Periodo della pratica comune

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Si deve al compositore statunitense Walter Piston (1894-1976)[1], che lo coniò nel 1941, il termine periodo della pratica comune per riferirsi all'epoca del maggiore splendore della musica classica. Esso abbraccia circa 300 anni, approssimativamente dal 1600 al 1900, e comprende il barocco, il classicismo e il romanticismo. Fra i compositori più importanti si annoverano Antonio Vivaldi, Georg Friedrich Händel, Johann Sebastian Bach, Joseph Haydn, Wolfgang Amadeus Mozart, Ludwig van Beethoven, Franz Schubert e molti altri ancora.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Piston, Walter. [Armonía. [1941]. Span Pres Universitaria, 1998. ISBN 1-58045-935-8.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]