Per aspera ad astra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Per aspera ad astra (disambigua).
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Ad astra per aspera" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Ad astra per aspera (disambigua).
Illustrazione di un artista finlandese (1894)
Ad astra nel motto della nobile famiglia siciliana dei Montaperto
Per aspera ad astra nel motto dello stato del Kansas (Stati Uniti d'America)

Per aspera ad astra oppure Per aspera sic itur ad astra è una frase latina, spesso usata quale motto o incitazione, che significa letteralmente: «attraverso le asperità sino alle stelle». Si tratta di una frase relativamente recente in questa forma, anche se frasi simili si possono trovare nei classici: Virgilio (Eneide IX, 641); Lucio Anneo Seneca, che scrisse nell’opera Hercules furens: "non est ad astra mollis e terris via" ('non esiste alcuna via semplice dalla terra alle stelle').[1]

Origini[modifica | modifica wikitesto]

L’origine viene dalla Grecia. Si ritiene infatti, sebbene non ve ne sia certezza, che le sue radici si rinvengano nella mitologia greca, secondo la quale solamente gli eroi, una volta morti, avrebbero avuto l’onore di salire all’Olimpo. Questo cammino verso “le stelle” era dunque riservato a chi aveva avuto una vita impavida, per definizione ricca di asperità e pericoli[2].

Utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

L'efficacia del motto è inoltre dovuta alla paronomasia fra i due termini, che gli conferisce un suono altamente espressivo. Altre locuzioni simili infatti, sono Ad augusta per angusta ("Alle cose eccelse attraverso le difficoltà") e Per crucem ad lucem ("Attraverso la croce si giunge alla luce").

Musica[modifica | modifica wikitesto]

  • Nell'album di Franco Battiato Apriti sesamo del 2012 la canzone Caliti Junku riporta, dopo la citazione gluckiana dell'Orfeo ed Euridice ("Che farò senza Euridice?"), le parole "Per aspera ad astra/le asperità conducono alle stelle".
  • La raccolta dei 15 études de virtuosité, op. 72 per pianoforte di Moritz Moszkowski è intitolata per aspera ad astra.
  • Questa frase è il titolo di una canzone degli Haggard, gruppo metal tedesco, all'interno dell'album Eppur si muove.
  • Questa frase è il titolo di una canzone dei Die Apokalyptischen Reiter, gruppo metal tedesco, contenuta nell'album Samurai.
  • L'album di Morgan Da A ad A, uscito nel 2007 e sottotitolato "Teoria della catastrofi", s'ispira proprio a questo motto, che il cantante ha definito più volte come uno dei suoi preferiti.
  • Questa frase è il motto dell'etichetta discografica indipendente torinese "La locomotiva".
  • Questa frase è stata anche utilizzata come titolo di un album del 1998 degli Stars of The Lid, duo statunitense di musica drone-ambientale.
  • Questa frase dà il nome a una VHS pubblicata nel 1996 contenente il concerto tenuto da Mia Martini il 15 maggio 1992 presso il Teatro Nazionale di Milano. È stato ristampato su VHS e DVD nel 2004.
  • Questa frase è il titolo di una canzone degli Spiritual Beggars, contenuta nell'album Ad Astra.
  • La variante Ad augusta, per angusta è citata nell'opera Ernani di Giuseppe Verdi (Atto 3 - Scena III).
  • I Gemelli DiVersi hanno scritto Ad astra per aspera, nel libretto del loro cd del 2013 Tutto da capo.
  • Terza traccia dell'ep omonimo del rapper casertano Mega Jack (Ad Astra).
  • La contrazione Augusta per Angusta viene utilizzata come motto di Gustavo Adolfo II nella traccia Lion from the north dell'album Carolus Rex della band svedese Sabaton.
  • Questa frase è il titolo di una canzone di Paul Kalkbrenner, contenuta nella colonna sonora del film Global Prayer.
  • Questa frase viene ripresa (anche se modificata per lo stile del gruppo) nel brano Per Aspera Ad Inferi dell'album Infestissumam della band svedese Ghost.
  • La frase "da aspera ad astra" è'il titolo all'album uscito nel 2021 di Daniela Spalletta che contiene anche un brano con lo stesso titolo.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

  • La frase è riportata nel film Elizabethtown (2005), all'interno della mappa stradale creata dalla co-protagonista.
  • La stessa è incisa sul calcio di una pistola, nel film Amore e chiacchiere, ed è tradotta da Vittorio De Sica come: "O si è, o non si è".
  • Nell'universo di Star Trek è il motto della Flotta Stellare.
  • La frase è citata nel film di fantascienza L'uomo che cadde sulla Terra (film) (1976), all'interno di un dialogo atto a scoprire la menzogna del protagonista Thomas Jerome Newton, che afferma di essere britannico, per celare la propria origine extraterrestre.
  • Nel film Armageddon, quando Henry e sua figlia s'incontrano dove l'Apollo 1 esplose durante un'esercitazione.
  • Nel film Il colonnello Buttiglione del 1973 è il motto della Caserma Zanzibar.
  • Nel film Il bisbetico domato, Don Cirillo durante l'allenamento dei suoi ragazzi, poco prima di incontrare il suo amico Elia (A. Celentano), cita tale motto per incitarli a dare il meglio in vista della finale di basket.
  • La frase è il nome del film sovietico di fantascienza del 1981 "Per Aspera Ad Astra" (Через тернии к звёздам).
  • "Per aspera ad astra" viene citata da Gino Cervi conversando con Vera Carmi nel film del 1945 di Mario Soldati "Le miserie del signor Travet"

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Altro[modifica | modifica wikitesto]

Castel Goffredo, monumento ai Caduti: sull'architrave il motto Per aspera ad astra.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lucio Anneo Seneca, Hercules furens, atto II, 437. Pronunciato da Megara, moglie di Ercole.
  2. ^ Per aspera ad astra: significato, storia e uso di un motto millenario, su Oltre la Linea, 2 ottobre 2019. URL consultato il 2 dicembre 2020.
  3. ^ Per aspera ad astra
  4. ^ Statuto del Comune di Raffadali
  5. ^ Il sito del Comitato Palio di Castell'Alfero
  6. ^ Il sito del Centro Universitario Sportivo di Bari
  7. ^ Caprara, Giovanni, 1948- Ragni, Franco. Motta Rubagotti, Diana., Luigi Gussalli : pioniere dello spazio = space pioneer, Fondazione civiltà bresciana, stampa 2002, ISBN 88-86670-35-4, OCLC 955510182. URL consultato il 10 dicembre 2021.
  8. ^ GUSSALLI, Luigi., Si può già tentare un viaggio dalla terra alla luna? Relazione di esperienze eseguite coi porpulsori a doppia reazione, etc. [With plates.]., 1923, OCLC 559102788. URL consultato il 10 dicembre 2021.
  9. ^ GUSSALLI Luigi, 1930, Astronautica e propulsori a reazione, Società Editrice Libraria Milano.
  10. ^ GUSSALLI Luigi, 1941, Propulsori a reazione per l'Astronautica; editore Giulio Vannini, Brescia.
  11. ^ GUSSALLI Luigi, I viaggi interplanetari per mezzo delle radiazioni solari; editore Giulio Vannini, Brescia, 1946.
  12. ^ Giancarlo Cobelli, Per aspera ad astra. Il monumento ai caduti di Castel Goffredo di Timo Bortolotti, 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Lingua latina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lingua latina