Personaggi della serie Syberia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Kate Walker[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Kate Walker.

Kate Walker è la giovane e promettente avvocatessa newyorkese, protagonista del gioco. Nel primo capitolo, il suo compito è rintracciare Hans Voralberg; nel secondo è aiutarlo a trovare Syberia.

Hans Voralberg[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Hans Voralberg.

Hans Voralberg (9 febbraio 1920) è il fratello minore di Anna Voralberg. È un uomo basso e anziano, considerato da tutti "un bambino", date le sue idee (ovvero cercare Syberia e i mammuth abbandonando l'azienda di famiglia). Ha studiato a Barrockstadt, ove ha costruito il Muro ed un chiosco, lavorato a Komkolzgrad, simpatizzandosi i Sovietici, riposato ad Aralbad (qui conobbe Helena Romanski) e lavorato ancora a Romansbourg. Forse è entrato in contatto con gli Youkol e ha fatto ritorno indietro, ad Aralbad per attendere la sorella (in realtà poi arriverà Kate, la quale gli farà firmare i documenti di compravendita della fabbrica Voralberg) e raggiungere insieme Syberia. Nel secondo capitolo diventa vittima, in un primo luogo dell'età (sviene nel Cabaret di Cirkos, vecchio amico, ma drogato dai Bourgoff ed il Patriarca a cui Kate chiederà aiuto negherà di aiutarlo) e in secondo luogo di Ivan Bourgoff stesso, che lo rapirà. Nel villaggio Youkol, Oscar si sacrificherà per lui diventando un esoscheletro. Una volta eliminato Ivan, raggiunge finalmente Syberia e sale in groppa ad uno dei mammuth, allontanandosi. Cosa ne sia stato di lui successivamente non sappiamo, potrebbe anche essere morto tempo dopo.

Oscar[modifica | modifica wikitesto]

(2002 - Settembre 2002) è stato il simpatico automa, amico di Kate e autista della locomotiva. Fu ideato da Hans Voralberg nella metà del 1900 (anche se il suo cuore meccanico venne creato nel 1932 da Hans stesso), e costruito da sua sorella maggiore Anna Voralberg attorno agli anni del 2000. Kate lo incontrò nella Fabbrica Voralberg, già pronto, ma privo di piedi. Kate, parlando con lui, capisce che è una risorsa essenziale per il ritrovamento di Hans Voralberg, dato che è l'unico in grado di guidare il treno che la condurrà da Hans, quindi, si fa dare istruzioni da lui per fabbricare i piedi.

Oscar rispetta sempre le regole: infatti, prima di partire per Barrockstad, chiede a Kate il biglietto e il visto per partire e, se non lo si è ancora fatto, di rimettere a posto i due cilindri meccanici, gli automi del carillon e la bambolina mammut: se non lo si fa, Oscar non partirà. A Barrockstad, richiede sempre il visto per oltrepassare il muro e il biglietto (questo fa innervosire Kate, la quale lo minaccia di denunciarlo per intralcio alla giustizia dato che si sta occupando di un'importante questione ereditiera). A Komkolzgrad, gli vengono "rubate" le mani da un misterioso uomo che in seguito si rivelerà Sergueï Borodine, sindaco e custode della città. Senza le mani, non può guidare la locomotiva, così Kate si offre di pilotarla. Anche in quel caso, Oscar si rifiuta, dato che non ha i documenti che la autorizzano a guidare il treno. Quando Kate viene incaricata da Borodine di riportare a Komkolzgrad la cantante Helena Romanski, Oscar rimane nel treno in attesa che Kate le riporti le mani.

Durante il concerto, una gabbia gigantesca imprigiona l'anziana cantante. Kate la libera e mentre tentano la fuga, delle sbarre imprigionano la protagonista nel grande edificio. La ragazza consegna le mani di Oscar a Helena, che aiuta l'automa a rimontarle. Anche durante la fuga, si dimostra rispettoso delle regole, dicendo che non può caricare più di due passeggeri a bordo e vuole che abbia il biglietto per Aralbad, ma Kate lo zittisce e lo invita a partire.

In Syberia 2, ha sempre il solito comportamento e gliene succedono di tutti i colori. Viene rapito insieme a Hans Voralberg dai fratelli Bourgoff, in seguito viene seppellito fra la neve. Quando riparte assieme a Kate per ritrovare Hans, è costretto a fermarsi in una landa ghiacciata e innevata dato che le rotaie sembrano finire lì. In seguito, Kate riesce a trainare il treno fino all'interno della città, poi, racconta ad Oscar il sogno che lei ha fatto. Oscar, sentendosi dire la frase "Bisognerà aprire il suo cuore per me...", capisce che è arrivato il suo momento e saluta la ragazza. Kate inizialmente non capisce, poi si rende conto che, togliendo la chiave nel cuore dell'automa, si smonta, formando un esoscheletro che salverà Hans. Kate assiste alla sua "morte", piangendo.

Anna Voralberg[modifica | modifica wikitesto]

Anna (16 novembre 1915 - 17 aprile 2002) era la sorella maggiore di Hans. Le informazioni della sua vita vengono menzionate nel suo diario. È diventata amministratrice della Manifattura Voralberg nel 1939, quando morì il padre (doveva essere Hans a dirigerla, ma questi fuggì un anno prima). Nel 2002 circa ha cominciato ad avere molti debiti da parte di banche svizzere, le quali le suggeriscono di vendere la fabbrica agli americani: la Universal Toys Company. Pochi giorni prima l'acquisto della fabbrica, ha mandato una lettera al suo notaio, dicendo che quando arriverà l'avvocato Kate Walker molto probabilmente non sarà più fra loro e quindi gli rivela che Hans non è morto, liberandosi un grosso peso dalla testa, un peso tenuto per quasi 64 anni. La mattina del 17 aprile 2002, muore a 86 anni, facendo diventare Hans legittimo erede della fabbrica.
In Syberia II, quando Kate entra nel sogno di Hans, si ritrova nella Valadilène del 1932 e la vediamo nei pressi della grotta, dandoci informazioni preziose.

Momo[modifica | modifica wikitesto]

(1990/1?) Un simpatico ragazzino di 11-12 anni (ciò potrebbe farci pensare che il suo anno di nascita risalga al 1990 o al 1991) che incontriamo nella locanda, preso sotto l'ala di Anna Voralberg. Momo ha qualche problema, forse dovuto ad un'infanzia difficile e poi alla morte di Anna, ma è piuttosto intelligente. All'inizio, è occupato perché deve mettere degli ingranaggi nella rispettiva sagoma. Quando comincia a dire che Hans è vivo, il locandiere lo caccia e si rifugia nella soffitta della villa di Anna. Kate lo rincontrerà successivamente lì, per poi portarla nelle vicinanze della grotta. Dopo i tre favori che gli si chiedono, sparisce e non lo si rivede più.

Locandiere[modifica | modifica wikitesto]

(1952 circa??) È il locandiere della locanda in cui alloggia Kate a Valadiléne. Lo si incontra all'inizio del gioco, e gli si dovrà chiedere aiuto per portare la valigia di Kate in camera. Inoltre, darà a Kate la notizia della morte di Anna. Dopodiché, gli si può chiedere ciò che è segnato nell'elenco. Dovrebbe avere circa una cinquantina di anni.

Dr. Alfolter[modifica | modifica wikitesto]

(1935?) È il notaio di Anna Voralberg, che probabilmente iniziò la sua carriera negli anni '50. Kate dovrà andare da lui per concludere l'acquisto, anche se arrivata lì, lui dirà che Anna gli ha spedito una lettera in cui rivela che suo fratello Hans è ancora vivo, e alla sua morte sarà l'unico erede della manifattura Voralberg. Ci suggerirà quindi di andarlo a cercare in Siberia e andare al cimitero a trovare qualcosa di utile nella sua bara e ci darà la chiave del cancello che accede alla Villa, la fabbrica Voralberg e la stazione. Dopodiché ci dirà che deve riposare, e Kate deve quindi andare.

Panettiere[modifica | modifica wikitesto]

Kate lo incontra mentre va dal notaio di Anna. Gli chiederà qualcosa al forno, ma lui le dice che non può darle nulla, essendo chiusi per lutto.

Giardiniera[modifica | modifica wikitesto]

Una giardiniera (forse la giardiniera di Anna) che si incontra nel giardino di Villa Voralberg, intenta a strappare erbacce.

Vecchietto[modifica | modifica wikitesto]

(1920?) Un simpatico vecchietto con cui Kate potrà parlare (opzionale) a Valadiléne. Parleranno per poco, dato che Kate è di fretta.

Parroco Leon Bonnard[modifica | modifica wikitesto]

(1910? - 1980?) Ex - parroco della Parrocchia di Valadilène. Si sa poco di lui: iniziò la sua professione molto giovane. Nel 1938, Rudolph Voralberg (padre di Anna e Hans), venne da lui chiedendogli di consacrare la bara vuota di Hans. Solo dopo la morte del padre, Anna, che per un poco non perse la vita in un incidente, gli rivelò la verità. Lasciò una lettera al suo successore con la rivelazione di questo segreto. Lettera, rimasta nella cappellina della chiesa, ritrovata nel 2002 da Kate.

Capostazione[modifica | modifica wikitesto]

(1942 circa?) È il capostazione della stazione voliera di Barrockstad, nonché custode di un giardino segreto e della voliera. Quando Kate accetta l'incarico di aggiustare il chiosco, capisce che per entrarci ci vuole un uovo del Cuculo dell'Amerzone, ma per recuperarlo deve oltrepassare questi ultimi. Leggendo un libro in biblioteca, scopre che ci vogliono bacche del Sauvignon Forestier dell'Amerzone per allontanarli, e alcuni arbusti si trovano lì a Barrockstad! Il capostazione nega di conoscerli, ma alla fine viene convinto da Kate (perché ha scoperto che lui, il paleontologo dell'Università e i rettori utilizzavano le bacche per farne un buon vino) e gli apre la porta del giardino. Si scuserà dandole una bottiglia di vino dell'Amerzone.

Barcaioli[modifica | modifica wikitesto]

Dei barcaioli (marito e moglie) che Kate incontra per andare all'Università. Non è chiaro da dove vengono: il marito parla un mix di italiano, francese, spagnolo, tedesco e inglese. In cambio di 100 $, accetteranno di trainare la locomotiva ferma con la loro chiatta. Dopo aver dato loro i soldi, Kate dovrà aiutarli a far passare la chiatta per le chiuse. Poi, la ragazza dovrà attaccare una catena al treno e questo si muove fino al carica-treno. Spariscono dopo aver trasportato il treno. Una cosa strana, è come abbiano fatto ad oltrepassare il Muro, dato che l'unico accesso via acqua è un cancello, però chiuso.

I Rettori[modifica | modifica wikitesto]

Sono i tre Rettori dell'Università di Barrockstad, tutti sulla sessantina d'anni e con i baffi, e - come detto da uno di questi - iniziarono la carriera nel 1952, in successione ai loro padri. Convocheranno Kate perché vorrebbero sapere perché il treno è bloccato alla stazione. L'avvocato risponderà alle loro domande e gli chiederà del denaro da dare ai barcaioli per trainare la locomotiva. Dopo una breve riunione, acconsentono in cambio di un lavoretto: riparare il chiosco della musica nel piazzale. A lavoro concluso, si congratuleranno con Kate e le daranno il denaro, chiedendo che il treno venga rimosso subito.

Professor Cornelius Pons[modifica | modifica wikitesto]

(1925?) È l'unico paleontologo dell'Università di Barrockstad, molto interessato ai mammut. Quando era studente, conobbe Hans Voralberg e la cosa che più li accomunava erano i mammut stessi. Presumibilmente ha origini tedesche.

Studenti[modifica | modifica wikitesto]

Vari studenti universitari che si vedono a Barrockstad. In tutto ne si vedono cinque. Si può parlare con due di loro: uno in bliblioteca e uno fuori dall'università.

Capitano Malatesta[modifica | modifica wikitesto]

(1938 circa) Unico guardiano del muro di Barrockstad, successo al padre, Colonnello Malatesta, è nato verso la fine degli anni trenta; difatti, suo padre incontrò il giovane Voralberg di quasi 18 anni, che costruì questa muraglia. Il Capitano non conobbe direttamente Hans (era appena nato), ma gliene parlò molto il padre. È un po' miope; infatti, ha sempre creduto che a Est ci fosse un cavaliere pronto ad attaccarli, quando invece era solo un tronco contorto. Darà il visto per far passare la locomotiva, dopo essersi ricreduto.

Colonnello Malatesta[modifica | modifica wikitesto]

(fine 1800 - 1968) Nato probabilmente alla fine dell'800 inizi '900, era il padre del Capitano Malatesta, che conobbe Hans Voralberg, il quale costruì il Muro. Morì nel 1968, in seguito gli successe il figlio.

Sergueï Borodine[modifica | modifica wikitesto]

(1950?-2002) Unico custode e "Sindaco" di Komkolzgrad, si può considerare l'antagonista principale di Syberia. Infatti, quando il treno si è fermato nella zona industriale, ha rubato le mani ad Oscar per impiantarle ad un pianista automa da lui creato. Il suo scopo è di portare lì la famosa cantante Helena Romansky. Kate accetta di portare lì la donna purché il tizio le ridia le mani. Ma l'uomo non rispetta i patti: durante l'esibizione di Helena, fa calare una gigantesca gabbia che la imprigiona. Kate riesce a liberarla e recupera le mani di Oscar, ma appena la cantante oltrepassa la porta per uscire, delle sbarre impediscono di fare passare anche la protagonista. Borodine piazza anche delle bombe per la miniera, ma quando Kate è riuscita ad uscire, fa apparire delle sbarre di metallo attorno alla gigantesca statua. Kate la fa saltare in aria assieme alla città, e probabilmente è morto nell'esplosione.

Boris Charov[modifica | modifica wikitesto]

(1950?) È un pilota, che Kate incontra nella Base Spaziale. All'inizio è ubriaco, ma dopo che Kate lo fa "rinfrescare", riprende i sensi. Ha conosciuto Hans tempo prima, che costruì un'Ala Volante a molla. Ma l'uomo partì il giorno prima del lancio. Boris dà a Kate la chiave per far partire un dirigibile e permetterle di arrivare ad Aralbad, ma questo non parte a causa di alcuni uccelli. La ragazza chiede aiuto al pilota; egli le rivelerà un segreto solo se gli farà fare un viaggio sull'Ala Volante. Kate riesce a farlo partire, ma prima le rivela di lasciar partire la sua aquila Soyuz.

Riappare nel secondo capitolo, dove si schianta con la sua Ala Volante nelle zone siberiane, salvando Kate dalla morte. Aiuterà la ragazza a farla eiettare vicino al treno, rubato dai fratelli Bourgoff.

Felix Smetana[modifica | modifica wikitesto]

(1952 circa?) È il direttore e receptionista dell'hotel termale Kronsky (appartenente alla catena Edenor) in cui alloggia Helena Romansky. Fedele alle regole e molto educato. Inizialmente ha avuto un contrasto con Kate per aver "rovinato" una fontana di fronte all'albergo, ma dopo essere stato rimproverato da Helena, ha chiesto scusa. Trascorre la maggior parte del tempo a guardare le partite di calcio in una vecchia TV che molto spesso non funziona.

Helena Romansky[modifica | modifica wikitesto]

(anni '20-'30 - Giovedì 5 settembre 2002) È stata una cantante lirica russa, amica del cantante Franck Malcovitch. Quando le sue condizioni di salute cominciarono a peggiorare nel 1981, decise di riposarsi all'hotel termale Kronsky, ad Aralbad dal 10 gennaio 1981. Purtroppo, non fu poi di così grande aiuto. Infatti, dal 4 maggio dello stesso anno, dovette ritirarsi definitivamente e restare all'hotel. Fu qui che incontrò Hans Voralberg, che per lei costruì l'automa James (alla fine del gioco dice che credeva di amarlo).

Nel 2002, Kate le chiede di cantare a Komkolzgrad per Sergueï Borodine, suo grande fan. L'anziana donna inizialmente rifiuta, perché non ha più la grande voce che aveva un tempo. Kate le prepara un cocktail inventato da George barista francese che creò un misterioso intruglio a base di Vodka, Curaçao blu, limone e miele d'acacia liquido, che chiamò Blue Helena. La Romansky negli anni '50 doveva esibirsi a Parigi, ma la sua voce era sparita. George le diede il cocktail e le ritornò magicamente la voce. Kate riprova a fare il cocktail e a Helena ritorna la voce, la stessa voce che aveva cinquant'anni prima. A Komkolzgrad, Borodine la imprigiona in una gigantesca gabbia di metallo, ma grazie a Kate esce sana e salva. Dopo la fuga dalla città, ad Aralbad, vuole dare un ultimo saluto a Kate prima della sua partenza.

Il 14 settembre dello stesso anno, Helena muore. La notizia della scomparsa verrà annunciata da un giornale a Romansbourg (Syberia II).

James[modifica | modifica wikitesto]

James (1981) è l'infermiere automa dell'hotel Kronsky, creato da Hans Voralberg (è quindi un "parente" di Oscar), esclusivamente per Helena Romansky. Anche se il suo ruolo nella storia è poco importante, non è inutile.

Franck Malcovitch[modifica | modifica wikitesto]

(nato negli anni '20-'30) Era il marito di Helena Romansky ed è un cantante. Incontrò la mamma di Kate Walker e cominciò una relazione con lei. È menzionato solamente in Syberia.

Signora Walker[modifica | modifica wikitesto]

Madre di Kate, chiama spesso la figlia in Syberia per chiederle come sta andando il lavoro, anche se poi comincia a parlare del suo nuovo compagno Frank Malcovitch. In Syberia 2 chiama una sola volta, chiedendo a Kate di tornare a casa, ma la ragazza le dice addio. In seguito chiama Marson.

Signor Walker[modifica | modifica wikitesto]

Padre di Kate, si menziona poche volte.

Dan Foster[modifica | modifica wikitesto]

È stato il ragazzo di Kate. Nel periodo in cui Kate è in viaggio, si innamora della migliore amica della ragazza, Olivia Parker. Curioso il fatto che in Syberia 2 non venga più menzionato e il suo numero di telefono non sia più nel cellulare di Kate.

Olivia Parker[modifica | modifica wikitesto]

La migliore amica di Kate. Nel tentativo di tenere su di morale Dan, preoccupato per la sua ragazza, si avvicina molto a lui e se ne innamora. Curioso il fatto che in Syberia 2 non venga più menzionata e che il suo numero di telefono non sia più nel cellulare di Kate.

George[modifica | modifica wikitesto]

Barman francese, è l'autore del Blue Helena. Muore circa una trentina di anni prima gli eventi di Syberia.

Colonnello Emeliov[modifica | modifica wikitesto]

Soldato in pensione, è il sindaco di Romansbourg.

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi