Periplo del Ponto Eusino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Colonie greche del mar Eusino dall'VIII al III secolo a.C.
Province romane della Cappadocia sulle coste del mae Eusino, di cui fu governatore Arriano.
Prima pagina dell'edizione di Basilea del 1533

Il Periplo del Ponto Eusino (in greco antico: Περίπλους τοῦ Εὐξείνου Πόντου, in latino Periplus Ponti Euxini) è un periplo o guida con le indicazioni delle destinazioni che i visitatori incontravano quando viaggiavano sulle coste del Mar Nero. È stato scritto da Arriano di Nicomedia dal 130 al 131.[1]

Contenuto[modifica | modifica wikitesto]

Venne scritto sotto forma di lettera, da Arriano all'imperatore Adriano a Roma, che era particolarmente legato alla ricerca geografica e aveva visitato di persona una gran parte dei suoi vasti domini. Esso contiene un accurato rilievo topografico delle coste del Ponto Eusino (Mar Nero), da Trapezus a Bisanzio, ed è stato scritto probabilmente mentre Arriano ricopriva l'incarico di legato di Cappadocia, poco tempo prima dello scoppio della guerra contro glil Alani; efu, senza dubbio, allo stesso tempo che egli elaborò le sue istruzioni per la marcia dell'esercito romano contro i barbari, istruzioni che si trovano in un breve ma imperfetto frammento allegato al Techne Taktika, scritto, come afferma egli stesso, nel ventesimo anno del regno dell'imperatore, e che contiene, dopo un breve resoconto di ex scrittori sullo stesso argomento, una descrizione dell'ordine e della disposizione di un esercito in generale.[2]

Il suo scopo era quello di informare l'imperatore dello "stato dei luoghi" fornendo le informazioni necessarie, come le distanze tra le città e le posizioni che avrebbero fornito porto sicuro per le navi in una tempesta nell'eventualità che Adriano dovesse inviare una spedizione militare nella regione.[3]

Il Periplo contiene, secondo le espressioni epigrammatiche di Gibbon nel XLII capitolo, "ciò che il governatore della Cappadocia aveva visto tra Trebisonda e Dioscurias; ciò che aveva udito, da Dioscurias al Danubio; e quanto aveva appreso, dal Danubio a Trebisonda."[4] Così, mentre Arriano fornisce molte informazioni sulla costa sud e ad est del Ponto Eusino, per quanto riguarda la riva nord i suoi intervalli diventano maggiori, e le sue misure meno precise.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Arrianus, in The New International Encyclopædia, II, New York, Dodd, Mead and Company, 1902, pp. 44.
  2. ^ Hugh James Rose, Henry John Rose e Thomas Wright, A New General Biographical Dictionary, London, B. Fellowes, 1848, pp. 207. OCLC 11837478.
  3. ^ Fergus Millar e edited by Hannah M. Cotton and Guy M. Rogers, Rome, the Greek World, and the East vol. 2: Studies in the history of Greece and Rome, Chapel Hill, University of North Carolina Press, 2004, pp. 183, ISBN 0-8078-5520-0. OCLC 46992203.
  4. ^ Edward Gibbon, The History of the Decline and Fall of the Roman Empire.
  5. ^ William Smith, A Dictionary of Greek and Roman Geography, London, Walton and Maberly, 1854, pp. 887, ISBN 978-1-84511-001-7. OCLC 31406498.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN183262777 · GND: (DE4469002-2 · BNF: (FRcb12307213j (data)
Antica Grecia Portale Antica Grecia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antica Grecia