Permindex

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Permindex - Centro Mondiale Commerciale
Stato Italia Italia
Tipo Società per azioni
Fondazione 1958 a Roma
Sede principale Roma
Settore Commercio

La Permindex, sigla che abbrevia la denominazione sociale estesa di Permanent Industrial Exhibition, era una organizzazione commerciale fondata in Canada e con sede anche in Svizzera, a Basilea, infine stabilitasi in Italia, a Roma, [1] dove acquista il nome di Centro Mondiale Commerciale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1967, l'inchiesta curata dal Procuratore distrettuale di New Orleans Jim Garrison scopre collegamenti tra Permindex-Centro Mondiale Commerciale e l'assassinio di John Fitzgerald Kennedy. I dettagli di questi collegamenti scoperti verranno trasfusi nel libro dello stesso, JFK. Sulle tracce degli assassini. [2] Tale libro è alla base del film JFK - Un caso ancora aperto di Oliver Stone.

A partire dagli anni duemila, conferme a Garrison giungono attraverso il lavoro del ricercatore canadese Maurice Philipps, grazie all'accesso da lui ottenuto ai documenti privati consegnati come lascito testamentario da Louis Bloomfield, fondatore della Permindex, all'Archivio di Stato del Canada. [3] Nel 2014, il ricercatore italiano Michele Metta, trovati i documenti societari, li pubblica in un libro intitolato CMC. Il lato italiano della congiura che uccise John Fitzgerald Kennedy. Tale libro, che si avvale del sostegno fattivo del Presidente dell'Associazione dei familiari delle vittime della Strage di Bologna Paolo Bolognesi, scopre, così, che la Permindex-CMC era finanziata da due banche collegate dapprima al finanziamento di Adolf Hitler, e poi al capo della CIA Allen Dulles e a suo fratello Foster Dulles: si tratta della Seligman e della Schroder. La seconda banca, la Schroder, risulta essere stata dietro i colpi di Stato in Iran del 1953 ed in Guatemala del 1954.[4] Michele Metta rivela pure che soci della Permindex-CMC erano personaggi intimi di Licio Gelli e legati alla sua ascesa nella P2, quali Roberto Ascarelli e Virgilio Gaito, e che ugualmente soci erano nomi collegati ai Servizi segreti ed alla nascita e protezione di formazioni armate sovversive neofasciste, come è il caso di Giuseppe Pièche, ed alla Strategia della tensione in Italia. [5] Metta, sul tema, realizza poi anche un proprio documentario. [6] [7] Nell'aprile 2017, Michele Metta riceve il plauso diretto di Oliver Stone per il grande valore delle proprie scoperte esclusive sull'assassinio di John Fitzgerald Kennedy. [8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]