Perdutoamor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Perduto amor)
Perdutoamor
Perdutoamor.png
Manlio Sgalambro in una scena del film
Paese di produzione Italia
Anno 2003
Durata 100 min
Genere drammatico
Regia Franco Battiato
Soggetto Franco Battiato
Sceneggiatura Franco Battiato e Manlio Sgalambro
Produttore Francesco Cattini
Produttore esecutivo Tore Sansonetti
Casa di produzione L'Ottava, Sidecar
Fotografia Marco Pontecorvo
Montaggio Isabelle Proust
Musiche Salvatore Adamo, Gregorio Alicata, Johann Sebastian Bach, Franco Battiato, Hector Berlioz, Carlo Donida, Luis Enríquez Bacalov, Giorgio Gaber, Gary Geld, Wolfgang Amadeus Mozart, Lee Pockriss, Henry Purcell, Robert Schumann, Richard Strauss, Totò, Peter Udell, Antonio Vivaldi
Scenografia Francesco Frigeri
Costumi Gabriella Pescucci, Flora Brancatella, Sartoria Tirelli
Trucco Franco Corridoni
Interpreti e personaggi
Premi
« Partiti da un soggetto assolutamente pretestuoso, con Manlio Sgalambro, abbiamo scritto una sceneggiatura per un film-balletto. Il protagonista, un “cavaliere inesistente”, condivide con gli altri caratteri (stereotipi di comodo) l'incontro con lo “straordinario”… Così la lezione di cucito, di tantra, l'esoterismo, la filosofia. Il mio intento era quello di comporre e plausibilizzare questi sprazzi di veglia. La macchina da presa è il vero protagonista. »
(Franco Battiato)

Perdutoamor è un film del 2003 diretto dal cantautore Franco Battiato, al debutto nella regia cinematografica all'età di 58 anni.

Questo film è riconosciuto come d'interesse culturale nazionale dalla Direzione generale per il cinema del Ministero per i Beni e le Attività Culturali italiano, in base alla delibera ministeriale del 3 luglio 2002.

Perdutoamor ha ricevuto un ottimo consenso di critica: ha ottenuto ben 6 candidature ai Nastri d'argento 2004 e alcuni premi minori. Il regista Franco Battiato si è aggiudicato il Nastro d'argento al miglior regista esordiente.

Il film prende il titolo dalla canzone degli anni sessanta Perduto amore del cantautore italo-belga Salvatore Adamo, reincisa poi anche da Battiato nel suo album del 2002 Fleurs 3.

Tra le partecipazioni, il film vede il cantautore Francesco De Gregori impegnato come attore in una scena nel ruolo di un critico musicale.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La storia si svolge in tre "tempi narrativi" che ruotano intorno al protagonista, Ettore Corvaja seguendone prima la formazione dall'adolescenza in una Sicilia e una famiglia sospese tra la realtà e l'immaginario (che avviene lungo l'arco del 1955, dalla fine del V Festival della canzone italiana fino all'autunno dello stesso anno), a cura di un colto aristocratico del paese che gli fece da guida.

Nella seconda parte il protagonista cresciuto si trova studente nel pieno boom economico degli anni sessanta. Nell'ultima parte si è trasferito a Milano, città frenetica e piena di fermenti. Qui Ettore, aspirante scrittore, entra con sospetto nel mondo della musica. Ma conosce anche un mondo altro grazie ad un gruppo esoterico che frequenta, apprezzando la scoperta del sé.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Oltre alla regia e alla sceneggiatura del film, Franco Battiato ne ha curato anche la colonna sonora «originale e affascinante»,[3] creando attraverso un «raffinatissimo gioco di selezione e combinazione [...] un suggestivo arazzo melodico reso particolare dagli inconsueti abbinamenti»[3] tra brani degli anni sessanta-settanta e pezzi del repertorio classico.

Così è riportata nei titoli di coda del film:

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Indicata nei titoli di coda come partecipazione straordinaria
  2. ^ Indicata nei titoli di coda come amichevole partecipazione
  3. ^ a b Daniela Zacconi, Amori perduti e sogni realizzati, in FilmTV.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema