Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo - Il mare dei mostri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Percy Jackson: Sea of Monsters)
Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo - Il mare dei mostri
Percy Jackson 2 - Trailer Screenshoot.png
Screenshoot dal trailer
Titolo originale Percy Jackson: Sea of Monsters
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 2013
Durata 106 min.
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,35 : 1
Genere avventura, fantastico
Regia Thor Freudenthal
Soggetto Rick Riordan
Sceneggiatura Marc Guggenheim
Produttore Chris Columbus, Michael Barnathan, Karen Rosenfelt, Bill Bannerman
Produttore esecutivo Mark Morgan
Casa di produzione Fox 2000 Pictures, Second Line Stages, TCF Vancouver Productions, Trireme Productions
Fotografia Shelly Johnson
Montaggio Mark Goldblatt
Musiche Andrew Lockington
Scenografia Claude Paré
Costumi Monique Prudhomme
Trucco Rebecca Lee, Lee Grimes, Lisa Love, Stacey Herbert, Fay von Schroeder
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo - Il mare dei mostri (Percy Jackson: Sea of Monsters) è un film del 2013 scritto e diretto da Thor Freudenthal e con protagonisti Logan Lerman, Brandon T. Jackson, Alexandra Daddario, Douglas Smith, Leven Rambin e Jake Abel. È tratto dal romanzo omonimo scritto nel 2006 da Rick Riordan ed è il sequel del film del 2010 Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo - Il ladro di fulmini.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

« Crono: Percy Jackson, il tuo destino è stato scritto tempo fa.
Percy: Il mio destino lo decido io! »
(Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo - Il mare dei mostri)

La storia si apre con un flashback raccontato da Percy che risale a sette anni prima dell'inizio degli eventi che caratterizzano la trama. Tre semidei e un satiro, ovvero Annabeth Chase, Grover Underwood, Luke Castellan e Talia Grace, scappano da un ciclope per rintanarsi al Campo Mezzosangue, dimora di tutte le persone come loro. Durante la fuga però, Talia perde la vita per salvare gli altri, ma suo padre Zeus, per fare in modo che ella continui a vivere in eterno, la trasforma in un albero in modo che alimenti la barriera posta ai confini del Campo Mezzosangue.

Sette anni dopo, Percy Jackson, il figlio del dio del mare Poseidone, torna al Campo Mezzosangue. Dopo aver sconfitto Luke, il ladro di fulmini e figlio di Hermes, Percy riprende una vita tranquilla insieme ai suoi amici Annabeth e Grover, ma si ritrova spesso in situazioni di costante rivalità con Clarisse La Rue, figlia di Ares, il dio della guerra. Un giorno, si presenta al campo un ciclope di nome Tyson delle stesse dimensioni di Percy, che alla fine si rivela essere il fratellastro di quest'ultimo, in quanto anch'egli figlio di Poseidone. Improvvisamente, la barriera protettiva dell'albero di Talia viene frantumata dall'attacco di un Toro della Colchide, un mostro simile ad un toro meccanico, che Percy riesce a respingere scagliandogli la penna Anaklusmos (Vortice in greco antico) negli ingranaggi, distruggendolo. Subito dopo, gli appare davanti Luke, che gli rivela l'esistenza di una profezia che lo riguarda e cerca di convincerlo a passare dalla sua parte, dicendogli anche che molti altri mezzosangue si sono già uniti a lui. Intanto, il centauro Chirone e il Signor D, il direttore del campo, scoprono che la rottura della barriera è dovuta all'avvelenamento dell'albero di Talia e Percy accusa di questo Luke.
Annabeth, tuttavia, consultando il suo tablet, trova un modo per curarlo, ovvero il Vello d'oro, una potente reliquia situata nel Mare dei Mostri, corrispondente niente meno che al Triangolo delle Bermuda. Quella stessa sera, Percy riceve la visita dell'Oracolo, che gli rivela l'importante profezia riguardante il suo futuro.

Gli racconta dapprima la storia del potente e malvagio Crono, che comandava il mondo insieme ai suoi fratelli Titani. Grazie alla resistenza di Zeus, Poseidone e Ade, Crono fu sconfitto, ma destinato a tornare nuovamente in vita per vendicarsi. Solo il figlio di uno dei tre avrebbe potuto sconfiggere nuovamente Crono, oppure sarebbe stato destinato a distruggere l'Olimpo.

« In principio tra due cugini per un vello la lotta culmini

combatterrano il figlio del mare e il ladro di fulmini.

E quel mezzosangue giungerà senza danni,

vivo e indenne fino ai vent'anni.

Vedrà il mondo che nel nulla svanirà,

l'anima malvagia una lama maledetta mieterà.

Una sola scelta potrà salvarlo

preservare l'Olimpo, o cancellarlo. »

All'udire queste parole, Percy decide di partire di nascosto con Annabeth, Grover e Tyson alla ricerca del Vello d'oro, nonostante la missione di recuperarlo sia stata affidata a Clarisse e al satiro Ecneute. Per confondere Tyson con i comuni mortali, Annabeth gli spruzza sull'occhio della Foschia Spray.

Come prima tappa, i quattro vengono condotti al Campidoglio di Washington dalle Graie, che vengono costrette da Percy a rivelare quello che sanno sulla profezia, e gli danno come indicazioni i numeri 30, 31, 75, 12. Giunti al Campidoglio, i quattro vengono attaccati da alcuni mezzosangue schierati dalla parte di Luke, che rapiscono Grover, e Percy realizza che Luke è alla ricerca del Vello, per questo gli serve Grover. Annabeth, per scoprire dov'è Luke, li conduce da Ermes, il padre di quest'ultimo, il quale dona loro un Thermos contenente i quattro venti di ogni angolo del mondo e un Eliminatore di Materia in grado di far sparire qualsiasi cosa venga delimitata con esso, poi i serpenti sul kerykeion, Martha e George, rivelano la presenza di Luke su uno yacht chiamato Andromeda, costeggiato al largo della Florida.
Arrivati al molo, Tyson chiede aiuto al padre per riuscire a raggiungere la nave di Luke e trovare Grover, così Poseidone manda in loro soccorso un ippocampo. I tre salgono sullo yacht ma vengono catturati da Luke ed egli rivela che Grover si trova già al Mare dei Mostri e di avere intenzione di trovare il Vello per riportare in vita Crono, il re dei Titani.
I tre vengono poi sbattuti nella cella dello yacht, ma riescono a fuggire su una scialuppa grazie ai poteri di Percy e utilizzando l'Eliminatore di Materia e il Thermos dei Venti di Ermes. Mentre sono in viaggio verso il Mare dei Mostri, Annabeth rivela a Percy che il motivo della sua antipatia e indifferenza verso Tyson è dovuta al fatto che fu proprio un ciclope ad uccidere Talia tempo addietro.

Giunti al mare, vengono attaccati da Cariddi e finiscono inghiottiti da questa. Nello stomaco del mostro, Percy, Annabeth e Tyson incontrano Clarisse, la quale, a malincuore, li accoglie sulla sua nave popolata dai marinai sudisti le cui vite sono state sacrificate ad Ares, e che Annabeth ribattezza come "zombie". Percy e Clarisse decidono di collaborare e realizzano un piano per liberarsi: grazie al cannone della nave sudista fanno venire il mal di stomaco a Cariddi che li espelle dallo stomaco. Una volta fuori, Percy riesce a trovare le coordinate che li porteranno nella dimora di Polifemo, il possessore del Vello, grazie ai numeri che le Graie gli hanno detto, che si rivelano essere proprio coordinate.

Percy, Annabeth, Tyson e Clarisse raggiungono la tana di Polifemo e in un duro scontro con questo riescono a recuperare sia il Vello d'oro che Grover. Di nuovo fuori, si imbattono però in Luke, che chiede loro il Vello, ma Percy si rifiuta di darglielo, perciò Luke gli scaglia contro una freccetta probabilmente avvelenata. Tyson però si interpone e riceve il colpo, precipitando nel fiume. I quattro amici vengono catturati, Luke ottiene il Vello e lo pone sopra la bara di Crono, attendendo che egli risorga. Percy, afflitto e scoraggiato per la morte di Tyson, si convince di essere lui l'eroe che distruggerà l'Olimpo, viene però dissuaso da Annabeth, che lo convince che siamo noi gli artefici del nostro destino. I quattro eroi si liberano e affrontano Luke e i suoi seguaci. Percy affronta Luke che cerca di ucciderlo con la sua stessa spada ma interviene però Tyson, che si rivela essere vivo poiché l'acqua l'aveva guarito, in quanto figlio di Poseidone.

Proprio in quel momento, Crono risorge e ingoia Luke e Grover. Percy agguanta Anaklusmos e ferisce Crono al piede, scoprendo così che la lama maledetta della profezia altro non è che la sua spada. Crono tenta inutilmente di uccidere Percy, che lo sconfigge squarciandogli il petto con Vortice, liberando Grover e Luke. Quest'ultimo però, rimane intrappolato nella tana di Polifemo e sembra sia la fine per lui. Quando tutto sembra andare per il meglio, Annabeth viene avvelenata dalla Manticora alleata di Luke, che la ferisce col pungiglione di scorpione. Grover e Clarisse intervengono per annientare la Manticora: Grover la distrae e Clarisse la uccide tagliandole il pungiglione con la spada. Annabeth però è in fin di vita, ma Percy, aiutato dagli altri, la copre col Vello e riesce a salvarla, anche se lei pensava di raggiungere Talia nei campi elisi.

Tornati al Campo Mezzosangue, Clarisse depone il Vello sull'albero e ripristina la barriera, ma il suo potere è talmente enorme da riportare alla luce anche la stessa Talia. Ora i figli degli dei più antichi, ovvero Zeus, Poseidone e Ade, sono due e quindi la profezia può riguardare entrambi, non solo Percy.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Lo sviluppo del film iniziò il 1º marzo 2011, giorno in cui la casa di produzione Fox 2000 ingaggiò Scott Alexander e Larry Karaszewski come sceneggiatori.[1] Sempre nello stesso giorno venne inoltre annunciato che il regista del primo film Chris Columbus sarebbe tornato come produttore, ma che non si sarebbe occupato di dirigere il sequel,[1] compito che il successivo 16 giugno venne affidato a Thor Freudenthal.[2]

Casting[modifica | modifica wikitesto]

Il primo attore ad essere confermato nel cast fu Logan Lerman nel ruolo del protagonista Percy Jackson[1] e nei mesi successivi venne confermato anche il ritorno di Alexandra Daddario, Brandon T. Jackson e Jake Abel rispettivamente nei ruoli di Annabeth Chase, Grover Underwood e Luke Castellan.[3]

Il casting del film iniziò nel mese di febbraio del 2012. Il primo attore ad essere scritturato fu Douglas Smith che il 16 febbraio venne scelto per interpretare il ruolo di Tyson.[4] Il successivo 29 febbraio le attrici Missi Pyle, Yvette Nicole Brown e Mary Birdsong vennero scelte per interpretare il ruolo delle Graie.[5] e il 15 marzo si unì al cast Nathan Fillion nel ruolo di Ermes, il padre di Luke Castellan.[6] Il 20 marzo venne aggiunto al cast l'attore Anthony Head nel ruolo di Chirone, sostituendo così Pierce Brosnan che aveva interpretato questo ruolo nel primo film.[3] Nel successivo mese di aprile si unirono al cast anche le attrici Paloma Kwiatkowski e Leven Rambin rispettivamente nei ruoli di Talia Grace e Clarisse La Rue.[7][8]

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese del film iniziarono il 16 aprile 2012 a Vancouver in Canada.[9] Dopo aver passato più di un mese nella città canadese e aver effettuato due settimane di riprese al Robert Burnaby Park durante il mese di maggio,[10] il 5 giugno il cast e la troup si spostarono a New Orleans in Louisiana dove rimasero fino al successivo 14 luglio.[11] Le riprese del film terminarono il 22 gennaio 2013.[12]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo trailer ufficiale del film è stato proiettato il 29 marzo 2013 durante l'anteprima statunitense del film The Host[13] ed è stato distribuito online dal sito di MTV il 1º aprile.[14] L'8 maggio dello stesso anno venne distribuito il primo trailer in italiano del film,[15] seguito il successivo 26 giugno dal trailer internazionale.[16] Il successivo 4 luglio venne inoltre distribuito anche il secondo trailer in italiano.[17]

Alcune scene del film sono state presentate in anteprima il 23 luglio 2013 durante la quarantatreesima edizione del Giffoni Film Festival, alla presenza degli attori Logan Lerman e Alexandra Daddario.[15][18][19]

Il film doveva essere distribuito nei cinema statunitensi a partire dal 26 marzo 2013,[20] ma, dopo essere stata inizialmente spostata al 16 agosto,[21] la data di uscita venne infine fissata al 7 agosto, per permettere di convertire la pellicola in 3D.[22] In Italia è stato distribuito a partire dal 12 settembre 2013.[23]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il film non è stato particolarmente apprezzato dalla critica. Sebbene sia stato definito "non noioso" dai critici, che hanno dato un voto di 5,1/10 (non eccessivamente negativo), essi hanno disprezzato l'eccessiva differenza che c'è tra il film e il libro. Molte delle scene iniziali del libro sono assenti totalmente nel film (ad esempio la corsa delle bighe o l'attacco dei giganti alla scuola dove va Percy Jackson). La reazione del pubblico è stata ancora più feroce, proprio per le moltissime differenze tra il film e il libro (in particolare il fatto che il film adotti già nel secondo capitoli gli elementi che costituiscono il finale della saga), pertanto, nonostante abbia superato gli incassi del budget, il film è da considerarsi un flop. Con un incasso di 199.850.315 dollari, il film non è stato apprezzato dal pubblico e non ha raggiunto gli incassi del precedente film, che ha incassato 226.497.209 dollari, pur avendo ricevuto anch'esso critiche generalmente negative.

Possibili sequel[modifica | modifica wikitesto]

Il film, nonostante abbia già incluso nella pellicola il finale della saga letteraria (ovvero la sconfitta di Crono, che però al termine fa intendere un sicuro ritorno con l'illuminazione della bara facendo perciò pensare che questa sia stata solo la prima lotta contro il Titano), dovrebbe avere dei seguiti, perché la saga letteraria include altri tre capitoli ed è seguita da una nuova serie, Eroi dell'Olimpo.

Nonostante il buon incasso (circa 110 milioni di dollari) del film, e l'altrettanto buon incasso del primo (che si aggira attorno ai 131 milioni), entrambi gli adattamenti cinematografici sono stati giudicati negativamente sia dalla critica che dai fans, quindi la possibilità dei sequels appare remota. Logan Lerman, attore protagonista della saga, il 25 marzo 2014, in un'intervista, ha detto che pensa che il sequel sia "morto", ma un rapporto del 31 marzo successivo ha dichiarato che "Lerman ha detto che il progetto Percy Jackson 3 potrebbe andare ancora avanti" e che le sue precedenti parole "sono state prese fuori dal contesto originale". Al Festival Internazionale del Cinema di Santa Barbara del 2015, Logan Lerman ha detto che gli piacerebbe tornare a vestire i panni di Percy Jackson, ma anche aggiunto che se gli studios tarderanno, lui e gli altri attori diventeranno troppo grandi per interpretare i personaggi della serie.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Steven Zeitchik, 'Percy Jackson' sequel could be on its way, in Los Angeles Times, 1º marzo 2011. URL consultato il 28 marzo 2013.
  2. ^ (EN) Steven Zeitchik, 'Percy Jackson and the Olympians' sequel locks down star, lands director, in Los Angeles Times, 16 giugno 2011. URL consultato il 28 marzo 2013.
  3. ^ a b (EN) Pamela McClintock, Anthony Head to Play Chiron in 'Percy Jackson' Sequel, in The Hollywood Reporter, 20 marzo 2012. URL consultato il 28 marzo 2013.
  4. ^ (EN) Justin Kroll, Rachel Abrams, ‘Percy’ sequel zeroes in on Smith, in Variety, 16 febbraio 2012. URL consultato il 28 marzo 2013.
  5. ^ (EN) Pamela McClintock, Missi Pyle, Yvette Nicole Brown, Mary Birdsong Join 'Percy Jackson' Sequel, in The Hollywood Reporter, 29 febbraio 2012. URL consultato il 28 marzo 2013.
  6. ^ (EN) Pamela McClintock, Nathan Fillion to Play Hermes in 'Percy Jackson' Sequel (Exclusive), in The Hollywood Reporter, 15 marzo 2012. URL consultato il 28 marzo 2013.
  7. ^ (EN) Mike Fleming Jr., Vancouver High Schooler Gets Dream Role In ‘Percy Jackson’ Sequel, in deadline.com, 3 aprile 2012. URL consultato il 28 marzo 2013.
  8. ^ (EN) Dave McNary, Leven Rambin set for ‘Percy Jackson’ sequel, in Variety, 9 aprile 2012. URL consultato il 28 marzo 2013.
  9. ^ (EN) Harout Harman, Percy Jackson: Sea of Monsters Adds Leven Rambin, in movieweb.com, 10 aprile 2012. URL consultato il 28 marzo 2013.
  10. ^ (EN) Christine, ‘Percy Jackson: Sea of Monsters’ shoot will move from Vancouver to Louisiana in June, in onlocationvacations.com, 24 maggio 2012. URL consultato il 28 marzo 2013.
  11. ^ (EN) Mike Scott, 'Percy Jackson' sequel setting up shop in NOLA, in The Times-Picayune, 11 giugno 2012. URL consultato il 28 marzo 2013.
  12. ^ (EN) Logan Lerman Twitter, twitter.com, 22 gennaio 2013. URL consultato il 28 marzo 2013.
  13. ^ (EN) First Look at Percy Jackson: Sea of Monsters, in comingsoon.net, 21 marzo 2013. URL consultato il 26 marzo 2013.
  14. ^ (EN) Amy Wilkinson, 'Percy Jackson: Sea Of Monsters' Trailer: Watch Now!, in MTV, 1º aprile 2013. URL consultato il 2 aprile 2013.
  15. ^ a b Mirko D'Alessio, Percy Jackson e il Mare dei Mostri in anteprima al Giffoni Film Festival, ecco il trailer italiano!, in badtaste.it, 8 maggio 2013. URL consultato il 15 luglio 2013.
  16. ^ (EN) Matt Goldberg, International Trailer for PERCY JACKSON: SEA OF MONSTERS Goes Heavy on Action and Shows Most of the Movie, in collider.com, 26 giugno 2013. URL consultato il 28 giugno 2013.
  17. ^ Andrea Francesco Berni, Il nuovo trailer italiano di Percy Jackson e il Mare dei Mostri!, in badtaste.it, 4 luglio 2013. URL consultato il 15 luglio 2013.
  18. ^ Elisa Volpi, Percy Jackson – Il Mare Dei Mostri, in Comingsoon.it, 24 luglio 2013. URL consultato il 30 luglio 2013.
  19. ^ Orazio Di Martino, Percy Jackson: il mare dei mostri presentato in anteprima al Festival di Giffoni, in giffonifilmfestival.it, 8 maggio 2013. URL consultato il 15 luglio 2013.
  20. ^ (EN) Pamela McClintock, Fox Moves Ahead With New 'Die Hard' and 'Percy Jackson' Films, in The Hollywood Reporter, 12 ottobre 2011. URL consultato il 26 marzo 2013.
  21. ^ (EN) Adam Chitwood, FANTASTIC FOUR Reboot Set for March 6, 2015 Release Date; THE WOLVERINE, X-MEN: DAYS OF FUTURE PAST and More Going 3D, in collider.com, 8 dicembre 2012. URL consultato il 26 marzo 2013.
  22. ^ (EN) Percy Jackson: Sea of Monsters Moved up to August 7, in comingsoon.net, 6 aprile 2013. URL consultato il 15 luglio 2013.
  23. ^ 'Data di uscita "Percy Jackson e gli déi dell'Olimpo: Il mare dei mostri, in Coming Soon, 9 giugno 2013. URL consultato il 9 giugno 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]