.

Shurimon[modifica | modifica wikitesto]

Braccio destro di Musyamon, è un digimon ninja con shuriken al posto di mani e piedi, ed è completamente coperto di foglie, con il volto coperto da un bavaglio. Cerca ci convincere i Monitamon a consegnargli il frammento della corona, con scarsi risultati. Concede un giorno in più quando gli abitanti del luogo gli danno un'altra videocassetta per distrarre Musyamon, ma quando è chiaro che i Monitamon non intendono cedere, attacca il loro villaggio con varie truppe. Inizialmente tiene testa al gruppo, ma è infine sconfitto da Shoutmon X5.

Etemon[modifica | modifica wikitesto]

Sono un gruppo di ninja dalle sembianze di scimmia con degli occhiali da sole. Amano molto cantare e suonare, anche se sono tremendamente stonati. Inizialmente spiano i Fusion Hearts, salvando la vita a Zenjiro da una caduta e fingendo di voler diventare fan di Shoutmon, ma in realtà vogliono solo il frammentodella corona. Falliscono nel far ridere il suo guardiano, Karatenmon, e si rivelano quando Nene e Akari vincono la gara. Combattono contro il gruppo, mostrando le loro uniformi, ma vengono sconfitti dalla DigiXros di Ballistamon e Bastemon. In italiano, il leader è sconfitto chiedendosi se ha cantato davvero tanto male, in originale invece mostra ammirazione per l'attacco sonoro che lo sconfigge, ritenendolo del vero rock nd' roll.

Bulbmon[modifica | modifica wikitesto]

Gigantesco digimon simile a un'enorme sfera d'oro con braccia e gambe allungabili, non manifesta alcuna personalità. Viene evocato da Blastmon nella Zona Disco, rischiando di distruggere la già compromessa Zona con il suo peso. Mette in serie difficoltà Shoutmon X4, che però, con l'aiuto di Greymon, riesce a scagliare in aria il digimon e a distruggerlo.

Matadormon[modifica | modifica wikitesto]

Sottoposto di Tactimon che ha invaso la Zona Dolci. Il suo nome viene dalla parola Matador, parola spagnola che indica la corrida. Infatti è vestito con una tunica rosso rosata, ed è solito effettuare movimenti simili ad una danza. Questo suo rimando alla Spagna nell'edizione italiana è enfatizzato dal suo frequente uso della parola "Olé!", mentre in originale dice "Dolce!". Ha il volto coperto da una sorta di maschera, una lunga capigliatura bionda arancio e unghie di mani e piedi molto lunghe, apparentemente di metallo. È estremamente goloso di dolci, infatti ha schiavizzato i pasticcieri della Zona obbligandoli a cucinare per lui, oltre ad usufruire degli stessi servizi dal sottoposto WaruMonzaemon. Intende compiacere Tactimon sperando che questo gli lasci permanente il controllo della Zona. Quando i Fusion Hearts arrivano, Matadormon, che non sa chi siano, organizza una gara di cucina tra loro e WaruMonzaemon quando sente dire che Akari è una pasticciera. Dopo aver premiato il dolce della ragazza, si rivela e affronta i Fusion Hearts quando scopre la loro identità, facendoli precipitare nelle fogne. Qui riesce a risvegliare BreakDramon, progettando di usarlo come arma e mettendo in seria difficoltà Shoutmon X5, ma quando l'energia del drago inizia a diminuire è rapidamente sconfitto.

WaruMonzaemon[modifica | modifica wikitesto]

Sottoposto di Matadormon, è un digimon simile a un inquietante orsacchiotto gigante, e il riconosciuto miglior pasticciere di DigiWorld. Quando i Fusion Hearts si vantano che è invece la loro compagna Akari, la miglior pasticciera del mondo, per attirare il goloso Matadormon, WaruMonzaemon li sfida a una gara di cucina, imbrogliando Shoutmon e Ballistamon perché mangino alcuni ingredienti e prendendo tutti gli altri pur di vincere, ma il superiore premia la torta di Akari. Successivamente, affronta il gruppo quando scopre la loro identità, fondendosi anche con i suoi sottoposti Monzaemon diventando GigaWaruMonzaemon, ma è sconfitto da Shoutmon X4S.

BreakDramon[modifica | modifica wikitesto]

È un leggendario Digimon dall'aspetto a metà tra un drago e una macchina, che si dice abbia quasi distrutto DigiWorld in passato. Giace nelle fogne della Zona Dolci, dove Matadormon lo risveglia usando l'energia vitale sottratta agli abitanti non pasticcieri della Zona, tramutandola in Raremon e prendendo il controllo del digimon usandolo come arma. Oltre a ciò, gli collega i genitori di Cutemon, usando il loro potere curativo per dotarlo di un fattore di guarigione. Con questi poteri, riesce quasi a vincere contro Shoutmon X5, ma quando perde il potere di curarsi, è rapidamente sconfitto. Riappare nella terza serie in una versione potenziata, GigaBreakDramon, questa volta sotto il controllo di Puppetmon, che manipola un club di appassionati di robot per modificarlo, ma è sconfitto di nuovo.

Grademon[modifica | modifica wikitesto]

È un digimon guerriero, alto e coperto da un'armatura e un mantello, sottoposto di Tactimon che invade la Zona Spada. Sconfitto da Shoutmon X4, viene purificato dalla Corona del Codice seguendo i desideri di Taiki, cambiando colore da viola a giallo arancio. Inizialmente sembra sconvolto da tale trasformazione, e si allontana sprezzante, ma in seguito torna ad aiutare il ragazzo quando questi è impegnato in una dura lotta contro Tactimon. Al suo ex superiore, si giustifica dicendo che, dopo che il ragazzo gli ha mostrato pietà, non riesce a non restituirli il favore, e si sacrifica per distruggere la torre che l'ufficiale dell'esercito Bagra aveva installato per impedire al gruppo di scappare in un'altra Zona. Tactimon è disgustato da tale cambiamento, dicendo che Taiki ha corrotto uno dei suoi uomini, ma il generale dei Fusion Hearts ribatte che è stato l'esercito Bagra ha rovinare Grademon. In seguito, viene confermato che Grademon era stato reso malvagio dall'influsso di Bagramon, ma ritorna in vita buono quando Taiki riconquista la Corona del Codice.

Armate dei Generali Oscuri[modifica | modifica wikitesto]

Ognuno dei sette Generali Oscuri possiede un proprio esercito particolare, la cui funzione è sia quella di soldati, sia quella di torturare i digimon civili per ottenere energia negativa per il progetto D5. Ogni armata è composta da un tipo particolare di digimon. Con l'eccezione di Ignitemon, muoiono tutti nei vari scontri con i Fusion Hearts. Nel dettaglio:

  • Territorio dei Draghi: sono digimon di tipo Drago, armata personale di Dorbickmon. Huanglongmon è il secondo in comando del generale, unico di cui mostri realmente rispetto. Ha l'aspetto di un drago a quattro zampe, senza ali e coperto di scaglie dorate. Considerati tra l'élite dell'esercito Bagra, sono soliti tenersi in allenamento infierendo sugli indifesi digimon del territorio, ottenendo l'energia negativa.
  • Territorio dei Vampiri: sono digimon di tipo Angelo Caduto, armata personale di NeoVamdemon. Sono guidati dai comandanti delle LadyDevimon, digimon dall'aspetto di donne demoniache, che si caratterizzano per un colorito più rossastro rispetto alle loro varianti standard. Possiedono grandi poteri rigenerativi che li consentono di guarire da ferite anche mortali, ma se vengono attaccati costantemente esauriscono le forze e possono essere eliminati. Hanno l'ordine di rapire i Lopmon locali e portarli al castello di NeoVamdemon, così che il loro padrone possa assorbire il potere dei piccoli digimon.
  • Territorio del Miele: sono digimon prevalentemente di tipo Insetto, armata personale di Zamielmon. Tra di loro, un ruolo importante è svolto da Ignitemon, digimon dall'aspetto di un ragazzino con il volto coperto da una strana maschera. Non è fisicamente forte, ma possiede il potere di emettere suoni che paralizzano i Digimon, consentendo ai suoi compagni di succhiare l'energia dei digimon per produrre il DigiHoney, lasciando le vittime vive ma prive di forze. In realtà, Ignitemon serve l'esercito Bagra solo per paura, e quando arrivano i Fusion Hearts, si schiera dalla loro parte e con sua sorella, la ribelle Mervamon.
  • Territorio Cyber: sono digimon di tipo Androide armata personale di Splashmon. In realtà non sono davvero Digimon, ma fantocci controllati direttamente a distanza dal generale, tramite apposite goccia, in quanto non si fida di nessuno. Un fantoccio particolare è Ruka, fatto per assomigliare a una ragazza umana dai capelli verdi e i modi di fare esuberanti e infantili, con cui Splashmon tenta di far cadere in trappola i Fusion Hearts e tentare di portare Dorulumon di nuovo dalla parte dell'esercito Bagra. Dopo aver fallito nell'intento e aver rapito il Digimon, Ruka viene disattivata. Le gocce di Splashmon sono parte del suo corpo, e pertanto seguono tutti i suoi ordini.
  • Territorio dell'Oro: sono digimon di tipo Acquatico, armata personale di Olegmon. Membro importante è Mermaimon, digimon dalle sembianze di sirena vestita con un cappello da pirata e armata di ancora. In passato vi faceva parte anche Ballistamon, nella sua forma originale di DarkVolumon. Detti anche La Ciurma del Pirata d'Oro, sono tutti estremamente fedeli al loro capitano Olegmon, che li considera suoi amici. In realtà, grazie al potere della cantilena di Olegmon, capace di sovrascrivere il codice dei digimon, possono portare dalla loro parte qualunque digimon desiderino, tranne quelli completamente meccanici. Non mostrano particolare violenza verso i digimon locali per ottenere energia negativa, anche se attaccano un villaggio locale per mettere una taglia sui Fusion Hearts.
  • Territorio dei Canyon : sono digimon simili a creature mitologiche, armata personale di Gravimon. Tra di loro, quelli più vicini al generale sono gli Anubismon, digimon dall'aspetto di sciacalli antropomorfi vestiti di una tunica e dotati di due paia di ali. Uno di loro si mostra particolarmente fedele a Gravimon, anche se tutti i digimon dell'armata, in generale, mostrano ammirazione nei confronti del loro comandante. Non vengono mai mostrati commettere violenza verso dei digimon locali, i quali comunque non sono mai mostrati.
  • Territorio della Luce: sono digimon assomiglianti ad animali o bestie, armata personale di Apollomon. I soldati di grado più alto sono Marusumon e Sethmon. Il primo ha l'aspetto di un uomo alto e muscoloso, con il volto coperto da una maschera di tigre bianca; è molto fedele ad Apollomon, accompagnando i Fusion Hearts in cima alla Torre di Apollonia quando gli viene ordinato, ma è ucciso da Whispered quando questi deve incontrare Yuu e Damemon. Sethmon ha l'aspetto di una bestia a quattro zampe con una testa recante il simbolo del digiuovo dell'amore; è molto violento e amante della lotta, e quando combatte nella Zona Inferno con Whispered, lo considera il suo vero comandante in quanto da sempre desideroso di usare metodi più violenti. Tuttavia, proprio Apollomon Whispered non muove un dito per aiutarlo quando il sottoposto è usato da Yuu per effettuare una DigiXros con Tuwarmon. I digimon locali sono tenuti bloccati al suolo da strane sbarre simili a metallo, al fine di ottenere energia negativa, anche se a un certo punto Whispered ne ordina l'esecuzione, sventata dai Fusion Hearts.

Guardie del Nido del Demone[modifica | modifica wikitesto]

Sono i soldati che sorvegliano il quartier generale dell'esercito Bagra, sono tutti Digimon della famiglia Chessmon, digimon raffiguranti i pezzi del gioco degli scacchi. Sono quasi tutti sconfitti dai Fusion Hearts. Uno di loro, BishopChessmon, vestito con degli abiti sacerdotali, annuncia loro l'arrivo dell'imperatore Bagramon.

Armata d'invasione del mondo reale[modifica | modifica wikitesto]

Sono forze composte da vari tipi di digimon che MegaDarknessBagramon porta con se per invadere il mondo reale. Taiki li sogna il giorno che è mandato a Digiworld, prima dell'inizio della sua avventura. Vengono tutti sconfitti nella battaglia finale.

Ordine dei Cavalieri[modifica | modifica wikitesto]

Sono un gruppo di digimon leggendari che una volta protessero DigiWorld. Il gruppo è composto da Ominimon, il loro leader, tre Agumon, Guilmon, Leviamon, Garurumon, MarineAngemon, Impmon, MetalGarurumon, Gatomon, Veemon, WarGreymon ed Examon. In seguito alla battaglia contro l'esercito Bagra, si trasformarono in DigiMemorie, finendo per la maggior parte dispersi nelle zone di DigiWorld, Omnimon nel mondo reale, e WarGreymon ed Examon si bloccarono tra i due universi. Ominmon in seguito trovò Taiki Kudo e, dopo averlo aiutato a salvare Shoutmon, lo manda nel mondo digitale per salvarlo. Il ragazzo trova poi le DigiMemorie, usandole per salvare la situazione in varie occasioni, anche se queste possono essere usate solo una volta in una zona. Dopo la vittoria dell'esercito Bagra, Omnimon rimanda Taiki e Shoutmon a Digiworld. A insaputa di tutti, l'ufficiale Tactimon, finendo nel mondo reale, libera WarGreymon ed Examon, che salvano Akari e Zenjiro dall'attacco di Bagramon, permettendo loro di salvare i Fusion Hearts dalla dimensione in cui erano stati imprigionati dall'imperatore. In seguito, tutte le loro DigiMemorie sono usate da Taiki per penetrare in MegaDarknessBagramon, disattivandosi a causa dell'alta concentrazione di energia negativa. Dopo che la Corona del Codice si risveglia con Taiki come padrone, si manifestano tutti per la battaglia finale contro l'esercito Bagra, diventando parte di Shoutmon X7 Superior Mode.

Altri Digimon di DigiWorld[modifica | modifica wikitesto]

Archelomon[modifica | modifica wikitesto]

È l'anziano capo della Zona Isola, e un vecchio amico di Jijimon. È un digimon rettile marino simile a una tartaruga. Non è forte, ma piuttosto saggio e astuto. Viene preso prigioniero da Neptemon perché rilevi la posizione del frammento della Corona del Codice locale, rivelandolo dopo aver preso tempo bevendo alcolici, con la scusa di dover risvegliare la memoria, e solo quando il soldato Bagra lo minaccia di morte. Tuttavia, non rivela che Whaamon non cedera il tesoro a dei malintenzionati. Dopo essere stato usato come ostaggio, è infine liberato dai Fusion Hearts.

Syakomon[modifica | modifica wikitesto]

Piccoli digimon simili a blob verdi rinchiusi in conchiglie dentate, sono abitanti della Zona Isola. Aiutano, direttamente e indirettamente, i Fusion Hearts contro le truppe d'invasione Bagra di Neptemon e a salvare Whaamon.

Whaamon[modifica | modifica wikitesto]

Colossale digimon marino simile a una balena bianca la cui schiena costituisce un'intera isola; è un richiamo al mito della balena-isola. Vive nella Zona Isola, i cui abitanti danno in dono, in un dato festival, dei DigiNowa, cibo molto delizioso. Viene preso di mira da Neptemon quando scopre che custodisce al suo interno, simile a un tempio, il frammento della Corona del Codice locale. Lo difende contro gli invasori, ma quando capisce che Taiki e Shoutmon, giunti in suo soccorso, hanno buone intenzioni, da loro il frammento e una pozione per curare Shoutmon, avvelenato dai soldati Bagra Flyimon.

Pharaohmon[modifica | modifica wikitesto]

È il capo della Zona Sabbia, d'aspetto ha l'aspetto di un imponente umanoide dorato indossante vesti simili a un faraone egizio. Deputymon manipola i Fusion Hearts ad affrontarlo convincendoli che vuole rubare il leggendario tesoro custodito dal digimon. Dopo aver chiesto a Taiki se porta la luce o le tenebre, il ragazzo risponde la luce, e Shoutmon X4 attacca il sovrano della Zona Sabbia. Inizialmente Pharaohmon sembra invincibile, ma poi Taiki capisce che è un test che può essere superato non combattendo, prova di malizia, e che Deputymon e Pharaohmon sono in realtà amico. Il digimon faraone, impressionato, dà al ragazzo il frammento della Corona del Codice locale, e delle DigiMemorie. Riappare successivamente, in forma astrale, per spiegare a Taiki come evocare il potere della Zona e curare il digimon Baalmon, ferito gravemente dall'ufficiale Bagra Rirismon.

Guerrieri della Dea[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo di digimon dalle fattezze angeliche, con leader il maestro Angemon. Baalmon, da ragazzo, era uno di loro. Vivevano in una città sotterranea della Zona Sabbia, venerando la statua di una dea, che si illuminava di fronte a coloro che riteneva degni, ovvero con un cuore giusto. Un giorno, i guerrieri impazzirono e si combatterono tra loro, sterminandosi. Solo Baalmon, costretto a uccidere alcuni di loro, e lo stesso Angemon, riuscì a sopravvivere. Successivamente viene rivelato che il gruppo fu annientato dall'ufficiale Bagra Rirismon, usando il potere del digimon androide Ebemon. Taiki diventa uno di loro quando la statua della Dea si illumina alla sua vista, ed usa il potere di essa per guarire il ferito Baalmon. Questi, dopo aver scoperto il complotto di Rirismon ed essersi sacrificato per proteggere i suoi nuovi amici, rinasce, come un vero guerriero della dea, nella forma di Beelzemon; non prima di aver incontrato, mentalmente, lo spirito del suo defunto maestro Angemon, soddisfatto per la maturazione del suo ex allievo.

SlashAngemon[modifica | modifica wikitesto]

È l'autoritario e dispotico presidente della Zona Cielo; è un digimon angelico con volto e corpo coperto da un'armatura e lame al posto delle braccia. Governa la Zona con estrema violenza, aiutato dalle forze di polizia locali, ed è solito punire severamente, anche con delle pubbliche esecuzioni, reati piuttosto innocui, perfino digimon molto piccoli. Nonostante ciò, agisce in tale modo perché crede sinceramente che sia l'unico modo per tenere lontano l'esercito Bagra, e anche perché preoccupato che il potere oscuro sigillato nella Zona possa liberarsi e corrompere gli abitanti. È in competizione con Lucemon per riottenere la carica. Condanna tutti i Fusion Hearts, appena li incontra, per aver opposto resistenza all'arresto e aver risposto alla polizia, venendo però sconfitto nell'arena da Shoutmon X4B, ma Taiki decide di risparmiarli la vita. Perde la campagna contro Lucemon, riconoscendo il potere oscuro quando la spia Bagra lo libera.

Gargoylemon[modifica | modifica wikitesto]

È l'ufficiale della polizia della Zona Cielo, è una sorta di gargoyle bianco vestito di un impermeabile e una sirena della polizia in testa. È molto fedele a SlashAngemon, ma anche paranoico, aggressivo e violento. Sospetta facilmente di chiunque, ma cambia idea altrettanto rapidamente.

Shakkoumon[modifica | modifica wikitesto]

È un digimon della Zona Cielo, il cui nome e aspetto sono un riferimento alle bambole Shakōki-dogū. Ambiguo e imperscrutabile, è sospettato di essere una spia della polizia, ma in realtà è il giudice preposto a valutare gli aspiranti presidenti, come Lucemon, al fine di eleggere solo quelli di buon cuore , affinché non liberino le forze oscure nel tempio della Zona, dove è nascosto il frammento della Corona del Codice. Caduto nell'inganno di Lucemon, lo elegge presidente, ma poi aiuta i Fusion Hearts a salvare la Zona dalla spia dell'esercito Bagra. Dopo la vittoria, nomina Taiki Kudo presidente, affidandogli anche il frammento della Corona del Codice.

Stingmon e Lilamon[modifica | modifica wikitesto]

Sono una coppia di Digimon che vive nella Zona Foresta. Stingmon è un insetto umanoide deciso e determinato a proteggere la Zona dall'esercito Bagra, inizialmente sospettosi nei confronti dei Fusion Hearts, ma poi diventa loro alleato quando capisce che sono ben intenzionati. Lilamon invece è una sorta di fiore dalle fattezze femminili, molto premurosa e romantica, che vede l'amore in tutto, anche fra Akari e Zenjiro. I due hanno una relazione romantica, ma mentre Lilamon è molto più aperta nel parlarne, Stingmon prova leggero disagio, arrivando quasi a sminuirla. Ciò porta a piangere di gelosia la sua compagna, imbarazzando Stingmon notevolmente. Il guardiano della Foresta respinge agevolmente Kongoumon, ma poi è sconfitto dai Blue Flare e il Team Twilight. Quando quest'ultimo penetra nel santuario sacro, Lilamon da ad Akari e Zenjiro le istruzioni per la Danza dell'Amore, unica via per riaprire il varco. I due aiutano poi i Fusion Hearts a sconfiggere le restanti forze dell'esercito Bagra. Ricompaiono nel Territorio del Miele, dove Stingmon è prosciugato da Zamielmon e Lilamon ferita. Dopo la morte del generale oscuro, i due rimangono a sorvegliare il Territorio.

Puppetmon[modifica | modifica wikitesto]

Digimon simile a una marionetta incontrato nella Zona Polvere, abbandonato e creduto morto dai suoi stessi compagni. Dopo aver incontrato i Fusion Hearts, e scoperto che i suoi ex compagni hanno rubato loro il DigiVice, li aiuta nella ricerca, per poi rubarlo a fuggire. Tenta di darlo al tiranno locale, Grandlocomon, in cambio di un passaggio per uscire dalla Zona. Tradito dal digimon treno, si aggrappa a lui intenzionato a non arrendersi, finendo però salvato dai Fusion Hearts. Commosso per il senso di amicizia di Taiki, li aiuta a fermare il digimon, distruggendo il suo servo Hagurumon e consentendo loro di riottenere il DigiVice. Successivamente, li aiuta a fuggire dal Team Twilight e da Rirismon dell'esercito Bagra, promettendo poi di sorvegliare la Zona e renderla migliore con l'aiuto della sua banda. Ricompare nella terza parte della serie, dove manipola un club di appassionati di robot per tramutare BreakDramon in GigaBreakDramon. Apparentemente preda di un'amnesia, non riconosce subito Taiki, recuperando la memoria quando è sconfitto ma protetto dal trio rivale di Cacciatori di Digimon. Puppetmon è un omaggio al personaggio di Pinocchio, infatti ogni volta che mente gli si allunga il naso, metallico.

Banda di Puppetmon[modifica | modifica wikitesto]

È una banda di criminali che vive nei bassifondi della Zona Polvere. È composta da GarbaGemon, essere rosa nascosto in bidone della spazzatura armato di bazooka, BlackToyAgumon, versione giocattolo di Agumon, MetalMamemon, piccolo digimon metallico e e il Trailmon Kettle, simile a un treno rosa. Vivono di sotterfugi e inganni per sopravvivere, ma non sono realmente malvagi. Dopo aver perso il loro compagno Puppetmon, il gruppo ruba il DigiVice a Taiki Kudo, pensando di darlo a GrandLocom. Raggiunti da Taiki, accettano di restituire la refurtiva in cambio di aiuto contro il tiranno locale, ma l'oggetto è rubato da Puppetmon. In seguito, salvano il loro compagno, aiutando i Fusion Hearts sia contro GrandLocomon che aiutandoli a fuggire dal Team Twilight.

Grandlocomon e Hagurumon[modifica | modifica wikitesto]

Sono due digimon che tiranneggiano la Zona Polvere e i suoi abitanti. GrandLocom ha l'aspetto di un enorme treno nero, Hagurumon di un ingranaggio fluttuante. Pretendono rottami in metallo in cambio di olio di macchina, di cui hanno il monopolio. Vogliono un DigiVice per fuggire dalla Zona. Quando Puppetmon, digimon locale, lo offre, dopo averlo rubato ai Fusion Hearts, in cambio di un passaggio, loro accettano, ma in realtà non intendono mantenere la promessa e se ne vanno beffeggiandolo. Dopo una lunga corsa, mentre il varco per un'altra Zona, i due sono raggiunti dai Fusion Hearts. Hagurumon è distrutto da un vendicativo Puppetmon, GrandLocom invece è distrutto da Shoutmon X4.

Monitamon[modifica | modifica wikitesto]

Compagni dei Monitamon sotto il comando di Nene Amano, sono guidati da un anziano locale e vivono nella Zona Shinobi, dove si allenano e vengono addestrati da un nerboruto Monitamon dai modi di fare militari. In realtà, hanno da tempo perso forza, tanto da non potersi opporre all'esercito Bagra, ma aiutano comunque i Fusion Hearts. Tre di loro si uniscono a Taiki Kudo, fungendo da canale di comunicazione con Nene.

Babamon[modifica | modifica wikitesto]

È la principessa dei Monitamon, prigioniera di Musyamon, è coperta da abiti femminili. Viene salvata da Zenjiro dei Fusion a Hearts, per cui sviluppa un'infatuazione; ma, con gran disappunto del ragazzo, ha l'aspetto di una piccola e anziana signora.

Karatenmon[modifica | modifica wikitesto]

È il custode del frammento della Corona del Codice della Zona Shinobi; ha l'aspetto di un uomo volatile con becco e due ampie ali. Serio ed estremamente controllato, concede il custodito solo a chi è capace di farlo ridere, in conformità alla regola della Zona. Inizialmente la sfida per i Fusion Hearts sembra senza speranza, perché Karatenmon non solo non ride ma trova perfino ridicoli i tentativi del gruppo, infuriandosi notevolmente, ma poi cede di fronte a una scenetta tra Akari e Nene. In passato, aveva ottenuto il titolo di guardiano superando la medesima prova, vestendosi e ballando in modo ridicolo, imbarazzandosi notevolmente. Ciò, per Taiki, si spiega con il fatto che i tipi seri, come Nene e Karatenmon, quando tentano di essere comici, risultano per contrasto esilaranti.

Lunamon[modifica | modifica wikitesto]

Residente della Zona Disco, ha l'aspetto di un piccolo esserino bianco, con quattro voluminose orecchie simili a quelle di un coniglio e con addosso una veste rosata. Nonostante le chiare fattezze femminili, il sesso di Lunamon non è ben definito nell'originale giapponese, in quanto utilizza il suffisso "boku", usato tendenzialmente da giovani ragazzi, anche se può essere utilizzato anche da delle femmine. Tale ambiguità è enfatizzata dal fatto che sembra avere una sorta di attrazione per Shoutmon, sebbene ciò appare come molto innocente, e può anche essere semplice ammirazione. Nelle altre edizioni, compresa quella italiana, ha una chiara voce femminile. Dopo che il leader della sua Zona, Mercurymon, è ucciso dai Blue Flare, capitanati da Kiriha Aonuma, Lunamon assiste impotente alla distruzione della sua Zona in seguito ad una dura battaglia dei conquistatori contro uno squadrone dell'esercito Bagra, guidato da Blastmon. Kiriha non fa nulla per proteggere ne la Zona ne gli abitanti, i quali però sono salvati dai Fusion Hearts, che li portano nella Zona Shinobi, che da loro asilo. Dopo aver incontrato Shoutmon, il digimon rosso le offre come consolazione la sua scatola di DigiNowa, che Lunamon conserva gelosamente, ma il giorno dopo questa, abbandonata in una capanna, è distrutta in un nuovo scontro contro Blastmon. La vista delle lacrime di Lunamon, che soffre per la perdita del suo tesoro, da però la forza, e la determinazione, a Shoutmon, di continuare a combattere, raggiungere la forma X5B, e di affrontare, e sconfiggere definitivamente, l'ufficiale Bagra, lasciandone solo la testa, ancora vivo ma ormai inoffensivo. Lunamon ricompare nel Territorio dell'Oro, dove è stata incantata da Olegmon e manipolata per entrare a far parte della Ciurma del Pirata d'oro, anche se poi viene liberata da Shoutmon.

Spadamon[modifica | modifica wikitesto]

È un abitante della Zona Dolci. È un piccolo digimon dall'aspetto di un leoncino bianco coperto da un'armatura azzurra. È armato di una sorta di spada. Dopo essere sfuggito all'invasione della sua casa da parte dell'esercito Bagra, guidato da Matadormon, parte alla ricerca degli ormai leggendari Fusion Hearts. Morente, è trovato da questi nella Zona Shinobi e salvato da Taiki Kudo grazie al DigiVice. Pur non rimanendo impressionato dall'aspetto degli eroi, li guida nella Zona sperando di liberarne gli abitanti, in particolare il suo amico Coronamon. Insieme giungono al castello di Matadormon, dove aiuta i Fusion Hearts a sconfiggere GigaWaruMonzaemon fondendosi con la DigiXros e dando vita a Shoutmon X4S. Successivamente, finisce nei sotterranei della Zona, dove aiuta nella battaglia contro BreakDramon liberando i genitori di Cutemon e impedendo al potente digimon di potersi rigenerare. Spadamon ricompare nel Territorio dell'Oro, dove è stato incantato da Olegmon e manipolato per entrare a far parte della Ciurma del Pirata d'oro, anche se poi viene liberato da Shoutmon.

Coronamon[modifica | modifica wikitesto]

Abitante della Zona Dolci, è il miglio amico di Spadamon. Ha l'aspetto di un felino rosso, con in testa un cappello da Chef. In quanto pasticciere, è imprigionato con i suoi colleghi e sorvegliato da dei Troopmon dell'esercito Bagra per servire Matadormon e cucinare per il piacere del soldato Bagra. Dopo essere liberato dai Fusion Hearts, informa Cutemon che i suoi genitori sono imprigionati nei sotterranei. Coronamon ricompare nel Territorio dell'Oro, dove è stato incantato da Olegmon e manipolato per entrare a far parte della Ciurma del Pirata d'oro, anche se poi viene liberato da Shoutmon.

Genitori di Cutemon[modifica | modifica wikitesto]

Sono i genitori di Cutemon, d'aspetto assomigliano al figlio, assomigliando a dei conigli antropomorfi, anche se sono molto più grandi e di aspetto adulto. Inoltre, hanno somiglianze tra di loro ma anche differenze, enfatizzando il diverso genere. Dopo che la loro casa è attaccata dall'esercito Bagra, vengono separati dal figlio e catturati. Sono prima inviati nella Zona Magma, e poi nella Zona Dolci. Dopo essersi opposti a Matadormon, vengono inviati nei sotterranei e collegati a BreakDramon, affinché possano usare il loro potere per curare le ferite del potente digimon. Il processo è contro la loro volontà, e anche doloroso, ma hanno la forza di comunicare al figlio quanto siano orgogliosi di lui e del suo buon cuore, prima di essere liberati da Spadamon. Alla fine, acconsentono che Cutemon continui il viaggio al fianco dei Fusion Hearts, anche se la madre non riesce a trattenere una lacrima alla partenza del gruppo.

Raremon[modifica | modifica wikitesto]

Digimon dall'aspetto di melma che compaiono nei sotterranei della Zona a Dolci. In realtà sono ciò che resta degli abitanti prigionieri, non pasticcieri, della Zona, dopo che la loro forza vitale è stata succhiata via e trasferita a BreakDramon per rianimarlo. Sono guidati solo dalla fame di dati, e non hanno una grande intelligenza, data la loro condizione. Vengono purificati dai Fusion Hearts una volta ottenuto il frammento della Corona del Codice locale.

Lopmon[modifica | modifica wikitesto]

Sono piccoli digimon dalle lunghe orecchie che vivono nel Territorio dei Vampiri. Sono noti come messaggeri di Dio. Vivono in piccoli villaggi. In gran parte allo stadio di Chokomon, non appena digievolvono Lopmon, vengono rapiti dalle LadyDevimon locali e portati al castello del vampiro, il generale oscuro NeoVamdemon, affinché questi li assorba nel suo corpo per accrescere il suo potere e diventare immortale. Figura leggendaria tra di loro è il Lopmon bianco, capace di indebolire i poteri del vampiro e che si dice viva in una cripta. Uno dei Lopmon incontra I Fusion Hearts mentre è intento a nascondersi dalle LadyDevimon, le quali attaccano il Villaggio dei Chokomon per trovarlo. Dopo che i Fusion Hearts sventano l'attacco, Lopmon, commosso per la loro gentilezza, li accompagna al castello ad affrontare NeoVamdemon, spaventando perfino il vampiro svelando strani poteri. Raggiunge con i suoi nuovi amici la cripta leggendaria, priva però del Lopmon bianco che cercavano. Qui, si fa volontariamente assorbire da NeoVamdemon insieme a Shoutmon per raggiungere l'interno del generale oscuro per liberare MetalGreymon, inglobato precedentemente dal vampiro, e dove si trovano anche gli altri Lopmon. Qui, si rivela essere niente meno che il Lopmon Bianco, e usa i suoi poteri, e tutti i suoi fratelli, per dare a OmegaShoutmon e ZekeGreymon la possibilità di digievolvere insieme in Shoutmon DX e fuggire dal corpo del generale oscuro. I Lopmon muoiono nel processo, ma ciò priva NeoVamdemon della capacità di rigenerarsi, permettendo ai Fusion Hearts di attaccarlo e distruggerlo.

Ignitemon[modifica | modifica wikitesto]

È uno dei soldati del generale oscuro Zamielmon, nel Territorio del Miele, e fratello minore di Mervamon. È un digimon dall'aspetto di un ragazzino con il volto coperto da una strana maschera, simile a quello della sorella. Non è fisicamente forte, ma possiede il potere di emettere suoni che paralizzano i Digimon, grazie a strani anelli dotati di lame rotanti, consentendo ai suoi compagni di succhiare l'energia dei digimon per produrre il DigiHoney, lasciando le vittime vive ma prive di forze. In realtà, Ignitemon serve l'esercito Bagra solo per paura, e non è assolutamente fedele alla loro causa. Quando arrivano i Fusion Hearts, Ignitemon li affronta titubante due volte, la seconda con l'aiuto di GrandisKuwagamon, ma poi si schiera dalla loro parte e con sua sorella, la ribelle Mervamon, rimanendo a sorvegliare il territorio dopo la sconfitta di Zamielmon, insieme a Stingmon.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga