Perito in elettronica e telecomunicazioni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Perito industriale.

Nell'attuale sistema scolastico italiano, il corso di Perito industriale dell'Istruzione Tecnica si articola in un biennio comune e un successivo triennio di specializzazione. Tra questi vi è il Perito Industriale in Elettronica e Telecomunicazioni.[1]

Lo studente deve scegliere fra uno dei due indirizzi: Informatica / Elettronica e successivamente decidere l'articolazione a cui è interessato. La prima si suddivide in: Informatica e Telecomunicazioni; la seconda in: Elettronica ed Elettrotecnica, o Elettronica ed Automazione.

Profilo Professionale[modifica | modifica wikitesto]

Il corso per conseguire il Diploma di Perito Industriale in Elettronica e Telecomunicazioni fornisce nozioni per poter sapere affrontare i problemi specifici del settore elettrico in termini sistemici. Pertanto deve essere in grado di:

  • analizzare e dimensionare reti elettriche lineari e non lineari;
  • analizzare le caratteristiche funzionali dei sistemi, anche complessi, di generazione, elaborazione e trasmissione di suoni, immagini e dati;
  • partecipare al collaudo e alla gestione di sistemi di vario tipo (di controllo, di comunicazione, di elaborazione delle informazioni) anche complessi, sovrintendendo alla manutenzione degli stessi;
  • progettare, realizzare e collaudare sistemi semplici, ma completi, di automazione e di telecomunicazioni, valutando, anche sotto il profilo economico, la componentistica presente sul mercato;
  • descrivere il lavoro svolto, redigere documenti per la produzione dei sistemi progettati e scriverne il manuale d'uso;
  • comprendere manuali d'uso, documenti tecnici vari e redigere brevi relazioni in lingua inglese;
  • eseguire il controllo e il collaudo dei materiali e dei prodotti finiti nell'ambito delle competenze professionali;
  • organizzare i servizi di manutenzione con particolare riferimento agli impianti di bordo;
  • risolvere i problemi relativi alle connessioni fra sistemi di propulsione e struttura.[2]

Materie[modifica | modifica wikitesto]

III ANNO:

Religione o attività alternative; Lingua e lettere italiane; Storia ed educazione civica; Lingua inglese; Matematica; Elettrotecnica e laboratorio; Elettronica; Meccanica e macchine; Sistemi automatici; Tecnologia, disegno e progettazione; Educazione fisica.

IV ANNO:

Religione o attività alternative; Lingua e lettere italiane; Storia ed educazione civica; Economia industriale con elementi di diritto; Lingua inglese; Matematica; Elettrotecnica e laboratorio; Elettronica; Sistemi automatici; Telecomunicazioni; Tecnologia, disegno e progettazione; Educazione fisica.

V ANNO:

Religione o attività alternative; Lingua e lettere italiane; Storia ed educazione civica; Economia industriale con elementi di diritto; Lingua inglese; Matematica; Elettrotecnica e laboratorio; Elettronica; Sistemi automatici; Telecomunicazioni; Tecnologia, disegno e progettazione; Educazione fisica.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]